• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

Liquidi Senza Glicole Propilenico?

macgiver76

New member
navighicchiando in rete ho trovato questo:
.sigaretta-elettronica.eu/index.php?section=index@showobjdetails&id_obj=621
(aggiungete www all'inizio, naturalmente...)
se leggete in basso alla descrizione loro dicono che usano ricariche senza PG.
Gli ho mandato una mail per chiedergli cosa usavano e mi hanno risposto così, vi posto in copia-incolla:

-Buongiorno
-effettivamente i nostri liquidi non contengano de Glicol Propilene le sostanze utilizzate sono assolutamente naturali e tutte certificate
Cordiali saluti
Giovanni

ne sapete di più? la cosa potrebbe essere interessante.....
 
credo usino semplicemente acqua e VG, che sarebbe glicerina (o glicerolo) vegetale,
anche fa ha liquidi a base di VG, anche gli ecopure sono a base di VG..
 
navighicchiando in rete ho trovato questo:
.sigaretta-elettronica.eu/index.php?section=index@showobjdetails&id_obj=621
(aggiungete www all'inizio, naturalmente...)
se leggete in basso alla descrizione loro dicono che usano ricariche senza PG.
Gli ho mandato una mail per chiedergli cosa usavano e mi hanno risposto così, vi posto in copia-incolla:

-Buongiorno
-effettivamente i nostri liquidi non contengano de Glicol Propilene le sostanze utilizzate sono assolutamente naturali e tutte certificate
Cordiali saluti
Giovanni

ne sapete di più? la cosa potrebbe essere interessante.....

Niente di strano nell'usare solo Pg e acqua che anche se non lo dici credo che sia solo la base, in più ci saranno aromi e nicotina. L'inconveniente di un liquido così composto è che manca hit (colpo in gola...la sensazione di appagamento che lascia la normale sigaretta). L'hit è dato dal glicole propilenico e in parte dalla nicotina. Un liquido così composto, poi sarà particolarmente fumoso, più di una sigaretta normale.
 
Anche QUESTA DITTA produce liquidi senza PG ma solo con glicerina vegetale al 100% e promettono uno hit "spaventoso".
A questo punto, visto che giorni fa si discuteva se fosse più nocivo il PG o il VG, mi sembra che l'accusato principale sia ancora il PG.
 
perchè dobbiamo ripetere la discussione sul PG partendo dal VG, le stesse cose le stiamo dicendo dall'altra parte.
mancava solo una cosa VG è naturale mentre il PG è composto di sitensi
 
L'hit è dato dal glicole propilenico e in parte dalla nicotina.

Io direi più che l'hit è dato dalla nicotina in primis, ed eventualmente evidenziato dal PG.
Un liquido solo PG senza nicotina ha 0 hit. Ho provato dei liquidi a base Velvet Cloud a 18mg sul mio eGo e l'hit si sente bello tosto lo stesso, nemmeno troppo lontano dal mio Ice Blade.
 
Io direi più che l'hit è dato dalla nicotina in primis, ed eventualmente evidenziato dal PG.
Può darsi; io in un mese ho diminuito la nicotina (sono passato da 27 mg a 12 mg) e aumentato il Pg (dal 35% al 55%) e l'hit mi pare invariato se non più alto ora. E' una questione di proporzioni credo.
 
navighicchiando in rete ho trovato questo:
.sigaretta-elettronica.eu/index.php?section=index@showobjdetails&id_obj=621
(aggiungete www all'inizio, naturalmente...)
se leggete in basso alla descrizione loro dicono che usano ricariche senza PG.
Gli ho mandato una mail per chiedergli cosa usavano e mi hanno risposto così, vi posto in copia-incolla:

-Buongiorno
-effettivamente i nostri liquidi non contengano de Glicol Propilene le sostanze utilizzate sono assolutamente naturali e tutte certificate
Cordiali saluti
Giovanni

ne sapete di più? la cosa potrebbe essere interessante.....

non lo ho mai provato ma esiste un' alternativa al PG e VG, il PEG.
Alcune ditte propongono i loro liquidi anche a base di PEG, per chi appunto è allergico al Pg e non vuole usare il Vg.
Aggiungo però che non ne conosco le prestazioni ne le caratteristiche,
per chi è obbligato ad un' alternativa può eventualmente approfondire cercando in rete.
 
marfhi aveva provato tempo fa il glicole polietilenico PEG400, anche questo un eccipiente idrofilo a bassa tossicità usato in farmacia.
Nel forum se ne era parlato prima di natale.
 
ragazzi scusate ma negli aromi concentrati la base è di PG giusto?
A questo punto anche se si usa il velvet could e si aggiungono aromi essendo intolleranti al glicole,in minima parte viene svapato lo stesso?
Qalcuno sa dirmi di preciso quale sia la percentuale di glicole che viene usato negli aromi concentrati?
Flouver art su tutti gli aromi ha di base il PG anche i DKS.
Ce qualche ditta che non usa il glicole come base?e se si mi lincate il sito grazie.....
e voelvo sapere qualcosa anche riguardo ai lqiudi pronti che si trovano su fumaredigitale di sola glicerina con aggiunta di aromi,e dei biofumo,qualcuno sa dirmi qualcosa in maniera dettagliata,grazie!
 
Riapro questo thread per chiedere a chi ne sa più di me ( [MENTION=11066]Trimegisto[/MENTION] @Zio e chiunque altro :) ) che cosa ne pensano di questo "glicole naturale (PD)".
Io per natura sono sospettoso, quando leggo il termine "naturale" e vedo frasi accattivanti...

12510510_924857614276483_7533161350875219464_n.jpg
 
Per mia somma ed enorme IGNORANZA, credo e sono convinto che la dicitura"naturale" sia una "trovata pubblicitaria" più che altro, perché (sempre se non erro, data l'enormità della mia ignoranza in materia) il Pg é di origine naturale.
 
A fiuto direi che concordo con [MENTION=22371]azalus[/MENTION] e con i tuoi dubbi, [MENTION=15288]Numenor[/MENTION].
La parola naturale è usata in modo molto snaturato. :asd:
 
Anch'io sono sospettoso verso Renzi ed il PD :asd:
Naturale è fuori luogo e privo di importanza, se non in senso negativo perché serve solo ad attirare i polli. Sono naturali il petrolio e relativi benzene, benzopirene e simili, l'amianto, tossine, veleni e virus mortali di ogni genere, cancerogeni di varia natura ecc. ecc. Sono "innaturali" (artificiali o sintetiche) un mucchio di cose buone ma, naturalmente, anche altre cattive. Discorso già fatto più volte e non solo da me. Prima o poi qualcuno cercherà di venderci l'aspirina "naturale", cioè estratto di corteccia di salice, e si tratterà di un prodotto notevolmente più tossico e enormemente più costoso. Ma abbiamo già un mucchio di esempi simili, a cominciare dal quel fetido prodotto che è il sapone di Marsiglia che molti pensano essere migliore dei brutti e cattivi detergenti di sintesi(che sono sempre e comunque migliori e più efficaci del suddetto).
Detto questo, se il PD non c'entra con Renzi, potrebbe essere 1,3-propandiolo, molecola molto simile al PG che è 1,2-propandiolo. Per ragioni che ignoro, forse diventerà il futuro, almeno nelle isole britanniche(fonte: un mio amico aromatiere che lavora in Irlanda). Non mi ha saputo spiegare perché da quelle parti ce l'abbiano tanto con il PG e, soprattutto, perché questo 1,3-propandiolo o PD dovrebbe essere meglio. Se ne era già parlato anni fa, visto che l'idea non è nuova, e mi sembra di ricordare che anche [MENTION=12329]Zio[/MENTION], come me, nutriva seri dubbi sul suddetto, perlomeno in quanto meno testato. Anche l'amico chimico(già citato più volte) non ci vede chiaro: dice che forse hanno paura dei semiacetali ed acetali ciclici che il PG formerebbe con aldeidi e chetoni dei vari aromi, ma, se anche fosse, non vedo perché il PD non debba fare esattamente la stessa cosa. Inoltre, anche se strutturalmente molto simili, le due molecole hanno un destino metabolico diverso nel nostro organismo: il PG dovrebbe essere ossidato a piruvato(acido 2-oxopropanoico), il PD dovrebbe andare invece ad acido 1,3-propandioico. Ora, il piruvato è un normalissimo componente di vari cicli metabolici e dubito che possa arrecare qualche danno, anche a svapare 100 mL/die, ma potrei sbagliarmi. L'altro non mi risulta far parte del metabolismo umano, ma potrei essermi perso qualcosa. Inoltre l' acido 1,3-propandioico è pericolosamente simile all'acido ossalico, che è velenoso, in quanto precipita l'ossalato di calcio, danneggiando i reni ed il cervello( è il classico avvelenamento da glicole etilenico). In ogni caso non credo che possa davvero essere velenoso, ma ignoro che ruolo abbia. E spero anche che la moda britannica non ci contagi troppo presto. Cito anche [MENTION=22134]94radio94[/MENTION] che mi sembra conoscere la biochimica ed è anche fresco di studi.
 
