Ciao a tutti. Sono nuovo di questo forum.
Frequento da tempo il forum americano sulla sigaretta elettronica.

Sono uno studente di Medicina e Chirurgia di Bologna prossimo alla laurea.

Ho avuto entrambi i genitori fumatori e anche io fumavo.Siamo riusciti (non del tutto nel mio caso)a smettere a seguito di gravi problemi di salute di mio padre.

Ho scoperto la sigaretta elettronica da meno di un anno e da allora quando sento il bisogno di fumare (non ancora del tutto sopito) la utilizzo.

Ho notato che in Italia si fa poca pubblicita a questo prodotto e sono pochi i rivenditori affidabili di sigarette elettroniche (se si esclude una nota marca che fa un pessimo marketing e alcune farmacie).

Da un po' di tempo a questa parte ho deciso di acquistare e rivendere da grossi fornitori americani e asiatici i migliori modelli di sigaretta elettronica.
Mi riferisco al modello dse084 (supermini da 84mm) e 510 (molto in voga in Usa)... Ho iniziato perche non riuscivo a reperire in Italia un modello di ecig valido e allora ho pensato di contattare direttamente i produttori.

Da allora ho aperto un sito www.sigarettanuvola.it e ho contribuito a scrivere
informazioni su wikipedia in merito alla sigaretta elettronica.
Ho tradotto e scritto (migliorato poi da altri) la voce "sigaretta elettronica" su wikipedia italia.

Ho dei contatti con l'associazione che tutela i produttori,i venditori e i consumatori di sigarette elettroniche in Usa che ha come presidente un membro repubblicano del Congresso (il senato) americano.

Credo di avere buone conoscenze in ambito chimico-biologico-tossicologico (come detto sopra sono uno studente prossimo alla laura in Medicina) e ho chiesto informazioni a tossicologi e pneumologi dell'Universita di Bologna. Ho ricevuto informazioni soltanto in via informale perche bisogna costituire una massa sufficiente di utilizzatori e venditori per poter bussare alle porte di persone competenti all'interno delle istituzioni.

La legislazione in Italia in merito a questo prodotto non risulta del tutto chiara.E come da buona tradizione italiana come risulta da un video reperibile su youtube,le istituzioni (agenzia del farmaco,ministeri vari) si rimpallano fra loro la questione e fanno scaricabarile lasciando gli utenti di questo prodotto e i venditori in un "limbo" poco chiaro.