• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

Per chi inizia (ovvero: "Perché non comprerò il TA")

Dusty Mummy

New member
Al quindicesimo giorno di svapo senza nemmeno una ricaduta nelle analogiche (ed erano 50 al giorno), nonostante io sia ovviamente un niubbo rispetto a gente che ha già alle spalle dodici mesi di VG, PG, FA, MA, TW, LF e altre simili sigle che lasciano perplesso chi si avvicina a questo mondo, apro questo thread per un piccolo consiglio a chi arriva solo ora: non impazzite ricercando il gusto del tabacco. Quel gusto non esisteva prima e non esiste nemmeno adesso. Quella ricerca è una scusa che vi impedisce di smettere di bruciare carta.

Leggo ogni giorno disperate richieste di miracoli alchemici che simulino il gusto del tabacco... ma, scusate, a quale gusto alludete? Parliamoci chiaro, possiamo parlare di gusto tirando in ballo i sigari o il tabacco da pipa. Un Montecristo ha un sapore ben diverso da un Cohiba e ancora più da un ammezzato Garibaldi tanto quanto una mixture inglese al Latakia (quello vero, solido, bruciabile) non ha niente a che vedere con il gusto aromatico olandese o con i tabacchi francesi bruciati nel fornello della pipa. Ma stiamo parlando di tabacchi da degustazione che non vengono aspirati ma passano tra bocca e naso senza scendere a impestare i polmoni.

Fino a 15 giorni fa, io aspiravo una cinquantina di Camel al giorno e le mie papille gustative erano talmente bruciate che, oltre a non sentire aromi, non sentivo nemmeno il gusto stesso della sigaretta. O meglio, sentivo il gusto della prima, appena sveglio. Ed era un gusto acido e fastidioso. Il fumare (ai miei livelli e a quelli di tanti che approdano su questi lidi) non era una ricerca del gusto, ma una mera necessità: si arrivava a sera che fumare faceva schifo, che si aveva la bocca impastata e a volte anche mal di testa, ma si andava avanti perché se ne aveva bisogno.

Poi si arriva qui e si vorrebbe lo stesso gusto in bocca, lo stesso formato tra le dita e ci si lamenta che fumare era ben altro.

Esatto, confermo. Fumare era altro. Non ci si poneva nemmeno il problema del gusto, ci si accendeva una sigaretta dopo l'altra e, per chi come me passa la giornata a lavorare al PC, spesso si accendeva la nuova mentre la precedente era ancora accesa nel posacenere. Gestualità, abitudine e voglia di nicotina. Il gusto non c'entrava.

L'unica cosa che dovrebbe interessare davvero agli ex forti fumatori è la sensazione di sazietà e il colpo in gola. Bene, grazie alle ricerche dei pionieri svapatori di questo forum (ogni tanto vado a spulciare l'archivio e sorrido leggendo di chi aveva appena scoperto la "misteriosa" Flavour Art e proponeva di provarla per sostituire le prime miscele a base di PaneAngeli, Rum e Vodka) sono tutti problemi risolti. Grazie a loro, ora possiamo giocare con PG, VG, ottenere il nicotinico colpo in gola e riempirci pure i polmoni lamentandoci che la quercia non ammazza il dolce come invece fa il Perique. :rolleyes:

Una volta entrati nell'ottica di questo nuovo strumento da fumo, una volta che la necessità della nicotina, della gestualità e dei polmoni pieni di fumo sono soddisfatti, avete finalmente la possibilità di provare nuovi gusti. Anch'io i primi giorni trovavo tutto troppo dolce e avevo praticamente abolito il VG e leggevo avidamente qualsiasi thread che consigliasse un gusto tabacco secco e sigarettoso. Ma dopo soli 15 giorni, di quel presunto gusto tanto agognato nemmeno mi ricordo. Ora apprezzo il dolce, svapo quel che mi vien voglia di svapare, a volte col mentolo a volte no. Alterno gli FA anche fino al 10% ai liquidi Janty premiscelati, a volte faccio dei miscugli inenarrabili o semplicemente unisco i fondi di boccetta con la curiosità di scoprire che cosa verrà fuori.
Mi diverto a fare il piccolo chimico, respiro meglio, ho la botta nicotinica e i polmoni pieni.

Ma non ricerco più il gusto del tabacco da sigaretta perché con quel "presunto" gusto, per fortuna, dopo soli 15 giorni non voglio più avere niente a che fare: ho scoperto che, da ex fumatore, nei primi giorni l'avevo mitizzato e che era solo nella mia testa.

Ecco perché non ordinerò il Tobacco Absolute: sono convinto che anche fosse buono, non sarebbe identico al "gusto" della sigaretta, perché il presunto "gusto" della sigaretta è solo nella mia testa e, rigorosamente IMHO, non esiste niente che possa essere paragonato a ciò che, a torto o a ragione, ormai appartiene alla dimensione del mito.

Quindi, a tutti i "più nuovi di me", se volete smettere davvero di bruciare carta e inalare polveri sottili non cercate disperati una copia di ciò che fumavate prima, ma divertitevi piuttosto a esplorare nuovi mondi e ad apprezzare dei sapori totalmente nuovi. In pochi giorni ne sarete conquistati!

A meno che non siate tra quelli che quando vanno all'estero, invece di scoprire la cucina locale, ordinano spaghetti al ragù e poi si lamentano che sono peggiori di quelli cucinati da mammà... ma in quel caso, scusate, per voi non esiste discorso o ricetta che tenga. Accendetevi una sigaretta e lasciate perdere. ;)
 
Ultima modifica:
Che dire... innanzitutto R4U!
Sono d'accordo con te.. io non ero un fumatore incallito.. anzi, forse con una media di 4-5 sigarette al giorno, non ero manco un fumatore.
Non avevo il vizio: non sentivo la necessità di nicotina né tantomeno di fumare.. mi piaceva il gusto. Infatti cambiavo spesso sigarette, alternando le confezionate a quelle da rollare. Adoravo il Golden Virginia e l'Old Holborn.
Poi ovvio, la sera dopo cena mi piaceva da impazzire fumare una Marlboro rossa, seduto sullo scalino del terrazzo, dopo un caffè nero bollente..

Quindi svapo per il gusto di svapare.
Perché con gli aromi posso cambiare gusto come facevo con le sigarette, senza però smerdarmi i polmoni con millemila sostanze nocive (vabbé, ora al massimo me li smerdo con 3-4..). E per ora aggiungo un po' di nico, perché mi piace avere un hit, leggero ma mi piace.

E credo che, giusto per provare un gusto diverso e sperimentare nuovi aromi, comprerò il TA. Ma non perché io voglia il gusto di svapo più simile possibile alle sigarette... non me ne frega una mazza di ricreare il gusto delle siga.. ma voglio creare i miei gusti, che mi soddisfino dal punto di vista aromatico.

Just my opinion.
 
Ultima modifica:
Assolutamente ben scritto ed esaustivo ... è da tempo che chi frequenta questo forum ha sposato questa filosofia ...
non cercate il passato , guardate al futuro ;)
 
concordo!
è tutto assolutamente giusto!

però c'è un però.
il TA io l'ho preso...
io svapo da 13 mesi e devo dire che sono abbastanza soddisfatto dei liquidi che trovo a disposizione sul mercato, ci sono almeno 2 aromi di Flavour Art che mi piacciono molto ed altri 3-4 liquidi di tabacco commericali che mi soddisfano.
Ma quei 3-4 commerciali sono liquidi prodotti in cina, la cui qualità dei componenti non è facilmente controllabile ed individuabile.
In questi liquidi, diversamente dai FA, ci sono olii/estratti di tabacco vero che a mio avviso hanno qualcosa di corposo e 'tabaccoso' che ahimè mi piace molto (che ci devo fare?) e che non riesco ad individuare fino in fondo nei soli aromi tabacco FA, non è solo una questione di somigliare all'analogica che sa di bruciato e poco più.

Siccome voglio svapare liquidi di qualità più controllata, acquistando un estratto come il TA posso poi miscelarlo a PG/VG/nicotina USP al top della qualità (come le basi heaven juice di FA) e farmi la mia base corposa che mi piace, che poi la maggior parte delle volte andrò a mixare con aromi FA per dargli diversi tagli aromatizzati.

In questo modo posso eliminare i liquidi cinesi, non ho più bisogno di loro, e spendo anche molto meno.

