• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

Cosa è vietato fumare...

Chrom

Very Old Poster
Vi sembrerà strano, ma per stabilire senza fraintendimenti cosa è esattamente vietato fumare, ci si deve rifare ad una legge emanata con l'obiettivo di foraggiare il nostro erario... ed è proprio a questa che rimandano anche tutte le leggi sul divieto di fumare per stabilirlo.


Un estratto della Legge n° 76 del 7 Marzo 1985, naturalmente della parte che più ci interessa.

ART. 2. AI FINI DELLA PRESENTE LEGGE SONO CONSIDERATI TABACCHI LAVORATI:

A) I SIGARI E SIGARETTI;
B) LE SIGARETTE;
C) IL TABACCO DA FUMO;
D) IL TABACCO DA FIUTO;
E) IL TABACCO DA MASTICARE.

I TABACCHI LAVORATI DI CUI AL PRECEDENTE COMMA SONO COSÌ DEFINITI:

a) SONO CONSIDERATI SIGARI O SIGARETTI QUEI PRODOTTI FORMATI DA UN RIPIENO, AVVOLTO DA UNA FASCIA ED, EVENTUALMENTE, DA UNA SOTTOFASCIA, CHE POSSONO ESSERE FUMATI TALI E QUALI; ESSI COMPRENDONO:

1) PRODOTTI COSTITUITI INTEGRALMENTE DA TABACCO NATURALE;
2) PRODOTTI CHE PRESENTANO UNA FASCIA ESTERNA DI TABACCO NATURALE;
3) PRODOTTI DI TIPICO COLOR TABACCO, CHE PRESENTANO UNA FASCIA ESTERNA ED UNA SOTTOFASCIA ENTRAMBE DI TABACCO RICOSTITUITO, DELLA SOTTOVOCE 24.02 E DELLA TARIFFA DOGANALE, SE ALMENO IL 60 PER CENTO, IN PESO, DEL TABACCO IN ESSI CONTENUTO È FORMATO DA PARTICELLE AVENTI UNA LARGHEZZA ED UNA LUNGHEZZA SUPERIORE A MILLIMETRI 1,75 E QUANDO LA FASCIA È APPOSTA A SPIRALE FORMANDO, RISPETTO ALL'ASSE LONGITUDINALE DEL SIGARO O SIGARETTO, UN ANGOLO ACUTO DI AMPIEZZA NON INFERIORE A 30 GRADI;
4) PRODOTTI DI TIPICO COLOR TABACCO, CHE PRESENTANO UNA FASCIA ESTERNA DI TABACCO RICOSTITUITO DELLA SOTTOVOCE 24.02 E DELLA TARIFFA DOGANALE, QUANDO IL LORO PESO UNITARIO, SENZA FILTRO NÉ BOCCHINO, È UGUALE O SUPERIORE A GRAMMI 2,3, SE IL 60 PER CENTO ALMENO, IN PESO, DEL TABACCO IN ESSI CONTENUTO È FORMATO DA PARTICELLE AVENTI UNA LARGHEZZA ED UNA LUNGHEZZA SUPERIORI A MILLIMETRI 1,75 ED IL PERIMETRO DELLA SEZIONE DEI PRODOTTI STESSI È UGUALE O SUPERIORE A MILLIMETRI 34 PER ALMENO UN TERZO DELLA LORO LUNGHEZZA;

b) SONO CONSIDERATI SIGARETTE QUEI PRODOTTI FORMATI DA UN INVOLUCRO CONTENENTE TABACCO, CHE POSSONO ESSERE FUMATI TALI E QUALI E CHE NON SONO SIGARI O SIGARETTI A NORMA DELLA PRECEDENTE LETTERA A);
c) SONO CONSIDERATI TABACCHI DA FUMO:

1) IL TABACCO TRINCIATO O IN ALTRO MODO FRAZIONATO, FILATO O COMPRESSO IN TAVOLETTE, CHE PUÒ ESSERE FUMATO SENZA SUCCESSIVA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE;
2) I CASCAMI DI TABACCO PREPARATI PER LA VENDITA AL MINUTO, NON COMPRESI NELLE PRECEDENTI LETTERE A) E B) E CHE POSSONO ESSERE FUMATI;

d) È CONSIDERATO COME TABACCO DA FIUTO IL TABACCO IN POLVERE O IN GRANI SPECIALMENTE PREPARATO PER ESSERE FIUTATO, MA NON FUMATO;
e) È CONSIDERATO COME TABACCO DA MASTICARE IL TABACCO PRESENTATO IN ROTOLI, IN BARRE, IN LAMINE, IN CUBI O IN TAVOLETTE, CONDIZIONATO PER LA VENDITA AL MINUTO E SPECIALMENTE PREPARATO PER ESSERE MASTICATO, MA NON FUMATO.
SONO CONSIDERATI SIGARETTI I PRODOTTI DI CUI ALLA LETTERA A) DEL PRECEDENTE COMMA, DI PESO INFERIORE A GRAMMI 3.
SONO CONSIDERATI NATURALI I SIGARI E SIGARETTI FABBRICATI INTEGRALMENTE CON TABACCO NATURALE, OSSIA CON FOGLIE E FRAMMENTI DI FOGLIE CHE CONSERVINO MACROSCOPICAMENTE INTEGRA L'ORIGINARIA STRUTTURA DEI TESSUTI FOGLIARI.

ART. 3.
SONO ASSIMILATI AI SIGARI E AI SIGARETTI I PRODOTTI COSTITUITI PARZIALMENTE DA SOSTANZE DIVERSE DAL TABACCO, MA CHE RISPONDONO AGLI ALTRI CRITERI DI CUI ALLA LETTERA A) DEL SECONDO COMMA DELL' ARTICOLO 2 , A CONDIZIONE TUTTAVIA CHE TALI PRODOTTI SIANO MUNITI RISPETTIVAMENTE:

1) DI UNA FASCIA DI TABACCO NATURALE;
2) DI UNA FASCIA E DI UNA SOTTOFASCIA DI TABACCO, ENTRAMBE DI TABACCO RICOSTITUITO;
3) DI UNA FASCIA DI TABACCO RICOSTITUITO.

SONO ASSIMILATI ALLE SIGARETTE E AL TABACCO DA FUMO I PRODOTTI COSTITUITI ESCLUSIVAMENTE O PARZIALMENTE DA SOSTANZE DIVERSE DAL TABACCO, MA CHE RISPONDONO AGLI ALTRI CRITERI DI CUI ALLE LETTERE B) E C) DEL SECONDO COMMA DELL'ARTICOLO 2.
IN DEROGA AL PRECEDENTE COMMA, I PRODOTTI CHE NON CONTENGONO TABACCO NON SONO CONSIDERATI TABACCHI LAVORATI QUANDO HANNO UNA FUNZIONE ESCLUSIVAMENTE MEDICA.
SONO ASSIMILATI AL TABACCO DA FIUTO ED AL TABACCO DA MASTICARE I PRODOTTI COSTITUITI PARZIALMENTE DA SOSTANZE DIVERSE DAL TABACCO, MA CHE RISPONDONO AGLI ALTRI CRITERI DI CUI ALLE LETTERE D) O E) DEL SECONDO COMMA DELL'ARTICOLO 2.

Non mi sembra che siano contemplati gli inalatori personali, ossia, le cosidette sigarette elettroniche... :rolleyes:
-
 
Molto interessante prendere conoscenza della cosa, grazie.

PS: la cambieranno! Certo che no, nel '76 era pura fantascenza!
 
Molto interessante prendere conoscenza della cosa, grazie.

PS: la cambieranno! Certo che no, nel '76 era pura fantascenza!

...no "eMao", credo tu abbia franteso... :eek: Legge n° 76 del 7 Marzo 1985. Quindi, emanata circa 10 anni dopo e, se la memoria non mi inganna, andò a sostituire tutto quello che era stato fatto prima... ;)
-
 
credo che quelle attualmente in vigore siano la Direttiva n. 92/41/CEE e l’art. 23 della legge italiana n. 146/1994
 
La nicotina è un derivato del tabacco. Allora o diventerà monopolio o presidio medico. In entrambi i casi, ci faranno il bu..o così!
 
sicuramente non monopolio visto che ci siamo venduti anche quello ... si chiama BAT-Italia adesso (BAT sta per British American Tobacco)

comunque non rientra nella lista dei tabacchi lavorati soggetti a tassazione
 
Ultima modifica:
...no "eMao", credo tu abbia franteso... :eek: Legge n° 76 del 7 Marzo 1985. Quindi, emanata circa 10 anni dopo e, se la memoria non mi inganna, andò a sostituire tutto quello che era stato fatto prima... ;)
-

Si hai ragione mi ero irgabugliato il cervello, ma ad ogni modo l'ecig è stata comcepita nel 2004, quindi sempre "sufficientemente" dopo la legge...
 
Si hai ragione mi ero irgabugliato il cervello, ma ad ogni modo l'ecig è stata comcepita nel 2004, quindi sempre "sufficientemente" dopo la legge...

ma già ai tempi esistevano le sigarette "nicorette" che serivano solo alla nicotina,l'unico inconveniente era il fumo
in un certo senso il succo è uguale la differenza sta nell'elettronica,nel fumo e nel campo farmaceutico (dove le nicorette,nonostante truffa,erano medicinali per smettere mentre le nostre no)
è bello sapere che quel decreto legge (2004)è uscito quando ho iniziato a fumare...
app visto che i divieti di fumo nei pubblici(bar,ristoranti etc etc) sono subentrati dopo è possibile che,già che c'èrano,hanno modificato anche i fattori vietati? (le modifiche apportate nel 2006 e nel 2007)
 
credo che quelle attualmente in vigore siano la Direttiva n. 92/41/CEE e l’art. 23 della legge italiana n. 146/1994

La Direttiva n. 92/41/CEE, cosi come l’articolo 23 della 146/1994, che in parte la recepisce, si occupano della commercializzazione e della pubblicizzazione dei prodotti derivati dal tabacco.
Questa direttiva europea, in particolare, naque dall'esigenza di dotarsi di una più stringente legislazione per contrastare i fenomeni di contrabbando messi in atto dalle stesse multinazionali del tabacco che, per questo tipo di reati, qualche anno dopo, anche grazie a questa legge, vengono condannate dalle corti di giustizia europee, fatto che avevo già riportato nella discussione http://www.esigarettaportal.it/forum/la-legge-e-sigarette-elettroniche/102-rumors-4.html#post11266.

In ogni caso, anche l’articolo 23 della 146/1994 si basa e rimanda a quella del 1985. Per cui, nessun divieto potrà mai comprendere la Nicotina in se, contenuta peraltro anche in altri vegetali, come le patate (sulle quali mi chiederei come mai piacciono cosi tanto soprattutto quando fritte, che sarebbe proprio la condizione ideale per attivarla al meglio), ne gli inalatori personali (le cosiddette sigarette elettroniche), anche se possono utilizzarla. Questo, ovviamente, fino a nuovo ordine... :cool:
-
 
Si hai ragione mi ero irgabugliato il cervello, ma ad ogni modo l'ecig è stata comcepita nel 2004, quindi sempre "sufficientemente" dopo la legge...

...hai ragione... infatti non modifica di una virgola ne la sostanza ne il senso della tua riflessione... ;) era solo per evitare confusioni cronologiche che si potevano generare nel prosieguo della discussione... :)
-
 
ho fatto una deduzione, sicuramente sbaglierò, ma voglio provare ad esporla:
il divieto di fumo nei locali fa riferimento al tutto quello che è riferibile al tabacco ed ai suoi derivati, il divieto non parla di sigarette, ma di fumo o di fumare....
supponiamo che un gestore chiami le forze dell'ordine e questi vi facciano nonostante tutto la multa prevista e mettiamo il caso la si voglia contestare davanti ad un giudice... ... ... la prima cosa che che chiederà sarà: cosa contengono le cartucce? nicotina diremmo noi.... BINGOOOOO !!! sostanza nociva, assimilabile al tabacco !!! fine della festa e conto dell'avvocato da pagare.
pensate che io stia ragionando per assurdo? ho visto cose peggiori, credetemi.
che ne pensate?
naturalmente discorso non attuabile nel caso la ricarica fosse senza nicotina....
quindi se vi fanno la multa, non fatevi sequestrare la ricarica o se riuscite consegnate una ricarica senza nicotina :D:eek::)
 
Ma siccome non è possibile effettuare un'analisi in loco del contenuto della tua cartuccia...è meglio raggiungere il drappello dei fumatori analogici fuori dal locale.Aiuta anche a socializzare eppoi...vuoi mettere quelli che guardano strano quella sigaretta che hai appena estratto dal taschino,che non si consuma con una dannata voglia di chiederti cosa diavolo sia???Il mio consiglio è di evitare di svapare all'interno dei locali pubblici,possiamo farlo comodamente in casa nostra o in auto senza suscitare le reazioni di chicchessia.
 
