• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

Acroleina

La stessa Intellicig, da quanto ho capito, carica le sue cartucce con liquidi contenenti il 50% di PG e solo l'8% di Glicerolo, mentre i liquidi ECOpure contengono solo glicerolo. Non riesco a spiegarmi il perchè di queta cosa.
 
Mi sono riletto il TD e vorrei contribuire con un mio parere. Secondo me il VG andrebbe abbandonato (io l'ho fatto da poco e poi vi spiego il perchè) in quanto oltre alla possibile formazione di acroleina, può dare altri problemi.
Di seguito un piccolo sunto di ciò che si trova in rete :
Effetti collaterali, a parte l'effetto purga, sono l'aumento della pressione ematica. Quindi, se hai problemi di ipertensione, devi starne alla larga. Per il resto, si tratta di una sostanza diffusa nell'organismo, che deriva dalla divisione dei grassi alimentari in acidi grassi e, appunto, glicerolo. Devi anche considerare che il glicerolo è utilizzato come substrato per la produzione di glucosio. Di solito non aumenta sensibilmente la glicemia, ma è bene considerarlo quasi come una fonte di carboidrati. A volte l’utilizzo del glicerolo è accompagnato da alcuni effetti collaterali quali nausea, emicrania, vertigini. Comunque negli Stati Uniti è considerato doping.
Logicamente si tratta di glicerolo assunto per via orale ma probabilmente gli effetti sono gli stessi se inalato.
Dicevo che da poco uso solo PG perchè negli ultimi controlli che ho effettuato ho notato un aumento dei trigliceridi. Può darsi che la cosa sia attribuibile ad un eccesso di pasta e pane (non ho bevuto superalcolici e max un bicchiere di vino a pasto), ma mi è venuto il sospetto che possa essere il glicerolo perchè prima di iniziare "lo svapo" i valori erano tutti normali. Quindi ho deciso di eliminarlo così da avere una controprova alle prossime analisi.
Sarebbe utile raccogliere altre esperienze del genere di modo che ci si possa fare un'idea più precisa sulla tollerabilità o meno di questo benedetto glicerolo. :rolleyes:
 
]Salve, a proposito della glicerina vegetale e della formazione di acroleina volevo segnalarvi questo studio di parte di intellicig sul liquido ecopure (a base di sola vg) che la esclude espressamente.
E' sul sito intellicig inglese alla pagina ecopure liquid. Non posso ne allegarlo né linkarlo ma è interessante
Evidenzio che è commissionato da intellicig.
Se è già stato postato mi scuso.
Nabiki
 
Ultima modifica:
ho cercato di coinvolgere il forum di chimica che frequento in questa impresa e ne sta venendo fuori una discussione interessante.
vediamo come si evolve.

nel frattempo avendo una e-cig in mano da una settimana ho potuto guarda meglio come è fatto l'atom e capire come funziona.
se ho capito bene (correggetemi se sbaglio)
sul fondo dell'atom c'è una resistenza, sovrastata da un archetto di lanetta metallica.
questa lanetta, per capillarità si imbeve di liquido.
quando la resistenza si attiva, scalda (per irragiamento infrarosso) la lanetta e provoca la formazione della nebbia.
quindi in genere la resistenza è secca o si secca istantaneamente appena si usa.

la resistenza sicuramente supera i 300 gradi (emette luce visibile quindi diventa incndescente)
ma la lanetta che viene riscaldata per irraggiamento, non potrebbe mai arrivare a quei livelli (ma neanche lontanamente)
sia perchè il traferimento per irraggiamente è piuttosto inefficente, ma anche perchè è bella inzuppata di liquido (che contiene acqua e che a 100 gradi bolle)
quindi se acroleina si forma (e volendo è possibile)
io credo che si formi nella prima boccata e solo se del liquido è finito direttamente sulla resistenza, ma le quantità in questione sono quantificabili in parti per milione.
se ne produce probabilmente molta di più facendo un bel barbeque o friggendo il polipeti (mmmmm che buoni )

condivido la necessità di conoscere e di comprendere, ma anche quando si dimostrasse che l'acroleina c'è, le soluzioni sarebbero semplici (liquido senza VG) e cmq ci sarebbero altre 3996 sostanze tossiche in meno rispetto ad una sigaretta.
anche perchè come detto e ridetto nel fumo di sigaretta l'acroleina c'è di sicuro.
 
tutta la lanetta serve a convogliare liquido che poi si dirige verso la resistenza incandescente, i 60-70°C non basterebbero a fare cosi tanto vapore
puoi linkarci la discussione sul forum di chimica? :)
 
sotto l'archetto c'e un cuiffetto di tessuto che serve per tenere sempre umida quella zona,difficilmente il liquido riesce ad andare sulla resistenza.
la parte incandescente se ci fare caso e ai lati al centro la resistenza e sempre "spenta" fateci caso,per vederla incadescente bisogna che sia ben asciutta.
 
sul fondo dell'atom c'è una resistenza, sovrastata da un archetto di lanetta metallica.
questa lanetta, per capillarità si imbeve di liquido.
quando la resistenza si attiva, scalda (per irragiamento infrarosso) la lanetta e provoca la formazione della nebbia.
quindi in genere la resistenza è secca o si secca istantaneamente appena si usa..
La lana metallica ha dei "fili" sintetici che portano il liquido a contatto con la resistenza! Conditio sine qua non per la produzione del "vapore"...
 
tutta la lanetta serve a convogliare liquido che poi si dirige verso la resistenza incandescente, i 60-70°C non basterebbero a fare cosi tanto vapore
puoi linkarci la discussione sul forum di chimica? :)

il vedo che la lanetta ci gira intorno ma non tocca la resistenza.
cmq credo siano più di 100 gradi, ma non molti di più.

Sigaretta elettronica

questo è il link alla discussione, vediamo se si scalda un po .
 
Un certo Mike ha fatto delle misure "casalinghe, ma con strumentazione e metodi adeguati a quanto, a mio parere, ci può interessare (non doveva certo pubblicare un articolo su una rivista scientifica....).

E' interessante perchè è la prima volta che leggo di una misura della temperatura del filamento asciutto (365 °C) e "umido" (105-165°C) e della camera di "vaporizzazione" (60 - 70° a 1 cm e mezzo di distanza dal filamento, come dicevano FA e Heath New Zealand). Il test è fatto su un big battery (Prodigy) a 5,5 V "netti"

Riporto il post che avevo visto qualche giorno fà:

Acrolein from VG?... Simple Test results ________________________________________
The following is a simple attempt to share my observations with those interested parties and should not be construed as a recommendation either for or against the use of VG in your personal devices.

First, the devices and test conditions:

E-Cig./PV: Prodigy V1 (resistored) with full charge on 2X 3.0V tenergy LiFePO batteries, Reading 6.92V (~5.5V underload) at the atty adaptor.

Atomizer (Atty): Sailebao true DSE801 tall bridge. (With Bridge removed for testing purposes)

Liquid: DIY 18mg. 60% PG, 20% VG Base.

Temperature Testing Equipment: Etek 10709 Multimeter(MM) with temp capability to 785 degrees F. K type thermocouple (TC) supplied with Etek MM.

I tested the calibration of the MM and thermocouple via boiling water and an ice bath prior to use. Boiling H20= 211F, Ice Bath= 33F. Not perfection but close enough for this application.
I should mention that I chose to use this Device primarily due to the extremely small thermocouple, which would allow me to take readings inside of an atty while in operation.


The Testing:

My initial reading was taken with the atty clean and dry and the Thermocouple (TC) in contact (touching) with the coil. After continuously energizing the coil for 6 seconds, the peak temp reading was 689F (365C).

I allowed atty coil to cool for 5 minutes and then dripped four drops of liquid into the atty and waited for 1 minute (allowing time for liquid to disperse)

I repeated the 6 sec. heat cycle with TC touching the wetted coil. Peak temp was 324F (162C).

After clearing the vapor from the atty, I posistioned the TC just above the atty coil (~1mm) and repeated the 6 sec. cycle again. peak temp of vapor at coil was 218F (103C).

After allowing atty to cool for a few minutes I added 2 more drops of liquid.
With the TC ~1/2" above the coil I repeated the 6 sec. cycle 3 times with a 20 sec. interval between each cycle. Peak temps were 139F (59C), 146F (63C) and 148F (64C).

Observations:
This test was conducted using a newer High Voltage Device (Prodigy V1)at peak performance to simulate a "worst case scenario" and is not indicative of a standard E-Cig./PV.

The 6 second cycle times are assumed to be extreme for this device as the manufacture recommends 3-5 seconds with this atty.

This test is not an attempt to simulate "real world" measurements derived from the same device when used as recommended.

There is no allowance for negative pressures present in normal operation which would certainly decrease the observed vapor temps.

Conclusions:
IMHO, The dry coil is capable of far exceeding the stated decomposition temp of VG (280-290C). However,When wetted, The coil peak temp is dramatically reduced and becomes incapable (under these conditions) of achieving required temps to decompose the VG into Acrolein.

Questo è il link dell'intera discussione:

Acrolein from VG?... Simple Test results - e-cigarette-forum.com • The place for electronic cigarette reviews, news and chat
 
la lanetta metallica non può toccare la resistenza perché, in quanto metallica è conduttrice di elettricità e diventerebbe resistenza... Giangi intervieni...
 
La lana metallica ha dei "fili" sintetici che portano il liquido a contatto con la resistenza! Conditio sine qua non per la produzione del "vapore"...

mmmmmmmmm
se fosse cosi i cartomizer sarebbero pericolosissimi,la resistenza e' a contatto col liquido sempre non ha nessuna barriera a protezione,comunque a lanetta bagnata anche la resistenza dei cartomizer non diventa incandescente,a fatica lo diventa con lanetta semi asciutta.
percio deduco che gli atom con lanetta sempre umida non abbiano mai resistenza incandescente.
 
Io ho trovato questa....
esmokersmag.com/2009/04/04/how-the-ecig-works/ La descrizione di come funziona la E-Sig in inglese (Scusate ma sono un Junior e non mi fa postare links!
In pratica la retina metallica porta per capillarita' il liquido verso la resistenza. quando si aspira... si stracciano micro gocce di liquido dalla retina... la resistenza di scalda... e fa evaporare l'acqua nelle gocce che si sono staccate... e cosi' si produce il vapore! :D
 
E che ho detto? Se la resistenza è secca.... non farà mai vapore!

si difatti,ma allora la produzione di acroleina non esiste,se nulla e' incadescente,siamo sempre li,perche quanto meno le temperature non sono alte.


P.S:ma adesso e' vapore?2 giorni fa non lo era e si stava discutendo di denuncia ai venditori?:confused::confused::confused:
 
il vedo che la lanetta ci gira intorno ma non tocca la resistenza.
cmq credo siano più di 100 gradi, ma non molti di più.

Sigaretta elettronica

questo è il link alla discussione, vediamo se si scalda un po .

discussione interessante anche se a volte per me un po' ermetica.. :)
molto bello anche il video postato sull'esperimento delle 400 sigarette tradizionali, convincente.. ;)

anche se è un po' ot, riporto qui il link per chi non ha voglia di andarselo a cercare nell'altro forum.. penso che valga la pena vederlo.. :eek:
 
Ultima modifica:
Indietro
Top