• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

batteria ed effetto memoria

PAOLO1898

New member
ciao a tutti. sono nuovissimo e vorrei porre un quesito su un argomento che forse avete già affrontato. Parlo della ricarica della batteria e dell'effetto memoria. Insomma, per ricaricare, bisogna aspettare che la batteria sia completamente scarica? e, nel ricaricarla, bisogna aspettare che la carica sia completa? Preciso che ho una T-Fumo. Grazie a che vorrà rispondermi :)
 
per ricaricare, bisogna aspettare che la batteria sia completamente scarica?

Le batterie delle e-cig sono al Litio... quindi non soffrono di effetto memoria.
Ci sono post di persone che fanno girare due batterie e le invertono ogni volta che cambiano la cartuccia.
Diciamo che piu' che altro le litio soffrono della cosiddetta Deep Discharge ovvero SCARICA COMPLETA... pero' esiste una protezione interna alle batterie che evita di succhiare ogni goccia di energia! :p

Quindi ricarica come ti pare... non ci sono problemi! :D

ciao!
 
Precisiamo però che le batterie non sono di qualità eccelsa.. Esempio una buona litio regge almeno circa 1000 cicli.. ma a quanto detto dai costruttori non parlano di tanti cicli..
basta cronometrare il tempo di ricarica.. è direttamente proporzionale alla capacità.. inversamente proporzionale allo stato di salute.
Una EVO mediamente dalle 2 alle 2 ore e mezza .. quando nuova... il tempo di ricarica.
Quelle che ho io.. :D
 
Non ricordo se a luglio o ad agosto, scrissi che le batterie delle esig erano "truccate". In pratica, l'elettronica legge i cicli di ricarica e, dopo un tot di cicli prestabiliti ne blocca il funzionamento. Il tutto, ovviamente, per vendere più batterie!
 
Chissa se si potranno resettare mettendo in corto qualcosa :D Non vedo l'ora che mi si guasti una batteria per provare :p buahahahahha
 
Non ricordo se a luglio o ad agosto, scrissi che le batterie delle esig erano "truccate". In pratica, l'elettronica legge i cicli di ricarica e, dopo un tot di cicli prestabiliti ne blocca il funzionamento. Il tutto, ovviamente, per vendere più batterie!

Io ho una EVO presa a ottobre circa.. si becca attualmente da 4 a 6 ricariche al giorno.. 120x5=600 cicli.. finora. Mi pare che dei 300 400 dichiarati dalla casa siamo fuori.. aspetto ancora il blocco :D oppure l'esarimento celle :)
Anche se la teoria è fattibile.. anche se probabilmente arriva prima la morte naturale.. :lol:
 
Non ricordo se a luglio o ad agosto, scrissi che le batterie delle esig erano "truccate". In pratica, l'elettronica legge i cicli di ricarica e, dopo un tot di cicli prestabiliti ne blocca il funzionamento. Il tutto, ovviamente, per vendere più batterie!

Magari fai una prova con una batteria esaurita mettendola in serie ad una comune batteria e vedi con un multimetro che tensione leggi...se il blocco è veramente elettronico no dovresti leggere nulla prechè interrompe la conduzione altrimenti se è sfinita dovresti almeno leggere la tensione della batteria aggiuntiva....ancora meglio sarebbe andare a misurare la capacità della batteria stessa ma la strumentazione è meno reperibile...
In caso di certezza di blocco da parte della logica prova a dare una scarica da 20 o + ampere alla batteria per meno di un secondo (se li avete vanno benissimo gli analizzatori di sicurezza elettrica) dovrebbe bruciare la logica e la batteria dovrebbe tornare ad erogare, non so poi se pero' risponderà + al'attivazione.... se avete batterie sfinita mandatemele che ci provo :)

luca

luca
 
Secondo me considerando l'economia (nonchè le esigenze di spazio) con la quale è costruita l'elettronica è difficile che ci sia della logica di controllo delle cariche, implicherebbe la presenza di una memoria, anche piccolissima, non volatile. Nel caso della t-fumo/eco/e-health che ho smontato è presente solo un 811A, cioè un integrato che si occupa di gestire flussi di corrente. La EVO non l'ho aperta, ma altre ecig più complesse potrebbero avere elettronica aggiuntiva, quindi non lo escluderei al 100% :)
 
Indietro
Top