• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

Nicotina

O

O-WK

Guest
Ho notato che molti di noi fanno una corsa spietata per calare il prima possibile questa sostanza, e vorrei fare delle riflessioni assieme a voi per capire se esiste un reale vantaggio a farlo o se non sia addirittura controproducente.
Premetto che ovviamente sappiamo tutti che la nicotina fà male e bla bla bla, pero, c'è un pero', secondo me a volte ci dimentichiamo da dove veniamo (o stiamo venendo) e mi spiego meglio:

- Assunto il fatto che la maggior parte di noi (se non la quasi totalità) è un fumatore (o ex fumatore) di analogiche, e fino ad ora ha assunto oltre la nicotina qualche migliaio vario di altre schifezze.
- Assunto il fatto che probabilmente la nicotina che viene "vaporizzata" venga in realtà assorbita di meno rispetto ad una sigaretta normale (vedi il rapporto fda).
- Assunto il fatto che per meglio apprezzare la esig si tende ad avere un dosaggio alto di questo componente (e non mi riferisco al bisogno dell'organismo in se, che in realtà credo sia la cosa minore, almeno per me) per apprezzare l'hit, che è fondamentale per un fumatore.
- Assunto il fatto che con la sigaretta normale si pensava a fumare e basta senza ricariche di liquido, ricariche di batteria e altro.... mi domando

1) Ha senso partire da subito, o comunque calare velocemente il dosaggio di questo componente?
2) E' vero che attrezzi più performanti rendono lo stesso hit con dosaggi minori, ma quanto liquido fumiamo in più?
3) Quanto davvero ci rilassiamo a caricare molteplici volte una cartuccia perchè viene esaurita velocemente data la potenza dell'attrezzo?
4) Farà meno male fumarsi 8 ml di liquido a 18 mg o 3 ml di liquido a 36mg?

Non so' ma secondo me questo voler scendere a tutti i costi subito e a qualunque costo alla fine, oltre a non farci apprezzare appieno il prodotto, rischia che poi, data la scarsa soddisfazione ci faccia ricercare il tradizionale ...
 
Ultima modifica:
Io confermerei tutto quello che hai detto. Passate altre settimane dalle ultime discussioni qui sul forum al riguardo, ma rimango della stessa opinione. La nicotina assorbita secondo me resta pochina. Ultimamente però comincio a pensare che alcuni liquidi da 18 hanno lo stesso hit di altri da 36.
Non so' ma secondo me questo voler scendere a tutti i costi subito a qualunque costo alla fine, oltre a non farci apprezzare appieno il prodotto, rischia che poi, data la scarsa soddisfazione ci faccia ricercare il tradizionale ...
Giusta visione a mio avviso. Penso che, almeno inizialmente, sia inutile preoccuparsi della nicotina, nel modo più assoluto. Dopo qualche mese è anche possobile farci caso più attentamente, ma al momento non ho prove concrete che alti dosaggi di nicotina siano dannosi. Io personalmente non colgo grandi differenze a vapare tutto il giorno i 36mg o i 18mg.
 
1) Ha senso partire da subito, o comunque calare velocemente il dosaggio di questo componente?
2) E' vero che attrezzi più performanti rendono lo stesso hit con dosaggi minori, ma quanto liquido fumiamo in più?
3) Quanto davvero ci rilassiamo a caricare molteplici volte una cartuccia perchè viene esaurita velocemente data la potenza dell'attrezzo?
4) Farà meno male fumarsi 8 ml di liquido a 18 mg o 3 ml di liquido a 36mg?
Non so' ma secondo me questo voler scendere a tutti i costi subito e a qualunque costo alla fine, oltre a non farci apprezzare appieno il prodotto, rischia che poi, data la scarsa soddisfazione ci faccia ricercare il tradizionale ...

Approvo. Senza contare che a questi dosaggi la nicotina può, forse, incidere negativamente solo in caso di preesistenti e gravi patologie.
Ed è addirittura benefica per il mantenimento dell'attività sinaptica fino in tarda età.
 