Bah se questa "moda britannica" dovesse giungere fin da noi personalmente non mi creo problemi, in primis perché acquisto all'estero e per il fatto che controllo con cosa sia fatta la base, poi perché se va mal che vada acquisterò base full VG con nicotina e il PG in farmacia.
 
Ah boh.
Magari ha ragione Trimegisto e si tratta dell'1,3-propandiolo.
La storia del naturale mica naturale io la vedo sempre allo stesso modo - marketing. Cosa penso del PG che viene dal mais di nota casa italica ora emigrata... beh, si sa. Oh regà son cose che funzionano.
Ci scrivi "bio" e lo fai pagare di più, a te costa suppergiù uguale - win. Un po' come i polli bio, che per essere bio devono avere accesso all'aria aperta: fa un bel buco nel tetto del capannone, prepari un accogliente spiazzo di 4m x 4m in terra per 10k polli et voilà, bio.


Qui tempo addietro c'era qualcuno che voleva utilizzare il 2-metil-1,3-propandiolo, poi non so se l'abbia fatto e se sia vivo. Se non sbaglio si era già parlato anche di questo PD.
Ora il discorso è che è difficile prevedere che effetti possa avere una certa molecola se ingerita/inalata, anche se così semplice. Per cui per me non c'è motivo di abbandonare il PG, che consumiamo tutti da un po' senza grosi guai e il cui destino metabolico come rilevato da Trimegisto è abbastanza prevedibile e non desta particolari preoccupazioni, in favore di quell'altro robo lì.

Ma ehi, è naturale! Magari pure dal mais!

e se fosse mais Monsanto??! :shock:
 
Dunque, per quel poco che so, essendo comunque un povero studente della facoltà di agraria e non certo al livello di un biochimico (grazie comunque [MENTION=11066]Trimegisto[/MENTION] per la fiducia :asd: ) sono praticamente certo che il glicole assunto per via alimentare sia degradabile a piruvato e, beh, poi c'è la solita glicolisi e ciclo di Krebs, quindi, non me ne preoccuperei troppo. Sulla tossicità inalatoria lessi un documento che mi ero salvato tra i preferiti e che vi allego (leggete a pagina 36) della DOW chemicals company:
http://msdssearch.dow.com/Published...ycol/pdfs/noreg/117-01682.pdf&fromPage=GetDoc
Pare dall'abstract che, in alcuni soggetti, vi sia la predisposizione a sviluppare fenomeni infiammatori al tratto oro-faringeo nell'inalazione di vapori di glicole propilenico, ma le ragioni non sono evidenziate ne' qui ne altrove (magari ho cercato male io eh). Essendo stato sempre soggetto a faringiti legate a reflusso, probabilmente associate ad una ernia iatale (ho la gastro tra un mesetto) non ho personalmente notato un incrementarsi dei miei fastidi faringei da quando svapo, ma leggo che molti ne hanno.
Lessi anche di uno studio della Karlstad University dove demonizzavano il PG perchè associato (secondo loro) all'insorgenza di disturbi respiratori nei bambini, peccato che tale studio lo condussero su delle vernici che contenevano PG, ma su una matrice come una vernice, penso che il problema si sarebbe serenamente potuto attribuire ad altri solventi ben più volatili ed irritanti.
Per quanto riguarda questo fatidico PD, che dire, spero vivamente che non sia l'1,3-propandiolo dato che, al contrario del PG che è riconosciuto dalla Food and drugs administration come GRAS, il "PD" (se è ciò che ho citato) è riconosciuto come agente irritante.
Venendo alla questione "naturale", come già scritto in altre discussioni, mi unisco a trimegisto nel dissociarmi dal definire sicuro un prodotto detto di "estrazione naturale" o semplicemente "naturale" perché significa che è stato ottenuto da una matrice complessa e, come per qualsiasi processo di estrazione realizzato su matrici complesse, resta il rischio di mancato totale allontanamento del solvente di estrazione, in prima battuta, ed in secondo luogo, la molecola sarà difficilmente pura chimicamente, ergo, potrebbe trascinarsi qualcosa d'altro dalla matrice. Non conoscendo della matrice di estrazione ne' la provenienza, ne' la composizione, ne' le reazioni che gli eventuali componenti svilupperebbero a contatto con metalli (tank), materiali plastici (boccette e tank) che generano comunque dei fenomeni di cessione, con l'ossigeno o in relazione alle alte temperature, io li eviterei.
 
perché significa che è stato ottenuto da una matrice complessa e, come per qualsiasi processo di estrazione realizzato su matrici complesse, resta il rischio di mancato totale allontanamento del solvente di estrazione, in prima battuta, ed in secondo luogo, la molecola sarà difficilmente pura chimicamente, ergo, potrebbe trascinarsi qualcosa d'altro dalla matrice.

Beh, questo vale esattamente anche per un prodotto di sintesi.
Se però entrambi sono purificati a dovere... ohibò sono identici.
Ripesco un paragrafino sulla produzione della glicerina (VG per noialtri qui):

la glicerina viene preparata attualmente su larga scala soprattutto per via sintetica a partire dal propilene secondo due metodi: per clorurazione del propilene a 400-500 ºC a cloruro di allile, formazione di cloridrine per reazione con acido ipocloroso e loro successiva idrolisi a glicerina; oppure per ossidazione del propilene a 200-400 ºC, con ossigeno e vapor d'acqua in presenza di rame o molibdeno come catalizzatori, ad acroleina e ulteriore ossidazione di questa per ottenere alcol allilico da cui per addizione di acqua ossigenata si ricava la glicerina.




Ecco...sereni. L'altra fonte maggiore di glicerina sono gli scarti della produzione del biodiesel.
 
Insomma, vale sempre l'antica saggezza popolare: "Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma non quel che trova" :asd:
Sapevo che avrei trovato pareri esperti, qui :) Se qualcuno mi chiedesse informazioni su questo PD, gli link questo thread :sisi:

Ma poi, si riesce a capire l'acronimo "PD" che significa? Nel documento della Dow non c'è alcun glicole che abbia quella sigla...
Wikipedia, la fonte di informazioni che i meno esperti vanno subito a guardare, fornisce -tre le altre- queste informazioni:
Glicole propilenico: "può essere prodotto industrialmente dalla reazione di idratazione dell'ossido di propilene";
1,3-propandiolo: "può essere ottenuto a partire dal propene tramite un procedimento standard che prevede tre diverse reazioni consecutive: inizialmente il propene viene ossidato per reazione con ossigeno molecolare per ottenere l'acroleina; l'acroleina subisce quindi una reazione di idratazione sul doppio legame con la formazione di 3-idrossipropanale; nell'ultimo passaggio il 3-idrossipropanale viene ridotto per reazione con idrogeno molecolare per ottenere il prodotto finale".

Sono un vaper: istintivamente non mi fido di qualcosa che viene prodotta mediante idratazione dell'acroleina! :paurasedia: Si, lo so che è sciocco, nel senso che se si verificano le condizioni per la disidratazione dell'1,3-propandiolo (con conseguente formazione di acroleina), allora con tutta probabilità a quelle condizioni si disidrata anche la VG, con il medesimo effetto. Ma insomma, gli effetti dell'inalazione del PG vengono studiati dagli anni '40, di questo PD invece non mi sembra che ci sia da fidarsi altrettanto (qualunque significato, anche politico, si voglia dare a questa sigla :asd: )
 
Indietro
Top