Ma siccome non è possibile effettuare un'analisi in loco del contenuto della tua cartuccia...è meglio raggiungere il drappello dei fumatori analogici fuori dal locale.Aiuta anche a socializzare eppoi...vuoi mettere quelli che guardano strano quella sigaretta che hai appena estratto dal taschino,che non si consuma con una dannata voglia di chiederti cosa diavolo sia???Il mio consiglio è di evitare di svapare all'interno dei locali pubblici,possiamo farlo comodamente in casa nostra o in auto senza suscitare le reazioni di chicchessia.

ahaha certo e se non muoriamo di fumo, muoriamo di polmonite per il freddo fuori dal locale !!! ahahahah:p
 
concordo pienamente sul fatto che sia consigliabile svapare sempre e solo fuori.
Aggiungerei anche di mantenere questa abitudine anche in casa, in macchina, o in ufficio o in qualunque altro luogo al chiuso in cui siano presenti altre persone, perchè la nicotina comunque viene dispersa nell'ambiente in cui ci troviamo, sulle superfici e nell'aria, e i nostri vestiti ne sono impregnati.

Inoltre considerate il fattore psicologico e l'astio nei confronti dei fumatori, sappiamo bene tutti che non c'è una guerra contro il tabacco e le sigarette, c'è solo una guerra punitiva contro i fumatori. Si punisce il fumatore e lo si colpevolizza sempre e ovunque. Se l'aria è inquinata è colpa di chi fuma, non di chi ad esempio non fuma ma guida l'auto ogni giorno, se la sanità è in rosso è colpa dei fumatori che si ammalano a causa del loro vizio. Se c'è un incidente in auto è colpa del guidatore che stava fumando, e quindi si tenta di far vietare la sigaretta anche in auto, ma nessuno chiede di vietare l'autoradio, il navigatore satellitare, e tutti gli altri apparecchi elettronici che distraggono quanto l'accendersi una sigaretta, se non di più.

quindi secondo me se uno svapa in un locale pubblico troverà sempre qualcuno che gli griderà contro a prescindere da cosa ti stai svapando, nicotina o non nicotina è ininfluente, se c'è uno sbuffo di fumo/vapore da qualcosa che ti metti in bocca e respiri allora sei etichettato come "fumatore" inquinante e dannoso per la salute, da punire e colpevolizzare come sempre. Poi magari la signora seduta accanto si è messa tre tonnellate di profumi addosso che possono anche provocare allergie e danni alla salute degli altri 100 volte peggio di un e-liquid senza nicotina, e un altro signore lì accanto si è messo un cappotto che puzza di naftalina da 10 metri di distanza e l'ha appoggiato sulla sedia davanti a te.

però sono tutti dei santi e la colpa è sempre e solo di chi fuma, quindi anche se svapi sarai sempre guardato male. Ho un presentimento, vedrete che quando le e-cig saranno abbastanza diffuse e conosciute verranno fuori anche le leggi che ne vietano l'uso nei locali pubblici.

:D
 
Non dimentichiamoci però che la esig è nata proprio per dare la possibilità ai fumatori accaniti di poter fumare nei locali, infatti, in qualsiasi pubblicità delle esig, la prima cosa che viene messa in evidenza è proprio il fatto di poterla fumare nei luoghi dove vige il divieto di fumo.
 
Non dimentichiamoci però che la esig è nata proprio per dare la possibilità ai fumatori accaniti di poter fumare nei locali, infatti, in qualsiasi pubblicità delle esig, la prima cosa che viene messa in evidenza è proprio il fatto di poterla fumare nei luoghi dove vige il divieto di fumo.

Si ma con questa torniamo al titolo del thread, viene pubblicizzato che puoi fumare ovunque...ma sarà vero anche davanti un ipotetico giudice?
 
In questo caso la responsabilità se la assume chi mi ha venduto il prodotto.
concordo al 100%, se il produttore/distributore dell'ecig usata dichiara questo vantaggio possiamo sicuramente citarlo per pubblicità ingannevole se costretti a pagare una multa, io comunque evito di svapare in luoghi pubblici al chiuso perchè detesto gli sguardi disapprovatori e le domande continue...l'ecig mi serve a non respirare 4000 sostanze nocive e a ridurle a 1 (vedi se è poco) e non alla comodità di fumare ovunque e sempre. Per chi come me ha soprattutto amici fumatori tanto rimarrebbe al ristorante da solo a tavola a svapare mentre gli altri sono fuori a fumare...sai che bello:mad:
 
Per quanto ne so io la legge non ammette ignoranza, mi sa che una multina non ce la caverebbe nessuno...e in più che si fà con il titolare, del locale, che magari hai convinto che ciò che fumi è vapore acqueo e legale.
Sarebbe bello capirci qualcosina di più....nessun AVVOCATO? ;)
 
Indietro
Top