I pro di usare (al posto di quei 3-4 liquidi cinesi) liquido da me fatto con TA + basi di qualità controllata (heaven juice) sono evidenti:
- utilizzo di PG/VG/nicotina certificati USP, sottoposti alle certificazioni europee, con alti standard qualitativi.
- eliminazione di altre sostanze notoriamente usate nei liquidi cinesi.
- freschezza dei liquidi preparati sul momento (un liquido cinese ti può capitare che magari è stato preparato un anno prima, o è in scadenza o chissà dove e come è stato conservato).

Poi ok, rimane il problema che usando un estratto di foglie di tabacco vero bisogna verificare se questi estratti ancora contengono alcune molecole del tabacco che potrebbero essere in qualche misura più 'tossiche' rispetto agli aromi chimicamente formulati, ma è comunque un grosso passo in avanti rispetto all'uso di quei (pochi) liquidi cinesi e anche americani che lo stesso contengono estratti di tabacco e dei quali non riesco a fare a meno.

Quando sarà giunto il momento e mi sarà possibile eliminerò anche il TA, su questo non c'è dubbio.
 
Sono d'accordo anch'io, soprattutto perchè il gusto che andiamo cercando non è proprio quello del tabacco ma di carta bruciata e mille altre schifezze che le industrie del tabacco sono riuscite sapientemente a farci amare.
La prova del TA, secondo me, non l'abbiamo fatta per cercare di ritrovare questo gusto ma per riuscire a smorzare quel fondo dolciastro che è alla base di tutti i nostri liquidi e come dice giustamente chi lo sta provando da tempo, tra non molto non lo sopporteremo più
 
R4U !!
Il paragone con la cucina all'estero è quanto di più calzante potevi trovare.
Avere la mente "aperta" ci consente di intraprendere il nostro "sentiero luminoso":
1 - SCOPRIRE (la ecig)
2 - COMPRENDERE (HW, SW, fisica, chimica, medicina)
3 - EVOLVERE (gusti, performance, ecc...)
4 - ABBANDONARE (la ecig)

Lo svapo è talmente "giovane"...
E nonostante tutto qui dentro c'è la prima persona che è arrivata in fondo al sentiero (Chrom).
E tutto in 1 solo anno.
Avete mai conosciuto una persona che abbia fumato le analogiche per un solo anno ?
Beh con le digitali si può.

Si...
può...
fareeee.....
 
Bello... totalmente d'accordo.
Anche alla luce di quello che ha detto ournature, il discorso non perde in validità:
Il sapore del tabacco NON è il sapore della sigaretta, poi se ad uno piace TA o quant'altro non cambia nulla.
Giusto per chiarire: non avrei mai immaginato di passare dalle MS a un liquido alla vaniglia, ma poi ho trovato lì la maggiore soddisfazione.
 
il TA io l'ho preso...
io svapo da 13 mesi

Ma tu sei su un altro pianeta rispetto a chi, come me, ha cominciato da poco, Ournature. Tu sei uno tra i pionieri (vedi Duetto 150 che sto amando alla follia) che, sperimentando di continuo, hanno permesso a noi novellini di saltare un sacco di fasi di ricerca e di ritrovarci con la pappa pronta e la soddisfazione di svapare beati qualcosa di gustoso.

La mia critica (se così si può chiamare) verso il TA non riguarda il TA vero e proprio e nemmeno il tuo impegno per la ricerca, ci mancherebbe. Tu sei a un gradino successivo: sperimenti i gusti ma NON lo fai più per sostituire l'analogica nel timore di non riuscire a farne a meno.

Il mio "grido di allarme" era rivolto ai forti fumatori (oltre le 40 giornaliere) che si rivolgono per la prima volta all'elettronica sperando in una copia esatta dell'analogica e che non tengono duro sufficientemente a lungo (basta meno di una settimana) per cominciare ad apprezzare il nuovo corso. E cercando la copia, rimangono delusi scoprendo che non esiste miscela aromatica analoga alle vecchie sigarette. Del resto anche tra sigaretta e sigaretta esistono differenze abissali, cambiando marca bisogna "farsi la bocca". Quindi il gusto "assoluto" di tabacco, IMHO, non esiste.

Sicuramente anch'io tra qualche mese cercherò come te nuovi sapori per migliorare ulteriormente la qualità dello svapo ed evitare i prodotti meno controllati. Ma lo farò, come te, per il gusto della ricerca e per la ricerca del gusto, non per sostituire l'analogica. :)
 
E' inutile che ti giustifichi, se guardi bene quelli che hanno preso il TA hanno preso anche l'aroma Mary Jane quindi tutta gente poco raccomandabile!
 
Ma tu sei su un altro pianeta rispetto a chi, come me, ha cominciato da poco, Ournature. Tu sei uno tra i pionieri (vedi Duetto 150 che sto amando alla follia) che, sperimentando di continuo, hanno permesso a noi novellini di saltare un sacco di fasi di ricerca e di ritrovarci con la pappa pronta e la soddisfazione di svapare beati qualcosa di gustoso.

La mia critica (se così si può chiamare) verso il TA non riguarda il TA vero e proprio e nemmeno il tuo impegno per la ricerca, ci mancherebbe. Tu sei a un gradino successivo: sperimenti i gusti ma NON lo fai più per sostituire l'analogica nel timore di non riuscire a farne a meno.

Il mio "grido di allarme" era rivolto ai forti fumatori (oltre le 40 giornaliere) che si rivolgono per la prima volta all'elettronica sperando in una copia esatta dell'analogica e che non tengono duro sufficientemente a lungo (basta meno di una settimana) per cominciare ad apprezzare il nuovo corso. E cercando la copia, rimangono delusi scoprendo che non esiste miscela aromatica analoga alle vecchie sigarette. Del resto anche tra sigaretta e sigaretta esistono differenze abissali, cambiando marca bisogna "farsi la bocca". Quindi il gusto "assoluto" di tabacco, IMHO, non esiste.

Sicuramente anch'io tra qualche mese cercherò come te nuovi sapori per migliorare ulteriormente la qualità dello svapo ed evitare i prodotti meno controllati. Ma lo farò, come te, per il gusto della ricerca e per la ricerca del gusto, non per sostituire l'analogica. :)

Certamente, concordo in tutto, la mia risposta non è affatto una critica al tuo bellissimo post che spero tutti gli svapatori nuovi e anche i vecchi comprendano e ne facciano tesoro, è semplicemente la mia motivizione del perchè ho voluto sperimentare col TA, di certo io alle analogiche non ci potrei più tornare nemmeno se mi costringono, la puzza di bruciato mi schifa anche quando mi entra dalla finestra dagli inquilini che abitano di sopra...
La corsa ad andare a comprare il TA non ha senso, anche perchè sono sicuro a molti non piacerà e ribadisco per chi sta smettendo di fumare: non sa di sigaretta bruciata! è semplicemente un altro dei tanti aroma disponibili.
 
La corsa ad andare a comprare il TA non ha senso, anche perchè sono sicuro a molti non piacerà e ribadisco per chi sta smettendo di fumare: non sa di sigaretta bruciata! è semplicemente un altro dei tanti aroma disponibili.

Dopo il primo periodo di euforia la privazione delle analogiche diverrà sempre più pesante e la ricerca dell'aroma perduto ci spingerà a comprare liquidi di dubbissima origine anche oltreoceano!
E anche se prenderemo cazzottoni sui denti continueremo a spendere inutilmente per questi liquidi! :p
 
Ben scritto Dusty, anch'io svapo più o meno da due settimane e ho fatto le tue stesse considerazioni.

Per me una delle conseguenze più interessanti dello switch analogica-elettronica (questa passatemela và... :D) è stata toccare con mano quanto intricato sia il rapporto psiche/senso del gusto.

Anni di dipendenza dal tabacco combusto hanno insegnato al nostro cervello a reputare gradevole un sapore di bruciaticcio che, francamente, non lo è affatto, soltanto perché associato alla soddisfazione del bisogno di nicotina.
Passando all'e-fumo può volerci qualche tempo per spezzare questa associazione mentale e anch'io come tanti altri ho trascorso i primi giorni alla ricerca dell'involontariamente mitizzato "sapore di sigaretta".