Ho notato che molti di noi fanno una corsa spietata per calare il prima possibile questa sostanza, e vorrei fare delle riflessioni assieme a voi per capire se esiste un reale vantaggio a farlo o se non sia addirittura controproducente.
Premetto che ovviamente sappiamo tutti che la nicotina fà male e bla bla bla, pero, c'è un pero', secondo me a volte ci dimentichiamo da dove veniamo (o stiamo venendo) e mi spiego meglio:

- Assunto il fatto che la maggior parte di noi (se non la quasi totalità) è un fumatore (o ex fumatore) di analogiche, e fino ad ora ha assunto oltre la nicotina qualche migliaio vario di altre schifezze.
- Assunto il fatto che probabilmente la nicotina che viene "vaporizzata" venga in realtà assorbita di meno rispetto ad una sigaretta normale (vedi il rapporto fda).
- Assunto il fatto che per meglio apprezzare la esig si tende ad avere un dosaggio alto di questo componente (e non mi riferisco al bisogno dell'organismo in se, che in realtà credo sia la cosa minore, almeno per me) per apprezzare l'hit, che è fondamentale per un fumatore.
- Assunto il fatto che con la sigaretta normale si pensava a fumare e basta senza ricariche di liquido, ricariche di batteria e altro.... mi domando

1) Ha senso partire da subito, o comunque calare velocemente il dosaggio di questo componente?
2) E' vero che attrezzi più performanti rendono lo stesso hit con dosaggi minori, ma quanto liquido fumiamo in più?
3) Quanto davvero ci rilassiamo a caricare molteplici volte una cartuccia perchè viene esaurita velocemente data la potenza dell'attrezzo?
4) Farà meno male fumarsi 8 ml di liquido a 18 mg o 3 ml di liquido a 36mg?

Non so' ma secondo me questo voler scendere a tutti i costi subito e a qualunque costo alla fine, oltre a non farci apprezzare appieno il prodotto, rischia che poi, data la scarsa soddisfazione ci faccia ricercare il tradizionale ...

Sarei totalmente d'accordo con te se non fosse per un particolare che sto sperimentando sulla mia pelle.
Da quando ha iniziato l'avventura con le e-sig, mi sono accorto che per avere le stesse soddisfazioni (anzi una "parvenza" di quelle sensazioni) ricavate da una vera sigaretta, sono stato costretto ad aumentare sempre più sia la gradazione che la quantità di nicotina, arrivando ad assumerne più del doppio di quella che era la mia razione quotidiana.

Purtroppo a creare assuefazione ci vuole pochissimo, e voi lo sapete meglio di me!
Mi è bastato, ad esempio, assaggiare per un paio di giorni liquidi da 20 e da 30mg, per sentirne immediatamente la mancanza non appena sono tornato al mio normale 10mg e tuttora non mi sono ancora stabilizzato e ne sento la mancanza.
Ciò non toglie che, sia con quello da 10mg, sia con dosaggi superiori, per compensare la sigaretta tradizionale, ho notato come, fin da subito, ho avuto la necessità di usare l'e-cig molto più frequentemente rispetto a quanto fumassi con le normali.
Risultato: mentre prima avevo un'oretta di pace tra una sigaretta e l'altra, ora mi sto accorgendo di come il mio organismo sia in costante crisi di astinenza.
Spesso mi soffermo ad analizzare tale costante e crescente bisogno e mi viene il terrore di aver già innescato un processo senza ritorno e che aggraverei ulteriormente la situazione se mi abituassi a liquidi con nicotina ancora più elevata. Fumavo 20 sigarette al giorno, ma se ora abbandonassi l'e-cig, probabilmente non me ne basterebbero 40!
Mi consolo pensando che ho ridotto l'assunzione delle sostanze cancerogene legate al tabacco, ma per raggiungere tale scopo ho dovuto "pagare un pedaggio" comunque oneroso: un aumento spropositato di nicotina.
Forse non morirò di cancro, ma anche l'infarto non è una rosea prospettiva e, come ben sapete, essendo la nicotina un potente vasocostrittore, più se ne assume più il cuore fa fatica a pompare sangue in tubicini sempre più piccoli ed avviziti.
Mi preoccupano anche le mie facoltà mentali. E' vero! La nicotina è uno stimolante del sistema nervoso e, come la caffeina, in dosi moderate apporta benefici. Ma con il tempo anche i nostri neuroni si abituano. A 10 anni mi svegliavo fresco e riposato tutte le mattine; ora se non faccio colazione con un paio di moke da 4 tutte per me, sto "rincoglionito" tutto il giorno.
La nicotina (non ho bisogno di dirvelo) è ancora più subdola. Se inizialmente qualche dose aumenta attenzione, reattività e prontezza neuronale, dopo un pò il cervello si abitua ad essere stimolato artificialmente, tanto che per mantenere tali prestazioni bisogna costantmente aumentare la dose. Si arriva così, dopo anni, al tragico epilogo (come per il caffè): per avere le stesse capacità mentali di un non-fumatore dobbiamo alimentiare continuamente il sistema con belle inalazioni di droga, perchè, se non lo facessimo, avremmo prestazioni cerebrali da sfiorare la "demenza".
Per il resto...viva l'e-cig!!! Mi sta dando una speranza di vittoria, ma sono un tantino preoccupato che la situazione mi sfugga di mano e che i costi possano superare i benefici.
 
mah, compari, che dire. trovo l'argomento più che importante. direi cruciale. incrociando questi ultimi post coi risultati del sondaggio di ieri, credo ci sia lo spazio o forse la necessità di arricchire i nostri argomenti.
il 30% dei votanti ha iniziato l'ecig per smettere completamente di fumare che, unito al 36% dell' item successivo dice che 2/3 dei vapers sono tra il determinato e il possibilista rispetto allo smettere il vizio del fumo (in ogni forma direi). l'analisi è grossolana e non rigorosa ma è abbastanza eloquente. trovo che anch'io, ad un mese di smettometro, ho difficoltà a sentire con chiarezza la motivazione allo "smettere" che avvertivo qualche settimana addietro. faccio a questo punto due inviti:

- ad esmox, se lo ritiene, di mettere questo argomento in evidenza

- a tutto il forum, di non lasciar correre riflessioni come queste e postarle con passione in "esmoking e salute" oppure in "smettere di fumare"

ciao a tutti.
 
Comunque, bene o non bene, male o non male, benino o non benino che faccia la nicotina, è giunta l'ora di avere una qualche idea più precisa e scientifica al riguardo. Solo per giusta e adeguata curiosità vitale. Attendete mio post al riguardo a breve (qualche giorno o settimana al massimo).
 
Da quando ha iniziato l'avventura con le e-sig, mi sono accorto che per avere le stesse soddisfazioni (anzi una "parvenza" di quelle sensazioni) ricavate da una vera sigaretta, sono stato costretto ad aumentare sempre più sia la gradazione che la quantità di nicotina, arrivando ad assumerne più del doppio di quella che era la mia razione quotidiana.

Questo punto mi interessa molto e lo ritengo fondamentale ma non ho capito una cosa pertanto ti faccio due domande:

1) Il rapporto di razione quotidiana lo fai paragonando ecig e tradizionale? Nel senso calcoli che prima fumavi 20 sigarette con 0,6 di nicotina e lo rapporti a quella della esig?
2) La costrizione ad aumentare è intesa come, con la esig sono partito a 18 e mi appagava, dopo 3 giorni non mi appagava più e sono passato ad un eliquid a 24 e così via?

Ti faccio queste domande perchè, per la mia modestissima opinione non si dovrebbe rapportare la nicotina delle analogiche alle tradizionali, ritengo che venga assorbita diversamente, o che comunque tutto l'insieme degli elementi presenti ad esempio in una Marlboro non si trovano assolutamente in 30 tirate di ecig a 36mg.
Per quanto concerne invece la domanda numero 2 io questo fenomeno non lo riscontro, anzi sono partito con il 36mg (li ho al caffe e gusto marlboro) e dopo qualche giorno mi sono accorto che a fine serata ero come "ovattato" (passatemi il termine) ho così iniziato a scendere e ora mi ritrovo stabilmente che il mio top è diventato il 24mg, il 36 ad esempio sono due giorni che non lo fumo e vado alla grande, il 18 ancora lo sento molto leggerino ma comunque la situazione è stabile ma tendente al basso e non viceversa.

Purtroppo a creare assuefazione ci vuole pochissimo, e voi lo sapete meglio di me!

Io credo (e qui sottolineo io in quanto è una mia personale convinzione) che il fenomeno dipendenza da nicotina sia largamente sopravalutato, imho il difficile allo smettere di fumare non è rappresentato dalla mancanza di questa sostanza, ma questa è solo una mia convinzione.

Mi è bastato, ad esempio, assaggiare per un paio di giorni liquidi da 20 e da 30mg, per sentirne immediatamente la mancanza non appena sono tornato al mio normale 10mg e tuttora non mi sono ancora stabilizzato e ne sento la mancanza.

Mancanza di cosa, di hit o insoddisfazione generale?

Ciò non toglie che, sia con quello da 10mg, sia con dosaggi superiori, per compensare la sigaretta tradizionale, ho notato come, fin da subito, ho avuto la necessità di usare l'e-cig molto più frequentemente rispetto a quanto fumassi con le normali.

Questo è vero, anche io ce l'ho sempre in mano ... la ecig :D
 
Comunque, bene o non bene, male o non male, benino o non benino che faccia la nicotina, è giunta l'ora di avere una qualche idea più precisa e scientifica al riguardo. Solo per giusta e adeguata curiosità vitale. Attendete mio post al riguardo a breve (qualche giorno o settimana al massimo).

Sarebbe molto interessante!
 
Questo è vero, anche io ce l'ho sempre in mano ... la ecig :D

Questo dipende dall'approccio con cui si e' arrivati ad ecig,io i primi giorni di e-cig ero una vaporiera inarrestabile,avevo sd sempre in bocca,od oggi non c'e paragone alcuno almeno il 50% in meno.
io sono partito per smettere di fumare e questo faro' credo e spero nel minor tempo possibile.
 
Questo è anche il mio obiettivo,come mi pare di aver detto,avevo iniziato con la ecig per curiosità,come palliativo ad una inconscia ma quanto mai orrenda ascesa di numero di tradizionali. "almeno riduco" ho pensato,per quanto possa essere una sostituta...
Invece la ecig.. e vi parlo della peggiore in commercio.. :D si è rivelata un ottimo sostituto.
Probabilmente sarò un fumatore da "chiacchera",della serie basta che hai un coso che cosa le cose in mano..
Infatto ora svapo con i filtri esuriti,ricaricati da me,con glicerolo e cioccolata. :)
Ho certo ancora filtri nuovi,per momenti di necessità,che uso davvero poco.
Quindi posso sostenere che sto giocattolo mi porterà all'eliminazione delle tradizionali.
Da quel giorno attivo lo smettometro.
Ciao.
 
Questo punto mi interessa molto e lo ritengo fondamentale ma non ho capito una cosa pertanto ti faccio due domande:

1) Il rapporto di razione quotidiana lo fai paragonando ecig e tradizionale? Nel senso calcoli che prima fumavi 20 sigarette con 0,6 di nicotina e lo rapporti a quella della esig?
2) La costrizione ad aumentare è intesa come, con la esig sono partito a 18 e mi appagava, dopo 3 giorni non mi appagava più e sono passato ad un eliquid a 24 e così via?

Ti faccio queste domande perchè, per la mia modestissima opinione non si dovrebbe rapportare la nicotina delle analogiche alle tradizionali, ritengo che venga assorbita diversamente, o che comunque tutto l'insieme degli elementi presenti ad esempio in una Marlboro non si trovano assolutamente in 30 tirate di ecig a 36mg.
Per quanto concerne invece la domanda numero 2 io questo fenomeno non lo riscontro, anzi sono partito con il 36mg (li ho al caffe e gusto marlboro) e dopo qualche giorno mi sono accorto che a fine serata ero come "ovattato" (passatemi il termine) ho così iniziato a scendere e ora mi ritrovo stabilmente che il mio top è diventato il 24mg, il 36 ad esempio sono due giorni che non lo fumo e vado alla grande, il 18 ancora lo sento molto leggerino ma comunque la situazione è stabile ma tendente al basso e non viceversa.



Io credo (e qui sottolineo io in quanto è una mia personale convinzione) che il fenomeno dipendenza da nicotina sia largamente sopravalutato, imho il difficile allo smettere di fumare non è rappresentato dalla mancanza di questa sostanza, ma questa è solo una mia convinzione.



Mancanza di cosa, di hit o insoddisfazione generale?



Questo è vero, anche io ce l'ho sempre in mano ... la ecig :D

Ciao Obi. Vorrei innanzitutto precisare come, con il mio post, avevo intenzione di rappresentare soltanto la mia esperienza personale ed i miei timori, non certo entrare in cotraddittorio con la tua posizione.
Chiarito quanto sopra, rispondo alle tue domande.

Risposta 1: Esatto, il confronto lo calcolo in quel modo, anzi nel mio caso il quadro è ancora più eclatante. Fumavo le sigarette più blande in assoluto con 0,1 di nicotina. Ora, 0,1x20=2mg di razione quotidiana. Con le e-cig mi faccio fuori 7-8 filtri da 0,4 o 0,3 (nella migliore delle ipotesi, visto che i filtri della Janty assorbono poco, e ora, per colpa mia, l'hai sperimentato anche tu:D) caricati con liquido da 10mg. Non voglio neppure fare il totale perchè mi spavento! Vabbè, sono circa 21mg di nico al giorno..e passa la paura!
Inoltre, mi fumo ancora una 5-6 sigarette al giorno.
Concludendo, per sostituire 15 sigarette nette assumo quotidianamente una dose quasi venti volte superiore di nicotina. Ho provato anche liquidi molto più bassi per bilanciare un pò la situazione, ma al di sotto di 10mg niente piacere e soprattutto niente hit.

Risposta 2: la risposta è gia implicita in tutto quanto sopra, ossia, per avere un minimo di hit e soddisfazione polmonare ora mi circolano giornalmente nel sangue 21mg di nicotina (e anche più) invece di 2.
Inoltre, siccome le sensazioni non uguagliano comunque quelle ricevute dalle "stramaledette" sigarette normali, sono sempre tentato di passare a liquidi più potenti, soprattutto dopo aver assaggiato un 20mg ed anche un 30mg ed aver provato come siano, ovviamente, molto più appaganti e più simili, come hit e pienezza polmonare, ad una vera sigaretta.

Sono contento che tu abbia riscontrato una tendenza a scendere, aseestandoti a 24-18mg. Ti invidio.
Io purtroppo tendo a salire. Ho costantemente la e-cig in bocca e ciò, nel disperato tentativo di compensare la "minore qualità" della inalazione (che non uguaglia quella pienezza e quel calore che ottenevo dal fumo tradizionale) con la "quantità".
E siccome ormai la quantità è già molto superiore alla dose di nicotina a cui ero abituato con le normal sig e sento, oltretutto, l'impulso a salire ancora, un pò mi preoccupo!:(
Purtroppo, poi, mi rendo conto come il mio organismo si sia già assuefatto a questa overdose, tanto che quando non ho la e-cig in bocca, sento che il mio corpo, come dicevo nel post precedente, è in costante crisi di astinenza.
Mi auguro veramente che la nicotina assorbita con il vapore sia inferiore a quella della combustione del tabacco, altrimenti ho paura che, forse, ci sto rimettendo.

Spero di aver risposto correttamente alle tue domande.
Che voto mi dai?:D:D
 
Mah, io che vengo da 2 pacchetti di camel light al giorno, alternate da altrettante se non più sigarette rollate - di cui in casa ritrovo spesso le varie macchinette, tubetti, etc., e che non riesco ancora a buttare (la ritualità nella preparazione dei trinciati, come alcuni di voi sanno bene, ha sempre un fascino particolare, un po' mistico, che richiama qualcosa di ancestrale) - ehm.. dicevamo.. nonostante ciò, le prime ecig che ho provato (eco-cesse con cartucce gusto cacca-bacco low) erano fortissime per la mia gola, e dovevo prenderne a piccole dosi (facilitato anche dall'eccelsa ingegneria del prodotto che, giustamente, prevede l'efficienza di una tartaruga zoppa in una corsa a ostacoli). Tuttavia, pur essendosi subito creata un'insenatura a forma di mezzaluna tra incisivi e canini (i primi giorni pensavo di aver mangiato un sasso), non ho mai sentito alcun bisogno di aumentare la nicotina. Poi mi è arrivata la Evo col Kristal da 36 e, Kristo, dopo 3 giorni già lo sentivo "normale". Quindi, per rispondere a Obi:

1) Ha senso partire da subito, o comunque calare velocemente il dosaggio di questo componente?
Dipende, io ho fatto il contrario.

2) E' vero che attrezzi più performanti rendono lo stesso hit con dosaggi minori, ma quanto liquido fumiamo in più?
Molto, in tutti i casi.

3) Quanto davvero ci rilassiamo a caricare molteplici volte una cartuccia perchè viene esaurita velocemente data la potenza dell'attrezzo?
Non lo so, io viaggio con la Evo, con le cartucce che sai, e me le preparo la mattina per quasi tutta la giornata.

4) Farà meno male fumarsi 8 ml di liquido a 18 mg o 3 ml di liquido a 36mg?
Io mi fumo sia l'uno che l'altro, e poi mi fumo anche te :D


@ufo: Ti consiglio un po' di cara e vecchia attività fisica.
 
@ufo: Ti consiglio un po' di cara e vecchia attività fisica.[/QUOTE]

Grazie del consiglio Andrew; ma vedi, il problema è proprio quello.
Ho fatto attività fisica da quando sono nato, per qualche tempo anche a livello agonistico.
Tuttora, malgrado gli impegni lavorativi e sociali, mi costringo ad andare in palestra ogni volta che posso, ma soprattutto, sono talmente dipendente dalle endorfine generate dall'atletica (come ogni runner ti potrebbe confermare) che sento letteralmente il bisogno di farmi minimo 10km di corsa a settimana.
Non prendo mai ascensori ovunque ci sia una scala, senza contare, poi, che io stesso abito all'ottavo piano.
In città non uso automobile, ma mi sposto il più possibile a piedi.
Quando mi capita di fare una partita di calcio, anche con ragazzini di venti anni non-fumaori, non fatico a stargli dietro, anzi, semmai accade il contrario.
Forse, è proprio in virtù del mio corpo abbastanza allenato che ho una acuta auto-percezione di tutto ciò che mi accade dentro ed, ultimamente, tale "occhio interno" mi manda continui segnali (meno resistenza, calo di prestazioni, fame di nicotina anche durante l'attività, ecc...) che non posso che associare al notevole aumento di dosaggio di cui ho parlato nel post precedente.
Spero vivamente che il bisogno di avere sempre l'e-cig in bocca sia solo una fase transitoria, come diceva marfhi, e che col tempo si verifichi una graduale attenuazione del fenomeno.
 
ciao ufo. mi sono appassionato alla discussione e quindi provo a dire la mia. breve inciso sulla mia esperienza personale: anch'io atletico ma sempre un po' affannato, ultimamente avverto affanno e malessere in generale anche senza sport. bada che svapo a 9/15 mg e circa 1 ml/die.
la richiesta di nicotina da parte dell'organismo la avverto anch'io, esempio: stamattina ho caricato a zero e avverto la classica astinenza. e in questo la ecig è salvifica ma mi sembra che ponga un altro problema.
io, ad esempio, fumatore più che incallito, amante della sigaretta, ne accenderei una ogni ora, a volta anche alcune di fila. e, come a tutti, mi è capitato di farlo. probabilmente non per vera astinenza.
la ecig mi permette una cosa simile senza, apparentemente, pagare dazio. ossia: mi da l'illusione di realizzare a costo zero il mio sogno, ossia fumare il più possibile. questo per provare a dire che una parte della questione è l'assuefazione alla nicotina (vedasi dosaggi vari), ma l'altra è il dare libero sfogo all'ingordigia di fumo/vapore. esempio personale: la ecig doveva essere lo strumento per smettere tutto secondo una specie di programma, ma rischia di diventare un sogno che si realizza. fumare senza conseguenze. bel viraggio, no?

ricordo che marfhi è l'unico che nel sondaggio ha votato: smettere con un programma rigoroso.
 
esempio personale: la ecig doveva essere lo strumento per smettere tutto secondo una specie di programma, ma rischia di diventare un sogno che si realizza. fumare senza conseguenze. bel viraggio, no?

Secondo me non è così anomala la questione in quanto, si fuma per piacere, anche se mossi dalla volontà di smettere di fumare definitivamente, di fronte ad un mezzo esente da controindicazioni (almeno così sembra) credo che la maggior parte faccia questo ragionamento.
 
Ciao Obi. Vorrei innanzitutto precisare come, con il mio post, avevo intenzione di rappresentare soltanto la mia esperienza personale ed i miei timori, non certo entrare in cotraddittorio con la tua posizione.
Chiarito quanto sopra, rispondo alle tue domande.

Il post è nato proprio per sapere cosa ognuno ne pensa, ci mancherebbe che mi offendo :D

Concludendo, per sostituire 15 sigarette nette assumo quotidianamente una dose quasi venti volte superiore di nicotina. Ho provato anche liquidi molto più bassi per bilanciare un pò la situazione, ma al di sotto di 10mg niente piacere e soprattutto niente hit. .

Imho non và fatto questo rapporto, per il semplice fatto che se ti fumi (sopratutto tu che eri abituato a analogiche leggere) una Marlboro rossa (falla come prova) noterai che a fine sigaretta sarai molto più "appensantito" da 30(il doppio di tiri di una sigaretta) puff a 36 mg di nicotina, questo mi fà pensare che in realtà tramite il processo di combustione ne assumiamo molta di più rispetto al vapore, ma è solo un mio pensiero e tale rimane.

Risposta 2: la risposta è gia implicita in tutto quanto sopra, ossia, per avere un minimo di hit e soddisfazione polmonare ora mi circolano giornalmente nel sangue 21mg di nicotina (e anche più) invece di 2.
Inoltre, siccome le sensazioni non uguagliano comunque quelle ricevute dalle "stramaledette" sigarette normali, sono sempre tentato di passare a liquidi più potenti, soprattutto dopo aver assaggiato un 20mg ed anche un 30mg ed aver provato come siano, ovviamente, molto più appaganti e più simili, come hit e pienezza polmonare, ad una vera sigaretta..

Ecco questo è molto strano, almeno rispetto alla mia esperienza, io fumavo camel light e se ora provo ad accenderla (prova fatta qualche giorno fà) non mi appaga minimamente, dopo un paio di tiri la butto per riprendere la esig.
Sapore che non mi piace e cio' che conta hit più preciso e netto sulla esig (ma questo credo che dipenda dal fatto che è cambiato il modo di fumare, tiri lunghi e morbidi ...)

Sono contento che tu abbia riscontrato una tendenza a scendere, aseestandoti a 24-18mg. Ti invidio...

Io penso che, non badando al contenuto della nicotina, ed essendo partito da 36mg, ho da subito trovato appagamento, lasciando completamente le analogiche, ogni giorno che passa senza le analogiche ti fà abituare e di conseguenza apprezzare sempre di più le ecig, per poi iniziare a trovare un proprio assestamento, solo dopo averlo trovato ed essersi stabilizzati secondo me si puo' provare a scendere, prima diventa controproducente.
Hai provato a vedere quante te ne fumi (di analogiche) ad esempio iniziando ad usare solo liquido a 36 mg sulla ecig?
Io è una prova che farei se non l'hai fatta, visto mai che inizi a non toccare più le analogiche e magari a fumarti anche meno ml di eliquid.

Che voto mi dai?:D:D

Ti do' 36 mg!!!! :D
 
Grazie del consiglio Andrew; ma vedi, il problema è proprio quello.
Ho fatto attività fisica da quando sono nato, per qualche tempo anche a livello agonistico.
Tuttora, malgrado gli impegni lavorativi e sociali, mi costringo ad andare in palestra ogni volta che posso, ma soprattutto, sono talmente dipendente dalle endorfine generate dall'atletica (come ogni runner ti potrebbe confermare) che sento letteralmente il bisogno di farmi minimo 10km di corsa a settimana.
Non prendo mai ascensori ovunque ci sia una scala, senza contare, poi, che io stesso abito all'ottavo piano.
In città non uso automobile, ma mi sposto il più possibile a piedi.
Quando mi capita di fare una partita di calcio, anche con ragazzini di venti anni non-fumaori, non fatico a stargli dietro, anzi, semmai accade il contrario.
Forse, è proprio in virtù del mio corpo abbastanza allenato che ho una acuta auto-percezione di tutto ciò che mi accade dentro ed, ultimamente, tale "occhio interno" mi manda continui segnali (meno resistenza, calo di prestazioni, fame di nicotina anche durante l'attività, ecc...) che non posso che associare al notevole aumento di dosaggio di cui ho parlato nel post precedente.
Spero vivamente che il bisogno di avere sempre l'e-cig in bocca sia solo una fase transitoria, come diceva marfhi, e che col tempo si verifichi una graduale attenuazione del fenomeno.

Se fai davvero tutto ciò che dici, sigarette e surrogati vari dovresti averli abbandonati da un pezzo. E' vero che la nicotina non è elencata tra le sostanze dopanti, ma non dovrebbe nemmeno ridurre sittanto le prestazioni (salvo presa in vena a 100 mg per volta ;)). Imho, e sottolineo imho, la tua è una situazione strettamente psicologica.
 
Io penso che, non badando al contenuto della nicotina, ed essendo partito da 36mg, ho da subito trovato appagamento, lasciando completamente le analogiche, ogni giorno che passa senza le analogiche ti fà abituare e di conseguenza apprezzare sempre di più le ecig, per poi iniziare a trovare un proprio assestamento, solo dopo averlo trovato ed essersi stabilizzati secondo me si puo' provare a scendere, prima diventa controproducente.
Hai provato a vedere quante te ne fumi (di analogiche) ad esempio iniziando ad usare solo liquido a 36 mg sulla ecig?
Io è una prova che farei se non l'hai fatta, visto mai che inizi a non toccare più le analogiche e magari a fumarti anche meno ml di eliquid.



Ti do' 36 mg!!!! :D

Proverò.
Non ho però il coraggio di partire subito col 36. Magari vedo prima come va con un 20-24mg. Se poi non riesco ad eliminare le analogiche, mi butto sul 36
 
Indietro
Top