• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

Prima e dopo

mordr3d

Esperto di Medicina
sto pensando di fare un piccolo studio empirico, per valutare alcuni parametri vitali (quindi non soggetti alla diversa percezione) prima e dopo l'uso delle e-sig.

nello specifico, pressione arteriosa, frequenza cardiaca, saturazione di ossigeno*, e picco di flusso espiratorio **.

pressione e frequenza si valutano abbastanza facilmente e non sto qui a spiegarvi.

per la saturazione, servirebbe un saturimetro (o pulsossimetro) quello a pinza che si mette nel dito con la lucetta rossa. io ne ho comprato uno con circa 40 euro su ebay ed è grando quanto un accendino, se siete in zona ve la misuro io(sempre la saturazione) :)
questo parametro esprime in modo indiretto la capacità dei polmoni di ossigenare il sangue.

il picco di flusso espiratorio, si misura con un aggeggio in cui si soffia, in genere i medici ne hanno a scatoloni pieni perchè glieli lasciano i rapresentanti e non li usano. in pratica è un tubo con una specie di lancetta e una molla, che misura il puto massimo di intensità del flusso d'aria quando la soffiate fuori dai polmoni.
questo è un indice indiretto di costrizione bronchiale.

in questi giorni farò qualche misurazione su di me e le publico, poi vediamo come si modificano questi parametri dopo.

se avete modo di fare anche voi queste misurazioni (anche non tutte) le mettiamo qui :)
 
Ottimo Doc! Per far quadrare il cerchio stiamo aspettando analisi del livello di nicotina e cotinina nel sangue, in America chi le ha fatte ha riscontrato che anche se si svapa a 36 mg fisso, si ha nel sangue 1/3 della concentrazione di nicotina di un normale fumatore :)
 
sto pensando di fare un piccolo studio empirico, per valutare alcuni parametri vitali (quindi non soggetti alla diversa percezione) prima e dopo l'uso delle e-sig.

nello specifico, pressione arteriosa, frequenza cardiaca, saturazione di ossigeno*, e picco di flusso espiratorio **.

pressione e frequenza si valutano abbastanza facilmente e non sto qui a spiegarvi.

per la saturazione, servirebbe un saturimetro (o pulsossimetro) quello a pinza che si mette nel dito con la lucetta rossa. io ne ho comprato uno con circa 40 euro su ebay ed è grando quanto un accendino, se siete in zona ve la misuro io(sempre la saturazione) :)
questo parametro esprime in modo indiretto la capacità dei polmoni di ossigenare il sangue.

il picco di flusso espiratorio, si misura con un aggeggio in cui si soffia, in genere i medici ne hanno a scatoloni pieni perchè glieli lasciano i rapresentanti e non li usano. in pratica è un tubo con una specie di lancetta e una molla, che misura il puto massimo di intensità del flusso d'aria quando la soffiate fuori dai polmoni.
questo è un indice indiretto di costrizione bronchiale.

in questi giorni farò qualche misurazione su di me e le publico, poi vediamo come si modificano questi parametri dopo.

se avete modo di fare anche voi queste misurazioni (anche non tutte) le mettiamo qui :)

Magnifico!!
Aspetto con curiosità i risultati.
Per favore, specifica anche la quantità giornaliera di nicotina che assumevi con le normali sigarette e quella che assumi ora.
L'argomento mi interessa molto, perchè da quando svapo, onde compensare quel senso di appagamento datomi dal caro vecchio tabacco, ho quasi sempre la e-cig in bocca e, pertanto, ho aumentato enormemente la mia dose quotidiana di nicotina (cosa che per me è fonte di perplessità e preoccupazione, nonchè di qualche disagio fisico che credo direttamente correlato al sovradosaggio di nico:()
 
in effetti bisognerebbe dosarla nel sangue.

la dose reale è quella che in farmacologia si chiama "biodisponibilità"
cioè se io prendo 100 mg di aspirina ma ne assorbo 50, vuol dire che, attraverso quella via di somministrazione, ho una biodisponibilità del 50%
 
in effetti bisognerebbe dosarla nel sangue.

la dose reale è quella che in farmacologia si chiama "biodisponibilità"
cioè se io prendo 100 mg di aspirina ma ne assorbo 50, vuol dire che, attraverso quella via di somministrazione, ho una biodisponibilità del 50%

interessante !
io ho una biodisponibilità del 100% al tortellino durante queste feste ! :D:D:D

scherzi a parte, la tua attività a questo forum mi sembra piena di buone ed interessanti iniziative .... purtroppo sono all'altro capo del paese altrimenti mi sarei messo a disposizione come cavia.
 
puoi farlo cmq, ma per conto tuo.
i parametri puoi controllarli anche li dove sei :)

certo lo studio è più interessante se viene fatto un prima e dopo.
 
certo lo studio è più interessante se viene fatto un prima e dopo.

E' proprio questo il punto. Se facessi il controllo ora otterrei solo il "dopo", ma senza i valori del "prima" non potrei fare bilanci.
Comunque, anche se l'assorbimento della nicotina veicolata dal vapore fosse molto più basso rispetto a quella assorbita con il fumo, credo che, nel mio caso, il bilancio sia comunque in perdita: fumavo 20 sigarette al gg da 0,1mg di nico (totale 2mg al gg). Ora, per avere soddisfazione, svapo, nella migliore delle ipotesi, 2ml al gg di liquido da 18mg (ossia 36mg di nicotina che mi entra in circolo quotidianamente). Dico "nella migliore delle ipotesi", perchè forse consumo anche 3ml al giorno (il che farebbe 54mg di nico:eek:).
Per andare in pareggio, quindi, l'assorbimento di "droga" tramite l'e-cig dovrebbe essere quasi trascurabile, e non credo proprio che sia così, visto, tra l'altro, che avverto anche una accrescita dipendenza rispetto a prima.
Come ho lamentato in un altro 3d, credo proprio che se smettessi ora di svapare, il mio corpo reclamerebbe come minimo 2 pacchetti di sigarette al giorno:(
 
E' proprio questo il punto. Se facessi il controllo ora otterrei solo il "dopo", ma senza i valori del "prima" non potrei fare bilanci.
Comunque, anche se l'assorbimento della nicotina veicolata dal vapore fosse molto più basso rispetto a quella assorbita con il fumo, credo che, nel mio caso, il bilancio sia comunque in perdita: fumavo 20 sigarette al gg da 0,1mg di nico (totale 2mg al gg). Ora, per avere soddisfazione, svapo, nella migliore delle ipotesi, 2ml al gg di liquido da 18mg (ossia 36mg di nicotina che mi entra in circolo quotidianamente). Dico "nella migliore delle ipotesi", perchè forse consumo anche 3ml al giorno (il che farebbe 54mg di nico:eek:).
Per andare in pareggio, quindi, l'assorbimento di "droga" tramite l'e-cig dovrebbe essere quasi trascurabile, e non credo proprio che sia così, visto, tra l'altro, che avverto anche una accrescita dipendenza rispetto a prima.
Come ho lamentato in un altro 3d, credo proprio che se smettessi ora di svapare, il mio corpo reclamerebbe come minimo 2 pacchetti di sigarette al giorno:(

da quello che viene fuori dagli studi, la quantità veicolata e assorbita è molto più bassa da 1/5 a 1/10 per quel che ho capito.
inoltre la nicotina è solo uno degli aspetti che inducono dipendenza.
e probabilmente nemmeno il peggiore.
 
da quello che viene fuori dagli studi, la quantità veicolata e assorbita è molto più bassa da 1/5 a 1/10 per quel che ho capito.
inoltre la nicotina è solo uno degli aspetti che inducono dipendenza.
e probabilmente nemmeno il peggiore.

Beh, se fosse 1/10 non avrei aumentato la dose tanto quanto supponevo, il chè mi consola:)

Tuttavia, ciò che mi preoccupa della nicotina, non è tanto la dipendenza, quanto il suo essere un potente vasocostrittore, e quindi tutti gli inconvenienti che ne conseguono a livello cardio-circolatorio.
Noto, ad esempio, che, malgrado un sensibile aumento delle mie prestazioni aerobiche (dovuto sicuramente alla eliminazione dei prodotti della combustione del tabacco, cioè del catrame e del co2), comincio ad accusare qualche problema a livello cutaneo (pelle più secca, arrossamenti, qualche capillare scoppiato) e non vorrei fossero proprio la conseguenza di un minore irroramento dei tessuti causato proprio da un maggiore introito di nicotina.
 
Beh, se fosse 1/10 non avrei aumentato la dose tanto quanto supponevo, il chè mi consola:)

Tuttavia, ciò che mi preoccupa della nicotina, non è tanto la dipendenza, quanto il suo essere un potente vasocostrittore, e quindi tutti gli inconvenienti che ne conseguono a livello cardio-circolatorio.
Noto, ad esempio, che, malgrado un sensibile aumento delle mie prestazioni aerobiche (dovuto sicuramente alla eliminazione dei prodotti della combustione del tabacco, cioè del catrame e del co2), comincio ad accusare qualche problema a livello cutaneo (pelle più secca, arrossamenti, qualche capillare scoppiato) e non vorrei fossero proprio la conseguenza di un minore irroramento dei tessuti causato proprio da un maggiore introito di nicotina.

ho difficoltà ad inquadrare questi fenomeni in questo contesto.
soprattutto conoscendo così poco di te.
 
ho difficoltà ad inquadrare questi fenomeni in questo contesto.
soprattutto conoscendo così poco di te.

Tempo fa lessi un articolo in proposito, in cui si parlava di indebolimento dell'epidermide in connessione diretta con la nicotina (vista la capacità di tale sostanza di restringere, rendere meno elastici e quindi più fragili i condotti sanguigni e soprattutto i capillari, che sono i più delicati). Il discorso mi quadrava abbastanza, perchè meno sangue arriva ai tessuti e più questi ultimi ne risentono, soprattutto, poi, se si tratta degli strati superficiali (come l'epidermide) dove il nutrimento sanguigno è per la maggior parte devoluto proprio ai capillari.
Se ritrovo quell'articolo lo posto.
 
Tempo fa lessi un articolo in proposito, in cui si parlava di indebolimento dell'epidermide in connessione diretta con la nicotina (vista la capacità di tale sostanza di restringere, rendere meno elastici e quindi più fragili i condotti sanguigni e soprattutto i capillari, che sono i più delicati). Il discorso mi quadrava abbastanza, perchè meno sangue arriva ai tessuti e più questi ultimi ne risentono, soprattutto, poi, se si tratta degli strati superficiali (come l'epidermide) dove il nutrimento sanguigno è per la maggior parte devoluto proprio ai capillari.
Se ritrovo quell'articolo lo posto.

Non sono un medico, ma con questo freddo, credo che se hai la pelle un po' secca è normale! In inverno la pelle si secca; mia moglie che non fuma e non svapa si da un litro di crema sulle mani tutte le sere, proprio perchè in questo priodo la pelle si secca..
 
Non sono un medico, ma con questo freddo, credo che se hai la pelle un po' secca è normale! In inverno la pelle si secca; mia moglie che non fuma e non svapa si da un litro di crema sulle mani tutte le sere, proprio perchè in questo priodo la pelle si secca..

il chè probabilmente è la risposta più verosimile...
 
Indietro
Top