Visualizza Feed RSS

Area Chrom(ata)

Un pensiero al femminile.

Valuta Questa Inserzione
Amarezza

La tua mano
scivola sul mio petto
bagnandosi nelle lacrime
d’un sofferente cuore
piangente
per la perduta gioia
data da quell’amore
ormai preda della noia
che spietatamente uccide
quel fuoco ardente
che unì le nostre vite,
come fosse durato solo un istante.
Incauti ardori

Incauto maschio,
che da cotanta beltà ammaliare ti lasciasti,
negli armoniosi occhi di una femmina
il tuo sguardo rimase fisso,
pieno di ingenua felicità prigioniero tu restasti,
da esser pronto anche a morire
fosti a lei sottomesso.

Seppur vivido il ricordo
di libera libertà in mente arde,
la tua vita per lei daresti,
foss’anche
davanti a facinorose orde;
perdi la fermezza, offusca i tuoi pensieri,
è grande la gioia del provar sentimenti veri,
allargando il petto la curi e la pretendi
perché possa ricoprirti di bugie e vilipendi.

Cosa son gli uomini nelle mani di chi li fece:
solo dei vanti servitori,
apparentemente in vece.

Ma io, che son di fortuna nato,
a cui tu toccasti,
donna che rendi l’uom beato,
protagonista dei miei sogni
sognator son diventato
e l’avverar del donarti l’anima
è il più bello
che possa riservarmi il fato.

Questo
è quel che io profondamente penso,
ma... ecco che improvvisamente...
ci ripenso...
poi infin decido: “che bello rimaner fregato”.


Alle (mie) Donne

Di questa vita
che a me tanto a dato,
ciò che ne resta
a voi donar mi aggrada,
pur se intensissime emozioni
mi ha sempre dispensato,
dell’amor vostro
ormai è diventata preda.


Tu...

Come son belli i tuoi occhi,
esprimono virtù
e i ricercati gesti delle tue mani
mi incantano;
strusciarmi
alla seta d’oriente nei tuoi capelli
ed osservar quelle colonne ardenti
che tutto un mondo tengono su.


Sadismo di donna

Un taglio di netto il suo sguardo
dopo anni vissuti in un sogno;
dopo quei tanti “ti amo…”, un miliardo,
avanti, ormai sprofondato in un grugno.

Troppa parte di Se in quel gioco
ed esigua quella tenuta,
affidata a una mantide è poco
e più giusto averla negata.

Ora solo si sveglia e ripensa
il volto segnato profondo,
mai più una sola presenza,
mai più uno slancio, fino alla fine del mondo…


Tuo...

Sempre ti ho amato
e mai ho saputo far di più,
ma oggi qualcosa è cambiato:
ti sento in me
mentre con tutte le tue forze
mi tieni su.

Invia "Un pensiero al femminile." a Digg Invia "Un pensiero al femminile." a del.icio.us Invia "Un pensiero al femminile." a StumbleUpon Invia "Un pensiero al femminile." a Google

Aggiornato il 14-01-2012 alle 20:44 da [ARG:5 UNDEFINED]

Categorie
Poesia

Commenti