Lista Tag Utenti

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17

Discussione: Europa sì... Europa no...

  1. #1
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Patalollo
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    1,551
    P.Vaporizer
    Precise 10440
    Citato in
    112 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    55
    Thanks ricevuti: 172 in 111 Posts

    Predefinito Europa sì... Europa no...

    Mi piacerebbe pensare di vivere un domani in un' Europa unita, ma l'Europa delle persone, delle idee, dell'illuminismo e dell'umanesimo, degli scambi culturali e turistici, di idee e di esperienze, magari nell'Europa della solidarietà e della giustizia sociale...

    Non vorrei invece vivere nell'Europa dei potentati economici, delle lobby, delle multinazionali, della moneta unica n mano ai privati, dei produttori e dei consumatori... Nell'Europa che allontana di un gradino verso l'alto le decisioni che riguardano i cittadini, che impone di considerare cioccolato ciò che fino al 20% è altro e che poi ci viene a dire come fare la pizza, il lardo e il formaggio di fossa... che ci toglie il Tocai e non ci tutela la pasta, che ci limita il latte e gli incentivi per le olive li dà alle "industrie agricole" invece che a quella miriade di imprese agricole familiari che costellano il nostro territorio...
    ...che ci viene a dire che i clandestini possono essere espulsi solo in forza di sentenza anzichè per via "amministrativa" e poi chiude le frontiere ai profughi...

    Voi che ne pensate? In che Europa vorreste vivere? Vale la pena rimanere anche come fanalino di coda o magari sarebbe giusto alzare un po' la voce e farsi sentire ogni tanto?

    E magari, chi mi insegna come postare i sondaggi così ne faccio uno sulla vostra soddisfazione di essere Eurocittadini?

  2. #2
    Member
    ESP User
    L'avatar di luca197519
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sassuolo (MO) - Tumiéc (UD)
    Messaggi
    70
    P.Vaporizer
    Provari / A2T
    Citato in
    0 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    2
    Thanks ricevuti: 0 in 0 Posts

    Predefinito

    Ho sempre pensato che l'Europa unita come la stiamo vivendo ad oggi è semplicemente un enorme scatolone polveroso per noi comuni mortali: è semplicemente un pretesto utile a chi "tira le fila" per rubare la sovranità monetaria ed economica (il resto è semplicemente a margine) agli stati membri. E' una decisione che ci è piombata dall'alto e che abbiamo accettato senza sapere effettivamente cosa comportasse. Abbiamo accettato come se fosse "figo" entrare in Europa, ma le conseguenza le stiamo vivendo e continueremo a viverle sempre peggio! Una situazione del genere non avvicina i popoli... chiedetelo agli abitanti delle nazioni che si sono ulteriormente esposte per salvare Grecia, Irlanda (e chissà chi altri) dal default finanziario!!
    Non eravamo e non siamo pronti all'unione tra i popoli: a parte le evidenti differenze culturali, economiche ecc. ben pochi hanno cercato di comprendere realtà differenti dalla propria (spesso non si conosce neanche la propria). E non si tratta di essere "seguaci" di un partito piuttosto che di un altro né essere nazionastisti o meno: abbiamo accettato un matrimonio combinato senza conoscere neanche la sposa/o!
    E' sempre mancata la vera informazione verso i cittadini e da qui che bisogna ripartire: cospargiamoci il capo di cenere, ricerchiamo da noi le informazioni e ripartiamo daccapo con una testa diversa: La Nostra! E se son rose fioriranno.
    "Solo quelli che sono così folli da pensare di cambiare il mondo, lo cambiano davvero" - (A. Einstein)


  3. #3
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Patalollo
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    1,551
    P.Vaporizer
    Precise 10440
    Citato in
    112 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    55
    Thanks ricevuti: 172 in 111 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da luca197519 Visualizza Messaggio
    ...è semplicemente un pretesto utile a chi "tira le fila" per rubare la sovranità monetaria ed economica (il resto è semplicemente a margine) agli stati membri.
    Chissà perchè non trovo argomenti per controbattere

  4. #4
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Lonegunman
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    15,467
    Inserzioni Blog
    6
    Citato in
    443 Post(s)
    Taggato in
    10 Thread(s)
    Thanks
    812
    Thanks ricevuti: 1,509 in 751 Posts

    Predefinito

    io sono cittadino europeo, lavoro in uno stato UE che non è il mio di cittadinanza con altre persone che vengono da altri stati europei e personalmente la UE la vedo unita nelle diversità
    riguardo alle direttive, alcune possono sembrare insensate e altre meno, ma come in tutti gli ambiti legislativi la norma è frutto di mediazione delle esigenze, lo stesso si può vedere in italia con le norme nazionali che hanno impatti diversi nelle varie regioni
    chiaro è che meno peso ed importanza politica ha uno stato e meno riuscirà ad avere norme a suo vantaggio ed è innegabile che dalla metà degli anni 90 l'italia perde di credibilità in maniera esponenziale ogni giorno

    riguardo al problema attuale, quello degli immigrati extra UE con visto temporaneo di soggiorno, la UE non fa niente altro che attuare il punto c) dell'art.5 della convenzione di Schengen il libero transito è ammesso a patto che

    c) disponga di documenti che giustificano lo scopo e le condizioni del soggiorno previsto e dimostri di disporre di mezzi finanziari sufficienti in relazione alla natura e alla durata del soggiorno previsto e alle spese di ritorno nel Paese di provenienza o di transito verso uno Stato terzo (è esentato da tale dimostrazione lo straniero già residente nel territorio di una delle Parti contraenti e munito di regolare autorizzazione di soggiorno);

    a cui i leghisti si erano appellati a suo tempo anche riguardo ai cittadini UE
    sarei sicuramente indisciplinato se il mio ruolo lo concedesse

  5. #5
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Patalollo
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    1,551
    P.Vaporizer
    Precise 10440
    Citato in
    112 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    55
    Thanks ricevuti: 172 in 111 Posts

    Predefinito

    Ma allora la soluzione è semplice: oltre al visto gli diamo anche il permesso di soggiorno e un bell'assegno a testa così poi possono circolare liberamente nella UE.

    Scherzi a parte: ritengo la UE in linea di massima una gran bella cosa, però chi ha più probabilità di farsi sentire nei corridoi che contano: l'imprenditore che si sposta col suo jet privato o il corteo dei cassintegrati o degli allevatori sardi? La verità è che la UE, piaccia o meno, è soprattutto una unione economico-capitalistica piuttosto che una unione di cittadini, un mercato allargato piuttosto che un'entità politica.
    Quand'è che si comincerà a parlare di contratti collettivi europei e di tassazione uniforme delle imprese UE? Già abbiamo la concorrenza di Cinesi, Indiani ecc., sarebbe forse meglio evitare quella di Polacchi, Rumeni e altri paesi sottosindacalizzati dove la forza lavoro costa un quarto che qui da noi.

  6. #6
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Lonegunman
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    15,467
    Inserzioni Blog
    6
    Citato in
    443 Post(s)
    Taggato in
    10 Thread(s)
    Thanks
    812
    Thanks ricevuti: 1,509 in 751 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Patalollo Visualizza Messaggio
    Ma allora la soluzione è semplice: oltre al visto gli diamo anche il permesso di soggiorno e un bell'assegno a testa così poi possono circolare liberamente nella UE.
    chiaro ! a dire la verità basterebbe la copertura sanitaria fuori dallo stato italiano

    di norma è sufficiente questo, che anche il comunitario non gravi sul bilancio sanitario della nazione ospite e quindi o abbia una copertura sanitaria propria o dello stato di cui è cittadino (per l'italia vale 3 mesi dall'uscita dal confine) o svolga una attività nello stato ospite che dia una contribuzione sanitaria nello stato ospite oppure abbia una fideiussione/polizza sanitaria che lo copra per il periodo di permanenza

    quello che mi fa specie è che il Ministero dell'Interno che ha spacciato al pubblico il permesso di lavoro temporaneo come un visto valido per tutta Schengen (anche la Svizzera rientra nello spazio Schengen) e non può dire che non conosceva questa norma visto che è stato il primo ad minacciare di applicarla verso i rumeni

    riguardo al contratto collettivo europeo, ti ricordo che al governo c'è un partito che è sempre stato contrario al contratto collettivo nazionale e che ha sempre portato avanti le "gabbie salariali" dove un lavoratore del sud DEVE guadagnare meno di un lavoratore del nord ... e pretendi che prenda la strada del contratto collettivo europeo o del minimo salariale europeo ?

    io sono il primo a favore del minimo salariale europeo ... ma sono anche l'unico mi sa
    Ultima modifica di Lonegunman; 12-04-2011 alle 17:36
    sarei sicuramente indisciplinato se il mio ruolo lo concedesse

  7. #7
    Administrator
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di pat71
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Locarno
    Messaggi
    12,423
    P.Vaporizer
    GP Paps - Provari Mini - Vinci - REO - Betti III - Galileo - GGTS
    Inserzioni Blog
    7
    Citato in
    1472 Post(s)
    Taggato in
    16 Thread(s)
    Thanks
    2,576
    Thanks ricevuti: 8,465 in 2,625 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lonegunman Visualizza Messaggio
    (anche la Svizzera rientra nello spazio Schengen)
    mi sa che il Ticino presto se ne tirerà fuori

    Scherzi a parte, sarebbe davvero necessario trovare degli accordi per riuscire ad allineare pian pianino anche le tassazioni, le pensioni, il costo dello stato, il mercato del lavoro, ecc. anche perché i diversi "disastri" che hanno causato l'indebolimento dell'euro sono nati dalla difficoltà di avere un’unica politica monetaria per stati con esigenze assai diverse fra loro, proprio perché i parametri di base sono differenti.

  8. #8
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Lonegunman
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    15,467
    Inserzioni Blog
    6
    Citato in
    443 Post(s)
    Taggato in
    10 Thread(s)
    Thanks
    812
    Thanks ricevuti: 1,509 in 751 Posts

    Predefinito

    vedi pat la questione è che non puoi pragonare il costo della vita e gli stipendi in svezia con quelli di cipro e quindi anche il mercato del lavoro è condizionato da queste cose oltre che alla classica domanda e offerta

    tempo fa mi raccontava un dirigente di bank of austria (unicredit) che hanno avuto un grosso problema con i paesi balcanici della UE dove sono presenti per le diarie di trasferta, mentre gli stipendi sono su base nazionale le diarie per le trasferte fuori dalla nazione erano uguali per tutti i dirigenti e questo faceva si che con pochi giorni di trasferta un dirigente bulgaro guadagnasse molto di più di diaria rispetto al mensile

    d'altra parte queste persone erano pari livello e quando si trovavano in ambiente internazionale non era corretto discriminarle
    non so come lo abbiano risolto, ma la situazione è questa

    io vengo da una zona di altissima emigrazione, dove la curva di emigrazione si è invertita dopo il '75 e conosco il fenomeno in quanto l'ho vissuto nella mia giovinezza

    quando non c'erano possibilità e lo spread tra le possibilità di guadagno in loco rispetto al resto dell'italia o l'estero era molto alto la gente se ne andava ma quando le possibilità sono aumentate e comunque la differenza non era così marcata i lavoratori preferivano guadagnare meno, anche parecchio meno, ma rimanere nella loro terra con la loro famiglia invece di andare a cercar fortuna in svizzera o in belgio o banalmente a milano o torino

    questo è fisiologico, con il tempo le differenze saranno sempre meno marcate e la differenza salariale assieme al diverso costo della vita di un paese "di classe A" non compenserà più il disagio di essere un emigrante la migrazione delle persone si stabilizzerà a livello fisiologico
    sarei sicuramente indisciplinato se il mio ruolo lo concedesse

  9. #9
    Member
    ESP User
    L'avatar di luca197519
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sassuolo (MO) - Tumiéc (UD)
    Messaggi
    70
    P.Vaporizer
    Provari / A2T
    Citato in
    0 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    2
    Thanks ricevuti: 0 in 0 Posts

    Predefinito

    Per quanto riguarda l'Italia personalmente credo che la via migliore sia quella di staccarsi dal carrozzone. L'Italia è sempre stata ben al di là dei parametri economici europei e che non mi vengano a dire dell'inflazione all'1,5!! Paghiamo 85 miliardi di Euro all'anno SOLO per pagare gli interessi sul debito e siamo già giunti nella fase che non riusciremmo nenache più a coprire gli interessi. Facciamo un passo indietro, sistemiamo le strutture economiche e monetarie, lasciamo che gli interessi economici non vengano indirizzati da presidenti di Banche Centrali private che hanno come unico scopo (o almeno il principale) di fare i propri di interessi.
    Le soluzioni ci sono, ma evidentemente non sono molto convenienti...
    "Solo quelli che sono così folli da pensare di cambiare il mondo, lo cambiano davvero" - (A. Einstein)


  10. #10
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Lonegunman
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    15,467
    Inserzioni Blog
    6
    Citato in
    443 Post(s)
    Taggato in
    10 Thread(s)
    Thanks
    812
    Thanks ricevuti: 1,509 in 751 Posts

    Predefinito

    il debito pubblico italiano era in fase di ristrutturazione fino al 2007 quando poi si è per vari motivi impennato arrivando oggi ai massimi storici

    Government Debt in European countries - Google public data

    I numeri sono piuttosto eloquenti:
    Debito pubblico a fine 2005 1.512,8 Miliardi di euro
    Debito Pubblico a Marzo 2010: 1.797,7 Miliardi di euro
    Debito Pubblico a Luglio 2010: 1.838,2 Miliardi di euro
    Si tratta di una crescita del debito pubblico del 2,3% nel giro di 4 mesi!
    Se poi guardiamo agli ultimi 5 anni la situazione diventa tragica:
    Da fine 2005 ad oggi il debito pubblico è cresciuto del 21,5%.
    Se poi andiamo a fare il confronto su un altro parametro fondamentale come il rapporto Debito/PIL , la situazione peggiora ulteriormente.
    A fine 2007 il Rapporto Debito/ Pil italiano era attorno al 103,4%
    A fine 2008 il Rapporto Debito/ Pil italiano saliva al 106,1%
    A fine 2009 il Rapporto Debito/ Pil italiano saliva ulteriormente a quota 115,8%.
    Secondo i miei calcoli, ipotizzando per il 2010 una crescita del Pil dell'1%, e utilizzando il valore odierno come Debito pubblico a fine del 2010, si arriva a un clamoroso 119,8% di rapporto Debito/Pil.
    Ultima modifica di Lonegunman; 12-04-2011 alle 19:22
    sarei sicuramente indisciplinato se il mio ruolo lo concedesse

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cisco 510 1,5 in Europa?
    Di Onichan nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-04-2011, 19:54
  2. drip tip delrin 510 in europa
    Di mest nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-07-2010, 01:31
  3. Europa League
    Di Cerberum nel forum Il Baretto
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-10-2009, 00:31

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •