Lista Tag Utenti

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Dopo il Vigliacco, l'eroe che non si vuol far chiamare Eroe

  1. #1
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di ilPapino
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Alle porte di Monza
    Messaggi
    944
    P.Vaporizer
    VMOD
    Inserzioni Blog
    2
    Citato in
    134 Post(s)
    Taggato in
    1 Thread(s)
    Thanks
    724
    Thanks ricevuti: 361 in 209 Posts

    Predefinito Dopo il Vigliacco, l'eroe che non si vuol far chiamare Eroe

    Ecco l'altro rovescio della medaglia nella tragedia di questi giorni... l'altra faccia della medaglia che è la faccia di Molti italiani...


    LIVORNO - Capita di essere o diventare quello che forse si è ma che non si vuole essere. Neppure per il breve spazio di un giorno. Un eroe. "Gesù, che ho fatto di straordinario? Io ho fatto solo il mio dovere. Quello che avrebbe fatto qualunque altro uomo, donna, marinaio al mio posto quella notte". Il capitano di fregata Gregorio De Falco, classe 1964, ha la cantilena dolce di chi è nato a Napoli ed è cresciuto a Ischia. "Sant'Angelo di Ischia. Ci tengo". Ed è l'unica civetteria di un uomo che non dorme da quattro giorni, con le gote traslucide della pomata che serve a mare per evitare che la pelle si spacchi per il freddo e il sole.

    "Comandante, comandante c'è un mayday" lo richiama una sorridente sottocapo della Guardia costiera. Lui si gira di scatto: "Ma che dici?". E lei ridendo: "Sono le sue figlie, vorrebbero sapere se è ancora vivo, e soprattutto dov'è". Maria Rosaria e Carla hanno 12 e 5 anni e con la madre, Raffaella sono il suo mondo. Alloggiano con lui in una delle foresterie della guardia costiera di Livorno dove lui, Gregorio, è arrivato nel 2005, come capo della sezione operativa. Arrivava da tre anni di comando della Capitaneria di porto di Santa Margherita Ligure e, prima di allora, da Genova e Mazzara Del Vallo. Le sue prime destinazioni, dopo il concorso in Guardia costiera nel 1994, l'accademia a Livorno e una laurea in giurisprudenza da fuori sede alla statale di Milano. Una prima volta per una famiglia (Gregorio, il fratello Domenico e la sorella Ines) che di marinai non ne aveva mai avuti.
    Facebook e ogni genere di social network si scambiano da ore gli audio delle sue conversazioni con il comandante Francesco Schettino come fossero la metafora epica della lotta tra eroismo e codardia. In un curioso incrocio di destini in cui l'eroe e il codardo parlano lo stesso dolce dialetto, il napoletano. Epperò come spesso accade, la furia lucida e indignata di quella notte di questo capitano di fregata - "Glielo ordino torni a bordo di quella nave, *****" - non rende ragione di un'indole. Il capitano di fregata Gregorio De Falco, da venerdì notte piange. Ha pianto all'alba di sabato 14 quando ha avuto chiaro che nel ventre della balena ferita erano rimasti donne, uomini forse bambini. Ha pianto di rabbia - come conferma uno dei suoi superiori - mordendosi il labbro inferiore pensando alla irragionevole "disumanità" di un altro comandante che dà le spalle a chi gridando viene inghiottito dall'acqua gelida. "È vero sì, piango, mi capita di piangere, non credo sia una debolezza. L'umanità non è una debolezza".

    "Vi posso chiedere un favore? Dimenticatevi di me. Smettete di parlare di me. L'eroe non sono io". Eppure, l'intuizione che sulla Concordia stava succedendo qualcosa... "L'intuizione? L'eroe è il mio sottocapo Alessandro Tosi, è lui che ha capito tutto quella notte. È lui che alle 22,07 guardando un puntino verde su un monitor senza sapere nulla che non fosse una telefonata dai carabinieri di Prato mi ha detto, "comandante, quella nave da crociera va troppo piano, 6 nodi... che ci fa a 6 nodi e a rotta invertita la Concordia? Comandante, chiamiamoli. Lì c'è un guaio". Capite chi è l'eroe?". Sì ma... "Sì ma niente. Un altro eroe? Sapete chi ha salvato quasi tutte le persone quella notte dopo che il comandante aveva abbandonato la nave? Un ragazzo meraviglioso del nostro elisoccorso. Marco Savastano. È questo il nome che dovete scrivere. E dovreste fare una pagina di soli nomi di marinai della Guardia costiera, della Marina militare, della Finanza, dei carabinieri, dei vigili del fuoco, della Protezione civile, che quella notte hanno dimenticato se stessi per gli altri. Savastano, dicevo. Lo hanno calato su quella nave al buio, con una muta invernale e un palmare, non una radio, non un filo con noi. Si è buttato a capofitto lì dentro senza pensare alla sua vita ma a quella di chi cercava di salvare. Si muoveva in un ambiente che non conosceva, tra suppellettili sfasciate, acqua, passeggeri che gridavano al buio. Chi è l'eroe? Io che strillavo con Schettino o lui, che ascoltava le urla di supplica di quelli che volevano essere salvati e non capivano perché perdeva tempo ad imbracare alle barelle spinali i feriti più gravi da tirare su con l'elisoccorso?".

    Ascoltando De Falco capisci perché, quando chiedi di lui in caserma, di come sia la vita in questo parallelepipedo color ocra, casa della Guardia costiera, che guarda il mare di Livorno ti rispondono che il comandante de Falco "è l'ufficiale più generoso, l'uomo più disponibile della nostra piccola famiglia". E capisci anche perché, in queste ore, ripeta come un mantra una sola richiesta: "Io ora ho bisogno di silenzio". Per dormire? "Per lavorare. Per capire cosa è accaduto e se c'è ancora solo una possibilità di trovare qualcuno vivo, perché il mio mestiere è questo, soccorrere. Per questo quella notte urlavo". De Falco saluta. Nella mano destra ha un sacchettino che tiene stretto. Cos'è? "Un regalo di due amici. Me l'hanno portato stamattina dicendo che mi volevano ringraziare per quello che ho fatto. È un libro, la biografia di Steve Jobs. Non so quando potrò cominciare a leggerlo. Magari comincerà mia moglie. Buon lavoro".



    Tratto da:De Falco dalle urla alle lacrime "Macch

  2. I seguenti User ringraziano:


  3. #2
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di sista
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    550
    Citato in
    102 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    167
    Thanks ricevuti: 311 in 149 Posts

    Predefinito

    Ha ragione. Esistono persone che fanno il proprio dovere e persone che non lo fanno. Gli eroi non esistono come non esistono mostri. Sono... siamo tutti esseri umani, per fortuna o purtroppo, nel bene e nel male.
    Ultima modifica di sista; 19-01-2012 alle 12:02

  4. #3
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Patalollo
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    1,551
    P.Vaporizer
    Precise 10440
    Citato in
    112 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    55
    Thanks ricevuti: 172 in 111 Posts

    Predefinito

    In effetti il titolo di eroe dovrebbe essere condiviso tra tutti quelli che hanno partecipato ai soccorsi... mentre per quelli che hanno sbagliato, cazzeggiato, minimizzato, temporeggiato per vedere se si poteva evitare l'abbandono della nave fino all'alba e ridurre così l'indennizzo ai passaggeri, abbandonato la nave, rifiutato di tornare a bordo a salvare vite... Per tutti questi vorrei almeno un anno di reclusione effettiva a testa per ogni vittima accertata presente e futura.

  5. #4
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di gqn77
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Località
    Milano e Iseo
    Messaggi
    3,449
    P.Vaporizer
    Vamo VW2, Robust L-Rider VV, DC-Tank Vivi Nova v3
    Inserzioni Blog
    13
    Citato in
    154 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    134
    Thanks ricevuti: 609 in 305 Posts

    Predefinito

    Il titolo di eroe ha connotazioni ben precise e in italia spesso è usato a sproposito. Per essere eroe una persona deve compiere un azione completamente altruistica al di la del propio dovere o obbligo.

    per esempio anni fa ci fu il ragazzo eroe che con un pugno sfondò dall'interno il vetro di un pullman in fiamme permettendo la fuga di se e dei suoi compagni. Ecco quello non è un eroe in quanto ha agito anche per salvare la propia persona.

    Un padre che si butta in un incendio per aprire una porta e far scappare 100 persone compreso il figlio intrappolato non è un eroe.

    Un poliziotto che muore camminando per strada perchè qualcuno gli spara senza motivo alla schiena non è un eroe.

    Un uomo che vede una persona che non conosce e che sta annegando in un fiume in piena si tuffa e lo salva invece è un eroe.

    Un poliziotto che invece riceve l'ordine di ritirarsi da una situazione per eccessiva pericolosità e cmq ci va è un eroe.

    Un poliziotto che interviene in una rapina e si becca un proiettile non è un eroe.

    Nel caso dei soccorritori in questione se quello che si cala col verricello sta lavorando secondo protocollo non è un eroe. Se lavora fuori protocollo è tecnicamente un eroe ma nache sanzionabile in sede disciplinare.
    http://img222.imageshack.us/img222/1195/190x128mo7.jpg

    " (parlando del figlio di un anno) Tiene sempre gli occhi aperti, sai, ci osserva sempre; qualche volta tu stai a guardarlo e ti rendi conto che sta imparando una cosa nuova... è come assistere ad un miracolo." (The Family man).

    La guida per chi inizia - I negozi testati dalla comunità - Dedicato a chi comincia- Usa il tasto cerca prima di chiedere

  6. #5
    Esperto: Barista<-rosso
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di FAX
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,920
    P.Vaporizer
    Reo Grand, Kego
    Citato in
    791 Post(s)
    Taggato in
    4 Thread(s)
    Thanks
    1,401
    Thanks ricevuti: 780 in 487 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gqn77 Visualizza Messaggio
    Il titolo di eroe ha connotazioni ben precise e in italia spesso è usato a sproposito. Per essere eroe una persona deve compiere un azione completamente altruistica al di la del propio dovere o obbligo.

    per esempio anni fa ci fu il ragazzo eroe che con un pugno sfondò dall'interno il vetro di un pullman in fiamme permettendo la fuga di se e dei suoi compagni. Ecco quello non è un eroe in quanto ha agito anche per salvare la propia persona.

    Un padre che si butta in un incendio per aprire una porta e far scappare 100 persone compreso il figlio intrappolato non è un eroe.

    Un poliziotto che muore camminando per strada perchè qualcuno gli spara senza motivo alla schiena non è un eroe.

    Un uomo che vede una persona che non conosce e che sta annegando in un fiume in piena si tuffa e lo salva invece è un eroe.

    Un poliziotto che invece riceve l'ordine di ritirarsi da una situazione per eccessiva pericolosità e cmq ci va è un eroe.

    Un poliziotto che interviene in una rapina e si becca un proiettile non è un eroe.

    Nel caso dei soccorritori in questione se quello che si cala col verricello sta lavorando secondo protocollo non è un eroe. Se lavora fuori protocollo è tecnicamente un eroe ma nache sanzionabile in sede disciplinare.
    Si! anche se vorrei che tutti fossero "non eroi" secondo le definizioni qui sopra.
    La mia opinione non cambia a riguardo anche se dovesse contare meno del patentino da Eroe e l'eventuale medaglina al valore...certo cambierebbe se un potenziale eroe si chiedesse se è il caso di "rischiare" o no di salvare qualcuno o fare il proprio lavoro
    Sent from my Mind using Neurons (<-in quantità sempre più modeste )


    Sisifo
    Il matto è colui che ripete sempre lo stesso gesto aspettandosi ogni volta un effetto diverso
    ----------------------
    -Per me l'ultrastronzio non può che depositarsi nel fondo del mare anche se all'inizio galleggia [Aut Bonzuccio]-
    -Qualcuno spieghi Chriseida cos'è l"abadgiur"- [Chriseida]


  7. #6
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Lonegunman
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    15,467
    Inserzioni Blog
    6
    Citato in
    443 Post(s)
    Taggato in
    10 Thread(s)
    Thanks
    812
    Thanks ricevuti: 1,509 in 751 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gqn77 Visualizza Messaggio
    Nel caso dei soccorritori in questione se quello che si cala col verricello sta lavorando secondo protocollo non è un eroe. Se lavora fuori protocollo è tecnicamente un eroe ma nache sanzionabile in sede disciplinare.
    Non è un eroe è un incosciente !
    E te lo dico io che con i SAR ho fatto varie esercitazioni e che è una delle specialità che sto consiferando

    inviato da un droide che tenta di usare un correttore automatico
    sarei sicuramente indisciplinato se il mio ruolo lo concedesse

  8. #7
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di sista
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    550
    Citato in
    102 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    167
    Thanks ricevuti: 311 in 149 Posts

    Predefinito

    Giglio, Domnica Cemortan: "Così salvai molte vite"-VIDEO- LASTAMPA.it
    Spero funzioni il llink
    Questa è la donna moldava che stava sulla nave con il capitano e gli ufficiali e che non risulta dagli elenchi dei passeggeri.
    Dice di aver salvato molte vite..

  9. #8
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di iosperiamochemelacavo
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,155
    Citato in
    102 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    150
    Thanks ricevuti: 250 in 163 Posts

  10. #9
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di gqn77
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Località
    Milano e Iseo
    Messaggi
    3,449
    P.Vaporizer
    Vamo VW2, Robust L-Rider VV, DC-Tank Vivi Nova v3
    Inserzioni Blog
    13
    Citato in
    154 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    134
    Thanks ricevuti: 609 in 305 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lonegunman Visualizza Messaggio
    Non è un eroe è un incosciente !
    E te lo dico io che con i SAR ho fatto varie esercitazioni e che è una delle specialità che sto consiferando

    inviato da un droide che tenta di usare un correttore automatico
    Nellqa forma concordo con te. E come capoequipaggio in ambulanza sono sempre pronto a spezzare le gambe al primo che per esempio si avvicina ad un auto in fiamme senza il consenso dei vigili del fuoco. MA allo stesso tempo se muore mentre lo fa è un eroe, se salva mentre lo fa è un eroe, se rimane ferito e deve essere soccorso mentre lo fa è un incosciente.
    http://img222.imageshack.us/img222/1195/190x128mo7.jpg

    " (parlando del figlio di un anno) Tiene sempre gli occhi aperti, sai, ci osserva sempre; qualche volta tu stai a guardarlo e ti rendi conto che sta imparando una cosa nuova... è come assistere ad un miracolo." (The Family man).

    La guida per chi inizia - I negozi testati dalla comunità - Dedicato a chi comincia- Usa il tasto cerca prima di chiedere

  11. #10
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di sista
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    550
    Citato in
    102 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    167
    Thanks ricevuti: 311 in 149 Posts

    Predefinito

    Ho sentito il giornalista.. ordini o non ordini ognuno ha un compito, un mestiere, e questo lo deve svolgere al meglio. Non si deve arrivare al punto di trovarsi in una situazione come questa per accorgersi che certe persone non dovevano stare dove'erano.. al comando di una nave da 300 mt. Come si valutano le capacità di un comandante? E di un pilota di aerei? E di un chirurgo? Cosa ci faceva uno come Schettino al comando di una nave da crociera? Come vengono addestrate le persone?
    Certi mestieri sono una vocazione, non un passaggio obbligato per cultura, tradizione o perché ereditato. Basterebbe che ognuno facesse bene il suo mestiere.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il vigliacco
    Di nicoino nel forum Costume e Società
    Risposte: 89
    Ultimo Messaggio: 01-02-2012, 11:24
  2. Dopo il caffe???
    Di Ataru07 nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 30-12-2010, 03:18
  3. 18 ore dopo...
    Di Jago nel forum Testimonianze
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 23-10-2010, 04:23
  4. Pcc che vuol dire?
    Di PICHELLO nel forum Prime Esperienze e Consigli
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 09-02-2010, 20:41

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •