Lista Tag Utenti

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Faggin colpisce ancora...

  1. #1
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Chrom
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    4,503
    P.Vaporizer
    510-C ©
    Inserzioni Blog
    106
    Citato in
    393 Post(s)
    Taggato in
    4 Thread(s)
    Thanks
    156
    Thanks ricevuti: 783 in 378 Posts

    Predefinito Faggin colpisce ancora...

    Un microchip nel cervello gira il "film" del tuo sogno

    Creati i primi tecno-neuroni: un ricercatore italiano premiato alla Casa Bianca per un’invenzione che potenzia la memoria e trasforma i pensieri in immagini

    (Il Giornale - 22/01/2012)
    «Stanotte ho fatto un sogno bellissimo...».
    «Dai, racconta...».
    «Meglio, te lo faccio vedere...».
    Un simile scambio di battute ieri sarebbe stato fantascienza. Oggi è scienza. Domani potrebbe essere realtà. Infatti al momento sono in corso solo delle - per così dire - «prove tecniche di trasmissione».

    Tutto merito di un microchip cerebrale in grado di trasformare in immagini sogni e pensieri. La qualità delle «scene», adesso, è più simile a ombre sfuocate che a una pellicola in 3D. Ma l’importante era aprire un sentiero su un territorio finora inesplorato. Un percorso lungo il quale si è avventurato (ottenendo ottimi risultati) un cervello tutto italiano: il professor Federico Faggin, fisico e ingegnere informatico già premiato dal presidente Obama all’indomani dei primi esperimenti sul microchip «proietta sogni». Faggin non è nuovo a simili imprese: basti pensare che questo signore di 70 anno nato a Vicenza ma naturalizzato statunitense «è l'inventore del primo microprocessore, l'Intel 4004, di cui ha curato la progettazione e la realizzazione, nonché il fondatore di ZiLOG, presso cui ha progettato lo Z80» (Wikipedia dixit).

    Ma capirete bene come non tutti i processori sono uguali, e che quest’ultima tecno-diavoleria legata alla possibile visualizzazione dei sogni è veramente qualcosa che fa galoppare la fantasia (metafora che, grazie allo speciale microchip del professor Faggin, potrebbe magari trasformarsi nel video di un cavallo che corre in una prateria...). Chi vuole sapere di più sull’argomento, non può perdere l’ultimo numero del mensile Focus dove Faggin spiega dettagliatamente le particolarità della sua ricerca. Uno studio che dimostrato la possibilità di leggere le immagini che pensiamo direttamente dal nostro cervello, aprendo la strada anche alla lettura dei sogni.


    Gli esperti la chiamano «ingegneria neuromorfica». Tentativo di traduzione: scienza che fonde la neurobiologia con la progettazione di circuiti elettronici. Lo so, ora ne sappiamo meno di prima. Ma l’importante è non scoraggiarsi. A noi profani basta sapere che, dopo 10 anni di esperimenti, gli scienziati assicurano si è aperta una porta su «un mondo di possibilità ancora inesplorate». Cercando di scendere sul concreto (e chiedendo scusa per le inevitabili semplificazioni) significa che «si potrà progettare neuroprotesi capaci di supplire ai deficit della demenza, dell'ictus o delle lesioni cerebrali traumatiche».

    Ma non finisce qui: «Potremo anche migliorare le funzioni cognitive, ad esempio potenziare la memoria o connettere direttamente con il nostro cervello data base di informazioni utili, o restituirle a chi le ha perse, grazie a circuiti che imitano il comportamento elettrico dei neuroni». È in questo contesto che vanno inseriti gli stupefacenti risultati nella lettura del pensiero e dei sogni. Le prime immagini sono state registrate dal professor Jack L. Gallant dell'University of California a Berkeley con l'obiettivo di ricostruire in una specie di film quello che un uomo vede o sogna.

    Per farlo Gallant (una sorta di Jean-Luc Godard specializzato in ciak onirici) ha letto con uno scanner l'attività cerebrale di vari volontari mentre vedevano scorrere immagini su uno schermo; poi ha creato una specie di dizionario: ad ogni immagine corrisponde un tipo di attività cerebrale. E ora, ogni volta che il cervello di un volontario produce un segnale cerebrale conosciuto, Gallant riesce a tradurlo in immagine. Comprese le scene elaborate di notte durante l’attività onirica.


    Non sò se vi rendete conto...

    Bene, andrò all’inferno.

  2. I seguenti User ringraziano:


  3. #2
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Raf
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    1,807
    Citato in
    84 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    220
    Thanks ricevuti: 118 in 81 Posts

    Predefinito

    grazie chrom, non l'avevo ancora letto

  4. #3
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di guido61
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Anzio, (RM) Italy - Vista, California USA
    Messaggi
    636
    P.Vaporizer
    ProVari VModXL Ego
    Citato in
    29 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    3
    Thanks ricevuti: 60 in 44 Posts

    Predefinito

    [mode bastard on]
    non oso pensare dove vogliono mettere il connettore USB
    [mode bastard off]

    --------------------
    Ma 'ndo l'ho messi 'sti soldi risparmiati?

Discussioni Simili

  1. OMG, la sfortuna colpisce quando meno te lo aspetti
    Di Venger nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 19-04-2011, 10:52
  2. Ancora 0 Hit
    Di smart181px nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 16-03-2010, 15:55
  3. Finalmenteeee! FA colpisce ancora...
    Di bitnav nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 12-02-2010, 10:44
  4. ancora sul fai da te...
    Di modizio nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-10-2009, 23:44

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •