PDA

Visualizza Versione Completa : I-stick mini: non solo per giovini neovaperesse



gigetto
04-05-2015, 16:42
La Istick è l'oggetto che più di ogni altro ha rivoluzionato il mercato dello svapo degli ultimi due anni. Questo perchè prim di lei la Box Battery era oggetto costoso e non piccolo cosa che ne faceva apparire ancora di più l'inutilità, una box pesante, non BF, costosetta perchè dovrebbe essere comperata? Perchè è di moda e questo era quanto sino otto mesi fa. Poi apparve defilata e stupefacente questa 20w, dimensioni minime e prezzo da ego......fu un tripudio di elogi ma.....ma c'è sempre un ma.....Attacco fragilissimo, circuito perfettibile, non effettua step down, pilaccia integrata che difatti pochi mesi dopo muore, sostituita con una vecchia pila ch avevo dello stesso formato 18650.

Dopo di lei a ruota esce la joyetech che è una all in one ossia circuito serbatoio e testina anche rba integrati in un'unica struttura, forse ancora più innovativa ma di contro ha che la testina RBA non è di facile setting, il serbatoio non si lava e la pila è una sedicivattelapesca con soli 1500mah per cui l'autonomia ottima della Isticchia nuova non viene raggiunta pur con i 20w della cugina. anche per questa il prezzo è un plus inoltre sembra robusta e ben fatta come tutti i prodotti joyetech ma....è pesante come un oggetto da lancio, bouna per portarsela in manifestazione sopratutto se non funziona più......ma il taschino lo sfonda, veramente troppo pesante.

Quando la isticchia 20w ancora funzionante faceva i primi capriccetti ecco che usciva la 10w sempre dell'istick e di primo impatto la giudicai una (beeep) per le dimensioni veramente troppo ridotte e insomma mi sembrava una cineseria con rispetto per quel grande paese e per i suoi prodotti che quando ben fatti sono eccellenti e nulla han da invidiare a tutti i prodotti occidentali.

Quindi approssimandosi la morte naturale per consunzione del Pin della isticchia 20w cercavo un sostituto di questa. Pensavo che la Vapourshark DNA30w fosse quella istick ben fatta che la potesse degnamente sostituire. Però oramai è "passata" esiste poco più grossa la 40w con la pila 18650 integrata con 2260 mah di capacità a fronte della 1200 di questa, costa anche poco di più di questa scontata per cui diciamo che due anni fa poteva essere ma oggi.....

Al prezzo della pila di ricambio della Vapourshark vedo questa e penso "beh nel taschino con su un'egoiata per il giorno dovrebbe andare bene e poi non sembra mal fatta" e decido di prenderla.

L'uso che ne faccio è quello della sorella grande per ora in affiancamento e.........sorpresa.....

Piùpiccola e leggera, semplificata, con su un vecchio BCC col suo adattatore pesa come una ego e è discreta, ma l'autonomia a 3,7v è ottima due tank abbondanti del kangerino circa 3 ml e messa in carica mostra ancora 34% circa ossia un terzo eventuale, ma anche questa ha quel buco che sotto la mezza carica si affloscia morendo, ossia i residuali della carica sono indicativi e non veri percentili, un pò come una macchina che mostra mezzo serbatoio ma dopo dieci km è in riserva.....

I tastini ballano e non poco, se prendo il treno correndo sembra di avere nel taschino un pacchetto di tic-tac. Il bottone del fire non cilecca come quello della 20w ma il pin è lo stesso, tanto vale accrocchiarci l'adattatore in dotazione per aumentare la vita di tutto l'ambaradrac.

In ricarica non scalda come la sorella segno che pila e carichino funzionano un pò meglio. La vecchia 20w cui ho sostituito due mesi fa la pila perchè non aveva che 2ml di autonomia e per fortuna che l'ho fatto poichè perdeva acido, oggi dura circa 4ml ed è un pò risorta anche se la uso sempre ai 8w mentre questa piccolina fa anche step down e la cosa soddisferà gli egoisti che rinuncieranno ala pennetta per questa scatolina di cerini che il suo mestiere lo fa discretamente e bene, autonomia uguale alla 20w con pila da 1500 mah un pò vecchiotta ma almeno affidabile (se poi mi si incendia il taschino:cloud:) penso che senza atom sub-ohm e accrocchi strani da piantarci sopra abbia fatto bene a non preferire la 30w americana che a parte prezzo e peso superiori nell'uso pratico per me avevano il plus del blasone del marchio ma se tanto mi dà tanto non sarebbe mai durata cinque isticchie nane....

Che ha il plus di autonomia, facilità, display che a me piace tanto, e un circuitino che al momento mi pare ben fatto senza sofismi e senza rinunce. Da usare assolutamente con l'accrocchio per non spanare il suo debole pin e con tutte le robine 14mm che usavamo sulle ego nella golden age dello svapo.

aldo.pt
04-05-2015, 22:06
stavolta non ti ho capito manco io. ti si é rotta una istick, hai aperto un thread dove ti sei lamentato del fatto e hai criticato il mercato di oggi che fa prodotti usa e getta e poi ti ricompri la istick?
per giunta con tante boxettine che ci sono oggi?

gigetto
04-05-2015, 22:22
stavolta non ti ho capito manco io. ti si é rotta una istick, hai aperto un thread dove ti sei lamentato del fatto e hai criticato il mercato di oggi che fa prodotti usa e getta e poi ti ricompri la istick?
per giunta con tante boxettine che ci sono oggi?

Alternative a parte la vapourshark mini non ne ho viste, piccole e leggere, ma forse non sono aggiornato.

P.S. la 20w cambiata la pila mi và ancora, maluccio col pin spanato ma funziona, i modder a oggi non hanno sfornato nulla che possa competere per peso e prestazioni, magari con un buon circuito.
Avevo valutato in negozio la Hgigar 30w ma pesa tre isticchie....

aldo.pt
04-05-2015, 22:27
Io ti avevo suggerito la smok, piccola e leggera. Poi c'e la sigelei, pioneer4 you e altre
Comunque alla fine, contento tu contenti tutti :-)


Enviado de onde?

gigetto
04-05-2015, 22:29
La cloupor è la più piccola ma non l'ho presa per evidenti ragioni di sicurezza, le altre sono tutte molto superiori alla Istick o alla Vapourshark, questa le batte tutte almeno in dimensioni....

iuc
05-05-2015, 19:23
Io l'ho presa per la moglie, che proprio ventenne non è, che inorridisce, ad usare anche l'istick 20w che uso io ogni tanto a passeggio. Se si parla di dimensioni è una cosa, di prestazioni n'altra. La istick mini è proprio mini come una scatola di fiammiferi, dice bene gigetto ... ma decisamente meglio di una ego vv, sia come resa che come comodità. Ovviamente se dovessimo paragonarla ad altre scatolette più prestazionali, le dimensioni sarebbero ben diverse... e quel cm. fa la differenza, soprattutto per chi predilige batterie poco appariscenti. 'Na scatolettina simpatica per giovini/nonpiùgiovini vaperesse. :tongue:

gigetto
08-10-2015, 17:36
Beh se si deve recensire lo si deve fare con dovere e bisogna di dati....solo i dati sono NON soggettivi e non interpretabili al di fuori della fredda logica matematica.

Innanzitutto il solito difetto delle I-stick ossia un dato dichiarato della capacità della pila non, IMHO, reale.
Infatti se i 1050 mah con un circuito mediamente efficiente nei 3 ml circa di maggio potevano "starci" oggi con quella cifra non mi ritrovo proprio, e proprio oggi che ero in giro ho potuto notare che alla fine oggi, dopo soli cinque mesi di uso la vita della batteria, in termini di capacità si è ridotta drasticamente.

Tanto che ora che ho avuto un problema con una Box 18650 non può questa essere un buon oggetto per la giornata, per via della durata che oramai è risibile, della Pila. La "vecchia"elips fa molto meglio in termini di autonomia e anche in quantità di liquido svapato....sarà stata cara, vecchia, ecc. ma penso che ancora oggi con i suoi 360mah. insegni ancora, anche se ai cugini non si dovrebbe insegnare ma metterci del proprio, con una cella di pari qualità alla piccola la mini potrebbe essere la boxettina per tutti.....anche per i più velleitari visto che ora la potenza della nuova versione è ben doppia.....

Con le egoiate allora si difende bene non supera però l'autonomia almeno della mia, di una bella 650mah ben fatta ego. Col suo GS16 è veramente ben calibrata, la vernice è ben fatta non si è scrostata, i tasti non hanno preso gioco (l'avevano già:pianto:) e il tasto fire che non si è ancora annerito (quello della 20w sì) non ha mai perso un colpo. Il circuito conferma la bontà delle cose semplici poichè anche sotto il 20% la spinta non cala in maniera massiccia....
Il Pin con l'accrocchio non si è ancora spanato, bisogna solo aver cura di rimuovere il trasudamento di tanto in tanto svitando il tutto e pulendo, poi per il resto che posso dire, le torx si sono arrugginite, la base graffiata nel poggiarla sul tavolo ma per il resto sembra anche, pila a parte, non patire eccessivamente il tempo. Tempo che purtroppo pur con un numero di ricariche non eccessivo ha invece già affievolito la batteria, ora faccio 1,2 ml su GS 16 a 3,7V con res da 1,8 per cui.....ego docet, la mia ego del primo kit forse come autonomia la eguaglia....ma questa è invero piccola carina e boh a me piace.

Un led luminoso si è bruciato, poco male, il piccolo Oled è un pò come le insegne al neon di piazza del Duomo quando qualcuno si bruciava, e vi era quell'insegna che promuoveva il benessere economico degli anni sessanta, pubblicizzando le cambiali così il neon composto che reclamizzava "acquisti chi ha vantaggio" collo scorrere del tempo vedeva perdere parte della sua potenza luminosa nella moria dei Neon che perdendo di catodicità spegnevano così chi lontano vedeva l'insegna senza esserci sotto non riusciva più a leggere la frase completa ma di default quello che rimaneva "acQUIStI CHI hA VantAggio" e molti accorrevano contenti...ma tanto per quel che deve fare l'Oled così và bene.....

Il pin ancora buono grazie all'accrocchio quindi, io consiglio di usarlo sempre perchè ha la medesima qualità del della 20w....la vernice ancora intatta, le cromature pure, i pulsanti operativi, beh non che per il prezzo ci si debba lamentare.....

Pila. All'inizio dai miei conti caricava una quantità di energia che consentiva se non la giornata almeno due tankettini delle egoiate, oggi non ci faccio che miseri 1,2 ml su GS direi che la pila....

Col charger da 500mah infatti da nuova caricava al 30% del residuale indicato un'oretta, oggi arriva a spegnere e scalda pure parecchio la pila in discharge, sintomo che la Li-Po non è più efficiente, facile ipotizzare che neppure questa veda il panettone.

E' anche aumentato il drop rate dell'indicatore dal sotto-carico alla ricarica, ma questo a molti non interessa.

Consiglierei questa colla miriade di Box che ci sono in giro? Bella domanda, per la piccolezza la portabilità e il nocost sicuramente sì, cosa però sarebbe questa con un circuito 30w TC anche semplificato e una buona pila, di qualità, come quella qualità della joyetech che nell'elips fa miracoli....

seven
08-10-2015, 17:45
gigè ma tornare ad una bella e onesta ego 650maA no? :asd:

costa quanto un cecio, leggera come una piuma e grande quanto un pisello! è la morte sua per te (nell'attesa che qualche modders non ti realizzi un boxbattery grande quanto un pulsante e un attacco 510 alimentata a plutonio apposta per te)

Sturusu
08-10-2015, 17:57
come cambia il tempo... quando 4-5 anni fa a chi voleva smettere e chiedeva consiglio, consigliavo (ridondanza) una ego la risposta più in auge era "io cn sto siluro non ci vado in giro" :asd: