Lista Tag Utenti

Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Trattore Agricolo

  1. #1
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di A-come-A
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Una delle due grandi isole in mezzo al Tirreno.
    Messaggi
    593
    P.Vaporizer
    Tutti
    Citato in
    125 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    1,104
    Thanks ricevuti: 1,375 in 335 Posts

    Predefinito Trattore Agricolo

    Il primo omonimo album d’esordio dei Buffalo Springfield era già stato in realtà pubblicato qualche mese prima, precisamente nel dicembre del 1966. I discografici decisero di ripubblicarlo in tutta fretta una seconda volta, all’indomani dell’imprevedibile successo ottenuto dal singolo “For What It’s Worth”. Ecco che quindi venne deciso di ristampare l’album, con l’esclusione di una canzone a favore del singolo di successo, per cavalcarne il più possibile l’onda lunga delle vendite.
    E fu una scelta sensata.
    La formazione guidata da Stephen Stills e da Neil Young ci racconta un altro esempio del folk rock californiano; una breve avventura durata pochi anni e tre soli dischi, precocemente interrotta principalmente a causa dei dissapori artistici fra Stills e Young.
    Fu uno strano destino quello dei Buffalo Springfield. Non ottennero mai dei clamorosi successi e anche i riconoscimenti da parte della critica furono tiepidi. Salvo poi tributar loro meriti man mano che i singoli componenti del gruppo ottenevano successi susseguenti al loro scioglimento, sia da solisti, sia in altre formazioni; e non sono così certo che se Stills non fosse diventato lo Stills che conosciamo e Young non divenisse la star di prim’ordine cha sappiamo, i Buffalo Springfield sarebbero trattati così bene come lo sono oggi.
    Il loro ruolo (e importante) lo hanno avuto eccome, contribuendo a definire chiaramente tutto quel movimento di idee (e di illusioni) in fermento nella California di quegli anni.
    Una coppia di autori di gran lustro, ben tre chitarristi e ben quattro voci, fra cui anche quella solista di quel Richie Furay che più avanti fonderà i Poco, all’epoca potevano essere secondi solo ai Byrds.
    “For What It’s Worth” è senza dubbio il brano più celebre dei Buffalo, ma tutto “Buffalo Springfield” è un disco di armonie country-rock, avanguardista per il futuro ma debitore di un passato che affonda nei ’50, qua e là spruzzato da mesta psichedelia.




    For What It's Worth - Buffalo Springfield - YouTube

    Buffalo Springfield - 11 - Out Of My Mind (by EarpJohn) - YouTube

    Buffalo Springfield - 05 - Hot Dusty Roads (by EarpJohn) - YouTube

    Buffalo Springfield - 06 - Everybody's Wrong (by EarpJohn) - YouTube
    Ultima modifica di A-come-A; 16-11-2013 alle 20:23

    free your mind & your ass will follow...

  2. I seguenti User ringraziano:


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •