Lista Tag Utenti

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Battimani

  1. #1
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di A-come-A
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Una delle due grandi isole in mezzo al Tirreno.
    Messaggi
    589
    P.Vaporizer
    Tutti
    Citato in
    125 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    1,096
    Thanks ricevuti: 1,375 in 335 Posts

    Predefinito Battimani

    “Clap Hands” mi fa fare un viaggio verso lidi esotici, il sud est asiatico, Singapore o la piccola isola di Madripoor, protagonista dei primi episodi a solo di Wolverine.
    “Rain Dogs” di Tom Waits, del 1985, è il secondo atto della “trilogia del cambiamento”, “trilogia di Frank”, concepita in origine come un’unica opera teatrale.
    Ha cambiato casa discografica e il suo stile appartiene ora più alle fogne che alla superficie.
    Da songwriter e cantore romantico da jazz club notturno per tutti gli sfigati e frequentatori della “wrong side”, con annesso pianoforte, sigaretta accesa sul posacenere, bicchiere e bottiglia di bourbon, Tom Waits si trasforma, con un violento e deciso cambio di passo, a cantore delle fogne, dei rifiuti umani della città. Lui e il suo seguito di animali di strada, randagi e storpi che si portano dietro tutto il loro armamentario fatto di percussioni raccogliticce, suoni inaspettati e insospettabili, organi a pompa e pianoforti balenghi e sghimbesci.
    Lui, il cerimoniere straccione, ci mette le sue storie di lacerante poesia claustrofobica e la sua voce rantolante e sgraziata.
    “Rain Dogs” dovrebbe essere un disco da sentire tutto d’un fiato perché è difficile estrapolare un singolo episodio da un tutt’uno. Le canzoni sono tante, tutte molto brevi e irrimediabilmente legate fra loro.
    “Clap Hands”, fra queste, ha un sussurro infernale, di respiro sperimentale, con i suoi bonghi, banjos e marimbas e la chitarra elettrica agile e nevrotica di Marc Ribot (in seguito anche collaboratore del nostro Capossela). Una specie di scarno Kurt Weill nell’underground americano, notturno e stravolto, costantemente ai margini.
    Tom è un gigante della musica contemporanea e non accenna ancora oggi a voler smettere di stupirci con i suoi blues dannati e sfigati.
    "Non riesco a capire coloro che si rifugiano nella realtà perché hanno paura di affrontare la droga."



    tom waits - "clap hands" (music video) - YouTube

    free your mind & your ass will follow...

  2. I seguenti User ringraziano:


  3. #2
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Trimegisto
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,479
    P.Vaporizer
    Reo mini, Reo Grand
    Citato in
    933 Post(s)
    Taggato in
    18 Thread(s)
    Thanks
    648
    Thanks ricevuti: 3,029 in 1,139 Posts

    Predefinito

    Uno degli utenti del forum che apprezzo di più.
    @A-come-A se decidi di trasferirti su un forum di buona musica contattami che vengo con te!

  4. I seguenti User ringraziano:


  5. #3
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di maddacas
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    1,530
    Citato in
    221 Post(s)
    Taggato in
    5 Thread(s)
    Thanks
    2,068
    Thanks ricevuti: 936 in 603 Posts

    Predefinito

    Tom Waits ... uno dei miei grandi amori

  6. Il seguente User ringrazia :


Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •