• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

odore di bruciato....

shaka

New member
vi è mai capitato di fumare e sentire quello strano odore (che tra l'altro prima non c'era) di bruciato tipo plastica .......??
che cosa potrebbe essere ??
devo preoccuparmi ??
mi farebbe meno male respirare un cubano ?? :D
 
Normalmente, quando sta per finire il liquido nella cartuccia, continui a fumare il residuo che c'è nell'atom e. quando sta per finire anche quello, si avverte una puzza strana come di bruciato. Prova a sostituire la cartuccia e cmq non fare tiri ripetuti a distanza troppo breve gli uni dagli altri.
 
sto affrontando lo stesso problema, conclusione l'odore che senti e dovuto quando si aspira troppo frequentemente o la cartuccia e quasi finita, la lana a contatto coll'atomizzatore si asciuga e provoca quell'odore fastidioso.
io ho risolto il problema aggiungendo ogni tanto qualche goccia di liquido anche se la cartuccia e carica
 
spero che sia come dite ......cmq secondo me c'e qualcosa che non va.....ah!! ho dimenticato di dirvi che ho una evo intellicig...:(
 
spero che sia come dite ......cmq secondo me c'e qualcosa che non va.....ah!! ho dimenticato di dirvi che ho una evo intellicig...:(

shaka,dopo un po' la spugnetta della evo fa' cosi sempre piu' spesso,tende a non trattenere piu' il liquido e ad avere quel saporaccio a prescindere se sia asciutta o fradicia.risolveresti cambiando la spugnetta o con lana di perlon o filtro per cappe.
 
sto affrontando lo stesso problema, conclusione l'odore che senti e dovuto quando si aspira troppo frequentemente o la cartuccia e quasi finita, la lana a contatto coll'atomizzatore si asciuga e provoca quell'odore fastidioso.
io ho risolto il problema aggiungendo ogni tanto qualche goccia di liquido anche se la cartuccia e carica

Non è dovuto alla "lana" a contatto con il ponticello dell'atomizzatore. E' dovuto al fatto che l'atomizzatore è secco e la resistenza brucia le fibre permeabili sulla quale è avvolta. La resistenza è avvolta su delle fibre sintetiche permeabili le quali sono a contatto con il materiale d'acciaio che è a contatto con il filtrino. A parte il sapore sgradevole, dette fibre, se sottoposte ad alte temperature, perdono di permeabilità e quindi non assorbono più il liquido. Morale, l'atomizzatore non fa fumo e si inzuppa di liquido, la resistenza lavora senza liquido e brucia ancora di più le fibre dopo di che, la resistenza stessa si brucia e addio atomizzatore... Quando si avverte questa puzza, bisogna subito mettere 2 gocce nell'atom e cambiare o ricaricare la cartuccia.
 
Inutile dire che tutto ciò è dettato da politiche commerciali. Se si sostituisse il materiale sul quale è avvolta la resistenza, con un materiale poroso ma insensibile alle alte temperature (tipo cotto, o ceramiche varie), l'atomizzatore sarebbe praticamente "quasi eterno"... Ma, non conviene a chi li produce...
 
Non è dovuto alla "lana" a contatto con il ponticello dell'atomizzatore. E' dovuto al fatto che l'atomizzatore è secco e la resistenza brucia le fibre permeabili sulla quale è avvolta. La resistenza è avvolta su delle fibre sintetiche permeabili le quali sono a contatto con il materiale d'acciaio che è a contatto con il filtrino. A parte il sapore sgradevole, dette fibre, se sottoposte ad alte temperature, perdono di permeabilità e quindi non assorbono più il liquido. Morale, l'atomizzatore non fa fumo e si inzuppa di liquido, la resistenza lavora senza liquido e brucia ancora di più le fibre dopo di che, la resistenza stessa si brucia e addio atomizzatore... Quando si avverte questa puzza, bisogna subito mettere 2 gocce nell'atom e cambiare o ricaricare la cartuccia.

Confermo appieno! Infatti da un mio atom è uscito qualche pelucchio (sembra un filo di nylon) e anche se la resistenza funziona, l'atom è praticamente inutilizzabile!
 
Non è dovuto alla "lana" a contatto con il ponticello dell'atomizzatore.

Se per odore di bruciato ci si riferisce al sapore sgradevole e penetrante di permaflex bruciato dalle fiamme allora cambiando la lanetta una volta al di o anche meno con lana di perlon si risolve tutto, odore di bruciato dalle mie esig comunque mai, solo sapore sgradevole.

E' dovuto al fatto che l'atomizzatore è secco e la resistenza brucia le fibre permeabili sulla quale è avvolta. La resistenza è avvolta su delle fibre sintetiche permeabili le quali sono a contatto con il materiale d'acciaio che è a contatto con il filtrino. A parte il sapore sgradevole, dette fibre, se sottoposte ad alte temperature, perdono di permeabilità e quindi non assorbono più il liquido.

Fosse vero il fatto che la spira della resistenza è avvolta su un materiale atto ad assorbire liquido smetterei immediatamente di fumare esig,
le spire diventano incandescenti e quindi raggiungono temperature di diverse centinaia di gradi all'interno dell'atom è importante proprio non far andare liquido proprio li dentro ma fare in modo che il ponticello dell'atom poggi su un filtrino sempre bagnato di modo che proprio il ponticello non perda le sue proprietà che gli permettono di trattenere liquido.
Se ogni tiro è una botta ai polmoni ed esce meno fumo vuol dire che il ponticello è andato e il liquido scende facilmente all'interno dell'atom portandolo alla rovina e facendoci fumare acroleina a quel punto meglio non usare neanche il 10% di VG perchè essendo il PG più liquido lo scivolamento all'interno dell'atom sarebbe ancora più facilitato.

Morale, l'atomizzatore non fa fumo e si inzuppa di liquido, la resistenza lavora senza liquido e brucia ancora di più le fibre dopo di che, la resistenza stessa si brucia e addio atomizzatore...

La resistenza si inzuppa di liquido e intorno ad essa si crea un pezzo duro ceroso perchè è normale che dopo un po succeda e l'atom va pulito con un po di elettroshock ma anche perchè il problema sta a monte, nel ponticello.

Quando si avverte questa puzza, bisogna subito mettere 2 gocce nell'atom e cambiare o ricaricare la cartuccia.

Nell'atom.. sul ponticello stando ben attenti che le gocce non vadano dentro ma si sparpaglino per bene nelle fibre del ponticello

Ditemi se sbaglio eh senza problemi :)
 
Ultima modifica:
posso dire quello che stavo scrivendo ma poi ho cancellato: quel filetto di nylon dal mio atom è uscito dal ponticello (ma mi sembrava ovvio che non potesse "venire" dalla resistenza...) e infatti "non trattiene" più un pipi...un piffero Lou! ;)
 
Se per odore di bruciato ci si riferisce al sapore sgradevole e penetrante di permaflex bruciato dalle fiamme allora cambiando la lanetta una volta al di o anche meno con lana di perlon si risolve tutto, odore di bruciato dalle mie esig comunque mai, solo sapore sgradevole.



Fosse vero il fatto che la spira della resistenza è avvolta su un materiale atto ad assorbire liquido smetterei immediatamente di fumare esig,
le spire diventano incandescenti e quindi raggiungono temperature di diverse centinaia di gradi all'interno dell'atom è importante proprio non far andare liquido proprio li dentro ma fare in modo che il ponticello dell'atom poggi su un filtrino sempre bagnato di modo che proprio il ponticello non perda le sue proprietà che gli permettono di trattenere liquido.
Se ogni tiro è una botta ai polmoni ed esce meno fumo vuol dire che il ponticello è andato e il liquido scende facilmente all'interno dell'atom portandolo alla rovina e facendoci fumare acroleina a quel punto meglio non usare neanche il 10% di VG perchè essendo il PG più liquido lo scivolamento all'interno dell'atom sarebbe ancora più facilitato.



La resistenza si inzuppa di liquido e intorno ad essa si crea un pezzo duro ceroso perchè è normale che dopo un po succeda e l'atom va pulito con un po di elettroshock ma anche perchè il problema sta a monte, nel ponticello.



Nell'atom.. sul ponticello stando ben attenti che le gocce non vadano dentro ma si sparpaglino per bene nelle fibre del ponticello

Ditemi se sbaglio eh senza problemi :)

Quoto. E' precisamente così che funziona. E confermo che non c'è nessuna 'fibra sintetica', in nessun atom. Tanto meno sulla resistenza, dove non durerebbe tre secondi..
 
Quoto. E' precisamente così che funziona. E confermo che non c'è nessuna 'fibra sintetica', in nessun atom. Tanto meno sulla resistenza, dove non durerebbe tre secondi..

Lo penso anche io, infatti quando pigiamo il bottone la vediamo diventare incandescente ... se ci fosse qualcosa sarebbe squagliato nel giro di qualche istante.
 
Quoto. E' precisamente così che funziona. E confermo che non c'è nessuna 'fibra sintetica', in nessun atom. Tanto meno sulla resistenza, dove non durerebbe tre secondi..

Si ok, funziona cosi, e non c'è nulla sulla resistenza, sono daccordo, ma che vuol dire che non ci sono "fibre"? quella, anzi quelle 2, che sono uscite dal mio atom 510 allora??? (nuovo poi! ...e che continuava a riscaldare anche senza quei pezzetti di filo bianchi bruciacchiati da un solo lato??!?!)
 
Qulli sono fili di lana metallica che stanno o sull'archetto e per gli atom più performanti lungo tutto il cerchio esterno dell'atom
 
Mi dispiace smentirvi ma, la resistenza è avvolta su fibre sintetiche. Metto una foto enorme, così si vede bene...

Avevo capito l'esatto contrario, ovvero che le fibre erano avvolte sulla resistenza .. in questo modo credo recuperino parte del liquido che inevitabilmente ci finisce dentro per far si che la resistenza non lavori mai a secco, anche se imho, serve a poco in quanto il calore (come da foto) lo brucia quasi subito (è rimasto solo ai lati) al centro la resistenza è comunque scoperta e sotto è tutto annerito ...
Che atomizzatore è quello 901 ?
 
Qulli sono fili di lana metallica che stanno o sull\'archetto e per gli atom più performanti lungo tutto il cerchio esterno dell\'atom

??? Ma secondo te, la resistenza, nella foto dove è avvolta? Su lana metallica? Così va tutto a massa? I fili che stanno sull\'archetto sono gli stessi sulla quale è avvolta la resistenza... Ma non discerni i colori? La lana metallica è argentata, i fili sono biancastri....
 
Avevo capito l\'esatto contrario, ovvero che le fibre erano avvolte sulla resistenza .. in questo modo credo recuperino parte del liquido che inevitabilmente ci finisce dentro per far si che la resistenza non lavori mai a secco, anche se imho, serve a poco in quanto il calore (come da foto) lo brucia quasi subito (è rimasto solo ai lati) al centro la resistenza è comunque scoperta e sotto è tutto annerito ...
Che atomizzatore è quello 901 ?

Sembrerebbe un 901 (la foto non è mia). Ma ti dico una cosa: quello è un atomizzatore NUOVO, provato solo in fabbrica! Quel materiale subito si annerisce ma rimane comunque permeabile. Ma se si brucia allora l\'atom non fa più fumo. Lo stesso materiale è sotto l\'archetto ed è collegato a quello della resistenza per far sì che ci sia sempre liquido.
 
Mi dispiace smentirvi ma, la resistenza è avvolta su fibre sintetiche. Metto una foto enorme, così si vede bene...

Alla fine pensavo che per scaricare il file dovevo veramente contare le palline mentalmente, con firefox non funziona con internet explorer purtroppo si..

Che atom è?
Bella foto, intorno si vede la lanetta metallica di cui parlavo, dentro si vede la spira della resistenza con ai margini quella che credo sia la gelatina schifosa che si forma dopo un po e che coprendo anche la spira rende inutilizzabili gli atom.
La spira in effetti potrebbe essere avvolta in questa lana metallica ma mi sembra meno filettosa e più consistente la fattura del perno rispetto alla lanetta intorno, forse fosse spugnosa è l'ultima barriera verso il fondo dell'atom per me potrebbero anche toglierla ripeto.. che atom è? :)
 
Indietro
Top