Quando però ci si rende conto che apporto di nicotina (con relativa sensazione di "piacere") e gusto di bruciato non sono più necessariamente legati, diventa più facile apprezzare gli aromi degli e-liquidi, anche quelli che ai primissimi tentativi magari ci avevano un po' deluso o spiazzato.

Dunque anch'io, per ora, non comprerò il TA: ho abbandonato le analogiche da troppo poco e, acquistandolo adesso, probabilmente cadrei ancora nella tentazione di improvvisarmi alchimista per ricostruire un sapore di cui non ho più bisogno.

Non escludo però di provarlo tra qualche mese, ovvero quando sarà una vera "curiosità aromatica" a spingermi e non l'ingannevole nostalgia delle vituperate puzzo-sigarette analogiche.

Valorosi pionieri come Ournature ed altri veterani del forum ovviamente vivono già da tempo questa fase di libera ricerca.
Io, come absolute beginner, per adesso preferisco limitarmi (si fa per dire...) ad esplorare gli aromi FA.
Per il gusto tabacco, se ancora ne avrò voglia, ci sarà tempo più avanti.
 
...
Anni di dipendenza dal tabacco combusto hanno insegnato al nostro cervello a reputare gradevole un sapore di bruciaticcio che, francamente, non lo è affatto, soltanto perché associato alla soddisfazione del bisogno di nicotina.
Passando all'e-fumo può volerci qualche tempo per spezzare questa associazione mentale e anch'io come tanti altri ho trascorso i primi giorni alla ricerca dell'involontariamente mitizzato "sapore di sigaretta".

Quando però ci si rende conto che apporto di nicotina (con relativa sensazione di "piacere") e gusto di bruciato non sono più necessariamente legati, diventa più facile apprezzare gli aromi degli e-liquidi, anche quelli che ai primissimi tentativi magari ci avevano un po' deluso o spiazzato.
...
Valorosi pionieri come Ournature ed altri veterani del forum ovviamente vivono già da tempo questa fase di libera ricerca.
Io, come absolute beginner, per adesso preferisco limitarmi (si fa per dire...) ad esplorare gli aromi FA.
Per il gusto tabacco, se ancora ne avrò voglia, ci sarà tempo più avanti.

Analitico!

...ma non ti illudere... non sfuggirai!... :rolleyes:
Anche tu, cosi come "Dusty", entrerai inevitabilmente nel folto gruppo che perennemente si affanna alla disperata ricerca dell'analsvapo... :D
-
 
Ammetto che, avendo da così poco lasciato le analogiche, la mia analisi vuol essere anche un auto-incoraggiamento, un invito a cambiare canale.
Immagino che, per analogia con il percorso già fatto da altri, anch'io ogni tanto continuerò sentire il bisogno di ricreare sensazioni analogiche.
Non avessi innanzi a me, luminoso come un fanale, l'esempio di alcuni veterani svapatori forse mi sarei scoraggiato.
:D:D:D
 
Ammetto che, avendo da così poco lasciato le analogiche, la mia analisi vuol essere anche un auto-incoraggiamento, un invito a cambiare canale.
Immagino che, per analogia con il percorso già fatto da altri, anch'io ogni tanto continuerò sentire il bisogno di ricreare sensazioni analogiche.
Non avessi innanzi a me, luminoso come un fanale, l'esempio di alcuni veterani svapatori forse mi sarei scoraggiato.
:D:D:D

...scoraggiarti?!!! Che dici "akenaton"?! :confused:
Scoraggiarsi non è oggetto di discussione... per cui, non ti permettere!... :D

Io proprio grazie all'e-sig sono riuscito a smettere del tutto... e-sig compresa... e questo in poco più di sei mesi e dopo aver fumato per oltre quarant'anni fino a 50 analogiche al giorno... :p
Altro che scoraggiarsi!... :cool: Insistere, insistere e poi, tanto per cambiare, insistere. ;)
-
 
Grazie per l'incoraggiamento Chrom!
Cmq non temere, sono assolutamente determinato (e molto soddisfatto della mia e-sig)

Il mio post precedente era più che altro un gioco per scherzare un po' sul tema delle analogie...

in effetti forse era più adatto infilarlo (e dai coi doppi sensi...) nella sezione baretto

P.S.
complimenti per il tuo successo nell'abbandonare ogni tipo di attività fumatoria!
 
Indietro
Top