Visualizza Feed RSS

Area Chrom(ata)

PC alla velocitÓ della luce...

Valuta Questa Inserzione
Da circa sei mesi conservavo in un cassetto un nuovo Hard Disk di tipo SSD SATAIII. Un paio di giorni fa ho finalmente trovato il tempo per installarlo.
L'ho accoppiato ad hardware piuttosto potente e abbastanza recente - quindi con scheda madre dotata di Core i7, RAM DDR3 e porte SATAIII a 6 GHz - ma non di ultimissima generazione. Gli SO che ho utilizzato sono Windows 7 (64bit) e Windows 10 (64bit). I programmi pi¨ corposi sono Office 2010, Acrobat XI Pro e Photoshop CS5.

Ebbene, su questo nuovo supporto SSD garantisco che la velocitÓ di installazione, esecuzione, spegnimento e riavvio del sistema operativo e installazione ed esecuzione successiva dei programmi che uso, a paritÓ di hardware si Ŕ pi¨ che raddoppiata rispetto agli HD motorizzati SATAII. Tanto che non riuscivo a credere ai miei occhi. Si, capivo che sarebbe stato di certo pi¨ veloce, tecnologia e numeri alla mano, ma non immaginavo cosi tanto. Nemmeno gli hard disk SCSI sono cosi veloci, che, per i meno esperti, seppur sempre motorizzati sono comunque dischi a trasferimento parallelo da 10.000 giri, contro i 7.200 giri a trasferimento singolo dei motorizzati SATAII.

Insomma, in una parola: strabiliante.

Invia "PC alla velocitÓ della luce..." a Digg Invia "PC alla velocitÓ della luce..." a del.icio.us Invia "PC alla velocitÓ della luce..." a StumbleUpon Invia "PC alla velocitÓ della luce..." a Google

Categorie
Recensioni , ‎ ICT

Commenti

  1. L'avatar di darkriddick
    Come fai a lasciare in un cassetto un SSD?