Lista Tag Utenti

Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: RubaBlues

  1. #1
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di A-come-A
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Una delle due grandi isole in mezzo al Tirreno.
    Messaggi
    589
    P.Vaporizer
    Tutti
    Citato in
    125 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    1,096
    Thanks ricevuti: 1,375 in 335 Posts

    Predefinito RubaBlues

    Approdiamo al 1966 occupandoci di un disco quasi più importante per il suo valore storico che per il suo valore artistico.
    Si tratta di John Mayall, della sua Accademia, della sua Officina, della sua Università capace di laureare un’impressionante mole di musicisti di talento: i Bluesbreakers.
    Questo è il secondo album del bluesman bianco, cantante, armonicista, tastierista, chitarrista e quant’altro John Mayall, a sua volta anch’egli in precedenza discepolo di un altro ******* del blues, Alexis Corner e i suoi Blues Incorporated.
    L’album si intitola “Blues Breakers With Eric Clapton”. Perchè Eric Clapton è la star del momento, fresco fuoriuscito dagli Yardbirds ed è il periodo in cui i muri di Londra sono tappezzati di scritte che recitano “Clapton is God”.
    Dodici brani fra classici della tradizione blues di maestri come Otis Rush, Willie Dixon, Ray Charles, Robert Johnson, Freddie King ed altri, inframmezzati da una manciata di composizioni del leader che per niente sfigurano in mezzo a tanta bontà.
    Forse mai prima d’ora la definizione di rock-blues era stata così calzante ed è invitabile se si parla di rock-blues non rifarsi alla lezione di Mayall.
    Da questo momento in poi i Bluesbreakers, la formazione guidata da John Mayall, diventa un’irresistibile fucina di giovani musicisti che, con esperienze diverse, diventeranno protagonisti importantissimi per l’evolversi del rock-blues e della musica britannica in genere.
    Val la pena di fare qualche nome.
    Eric Clapton, Jack Bruce (poi nei Cream); John McVie, Mick Fleetwood e Peter Green (Fleetwood Mac); Aynsley Dunbar (Aynsley Dunbar Retaliation, Zappa, Lou Reed, Beck, Bowie e un’infinità di altri); Mick Taylor (Rolling Stones); Dick Heckstall-Smith e John Hiseman (Colosseum); Alex Dmotchowski, Don “Sugarcane” Harris e Ron Selico (Zappa) e ancora decine e decine di nomi, fino ai giorni nostri.
    Una scuola di tutto rispetto e un biglietto da visita invidiabile.



    All Your Love --- John Mayall's Bluesbreakers - YouTube

    Eric Clapton & John Mayall - Rambin' On My Mind - YouTube

    Key To Love - John Mayall with Eric Clapton - YouTube

    STEPPIN' OUT (1966) by John Mayall's Bluesbreakers - YouTube

    free your mind & your ass will follow...

  2. I seguenti User ringraziano:


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •