Lista Tag Utenti

Pagina 1 di 8 12345678 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 72

Discussione: La magia del TC (come funziona)

  1. #1
    Super Moderator
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Yerakon
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Cremona/Milano
    Messaggi
    5,423
    P.Vaporizer
    Reo mini 2.1 + Origen 16mm
    Citato in
    1901 Post(s)
    Taggato in
    35 Thread(s)
    Thanks
    7,687
    Thanks ricevuti: 6,830 in 2,765 Posts

    Predefinito La magia del TC (come funziona)

    In molti si chiedono spesso come funziona il controllo di temperatura dei recenti PV e quale sia la magia svolta dal circuito.
    In giro non c’è tanta letteratura in merito e sopratutto qualcosa di semplice… e per me ci vogliono cose semplici, della serie parla come mangi

    Bene, vediamo se riesco in poche righe a raggruppare qualche informazione che sia utile a chi si avvicina solo ora a questo mondo e vuole approfondire l'argomento magari anche con qualche numero che sia facilmente digeribile.

    Senza entrare nel merito dell’utilità di questa funzione (come il non superamento di temperature critiche per i liquidi, la linearità di evaporazione su dispositivi con alimentazione incostante, le gestione delle temperature in funzione degli aromi ecc… troppe cose da discutere, ne parleremo in altri 3D ) cominciamo con alcune premesse da un punto di vista strettamente tecnico, fondamentali per chi non conosce l’argomento.

    • Alcuni materiali hanno la caratteristica di variare la propria resistenza elettrica in base alla temperatura in modo (pressapoco) lineare. In altre parole: alcuni metalli (e leghe) se a 20 °C hanno una certa resistenza, quando scaldati aumentano la propria resistenza elettrica.
    • Il controllo di temperatura è un meccanismo per cui il circuito interviene dosando l’energia erogata dalla batteria in modo da non superare una soglia di temperatura desiderata. In altre parole: se si impostano al circuito 230 °C come valore limite, il circuito evita che questa temperatura venga superata durante l’attivazione.
    • Per rispettare il valore di temperatura limite impostata, il circuito legge le variazioni di resistenza del metallo utilizzato nella coil.


    Va da se che per poter operare correttamente il circuito ha bisogno che come coil sia impiegato un metallo che abbia le caratteristiche citate al punto 1 della premessa (quindi si escludono i classici Kanthal e NiCr perché praticamente non variano resistenza al variare della temperatura).

    I metalli ad oggi più comunemente utilizzati sono il Ni200, il Titanio ed il Nife30 (se ne stanno aggiungendo e se ne aggiungeranno anche altri).
    Ciascuno di questi metalli ha delle proprie caratteristiche fisiche; nello specifico: variano resistenza al variare della temperatura, ma ognuno lo fa a modo suo, con valori differenti ma noti e calcolabili.

    Occorre quindi che il circuito nasca “programmato” per funzionare con lo specifico metallo utilizzato; ad esempio: se un circuito è “programmato” solo per il Ni200 non sarà in grado di operare correttamente con il Titanio. I primi circuiti con controllo di temperatura operavano solo con il Ni200; circuiti più nuovi invece permettono di selezionare il tipo metallo utilizzato adattando di conseguenza la loro lettura, i più moderni possono essere programmati per l'utilizzo di ulteriori metalli/leghe.



    Ma come fa il circuito a calcolare la temperatura partendo dal valore di resistenza della coil?
    Lo fa con un calcolo abbastanza semplice e facilmente ripetibile anche da noi con una calcolatrice

    Osservando questo calcolo sarà anche facile osservare quanto sia importante far leggere correttamente al circuito la temperatura "iniziale" a freddo della coil e quale possa essere il margine di errore dovuto all’assunzione dei 20° come temperatura ambiente "iniziale".

    Prima del calcolo, occorre conoscere il coefficiente di temperatura tipico del metallo che si sta utilizzando.
    Il coefficiente è quel numero caratteristico di ciascun metallo che lega l’incremento di resistività all’incremento di temperatura; è il TCR che si può trovare su Steam Engine.
    Il coefficiente del Ni200 usato nei range di temperatura dei nostri PV è circa 0,006 e lo chiameremo K; avremo anche: Ω=ohm , T=temperatura a caldo, t=temperatura ambiente "iniziale" (un valore standard di temperatura ambiente fissato a 20°C). .

    Ma passiamo al sodo! Quando attiviamo il circuito, questo effettua una serie rapidissima di letture della resistenza in aumento rispetto al valore della resistenza iniziale e calcola continuamente:

    T - Ωt) / (K * Ωt) + t

    ovvero (resistenza a caldo - resistenza iniziale) / (coefficiente * resistenza iniziale) + temperatura iniziale (20 °C);

    Traducendo il tutto con un esempio pratico:
    Ipotizziamo la nostra coil in Ni200 (K=0,006) da 0,14 ohm misurata a temperatura ambiente; ad un certo punto durante l’attivazione arriva a 0,35 ohm:

    (0,35 - 0,14) / (0,006 * 0,14) = 250 °C che sommati ai 20° della temperatura iniziale, ecco che il circuito rileva 270 °C

    Lo stesso calcolo può essere ovviamente effettuato utilizzando i coefficienti K di altri materiali, ne riporto alcuni tra i più utilizzati:

    0,0060 - Ni200
    0,0036 - Ti (Titanio)
    0,0032 - NiFe30 (lega Nichel Ferro)
    0,000879 - SS 316L (acciaio Inox)
    0,00094 - SS 317L (acciaio Inox)



    Cosa succede se inizializziamo il circuito facendogli leggere un atom “caldo” spacciandolo al circuito per freddo?
    Ad esempio: se gli facciamo leggere 0,16 ohm anziché 0,14 ohm succede che:

    (0,35 - 0,16) / (0,006 * 0,16) = 198 °C che sommati ai 20° della temperatura iniziale, il circuito rileva 218 °C ovvero legge 52 °C in meno; in termini pratici significa che il circuito interviene nel limitare la temperatura ben 52°C oltre la temperatura che ci siamo prefissati; quindi occhio!



    Cosa succede se siamo in piena estate senza condizionatore ed anziché i freschi 20 °C abbiamo 30 °C quando facciamo leggere al circuito il nostro atom freddo?
    Succede che il filo che a 20° verrebbe letto come 0,14 ohm viene invece letto a 30 °C come 0,148 ohm

    (0,35 - 0,148) / (0,006 * 0,148) = 227 °C che sommati ai 20° della temperatura iniziale, il circuito rileva 247 °C ovvero legge 23 °C in meno; in termini pratici significa che il circuito interviene nel limitare la temperatura una ventina di gradi oltre la temperatura che ci siamo prefissati.

    Da questi due esempi si evince l’importanza di una lettura iniziale della resistenza a freddo da parte del circuito il più vicino possibile ai fatidici 20°.
    (questo fino a quando non sarà possibile impostare anche la temperatura ambiente reale al momento della lettura iniziale).

    (Edit: alcuni circuiti dispongono di un sensore interno per la lettura della temperatura ambiente, efficace ovviamente col circuito a riposo e se non è inficiata da altri fattori esterni).



    Per chi invece volesse prevedere il futuro ovvero partendo da una certa resistenza e sapere a quanti ohm si arriva ad una certa temperatura, c’è un altro calcolo basato ovviamente sempre sullo stesso coefficiente relativo al metallo utilizzato:

    ΩT = Ωt * (1+(K * (T - t]).

    Ovvero:
    Resistenza ad una certa Temperatura = Ohm alla temperatura iniziale * (1 + (coefficiente * (Temperatura a caldo - temperatura iniziale))

    Esempio:
    Con una resistenza iniziale Ni200 (k=0,006) di 0,14 Ohm a 20°, quanti ohm otteniamo se la portiamo a 270 °C?

    ΩT = 0,14 * (1+(0,006 * (270 - 20)) = 0,35 ohm. Voilà! Ora siamo anche in grado di sapere come si comporta il nostro filo sottoposto al calore.

    ...

    Per oggi basta così, ora non ci resta che avvolgere un po' di filo e farci le nostre sane svapate; buono svapo a tutti

    (integrazioni, correzioni a possibili strafalcioni e commenti sono ovviamente graditi)
    Ultima modifica di Yerakon; 11-07-2016 alle 15:57


  2. #2
    Super Moderator
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Yerakon
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Cremona/Milano
    Messaggi
    5,423
    P.Vaporizer
    Reo mini 2.1 + Origen 16mm
    Citato in
    1901 Post(s)
    Taggato in
    35 Thread(s)
    Thanks
    7,687
    Thanks ricevuti: 6,830 in 2,765 Posts

    Predefinito La magia del TC (come funziona)

    Gli altri capitoli:

    Seconda parte -> Dal TCR al TFR

    Terza Parte -> Cos'è la TC Precision

    Quarta Parte (Thanks to Igiit) -> L'Impatto della Resistenza Statica
    Ultima modifica di Yerakon; 30-06-2016 alle 21:40

  3. Il seguente User ringrazia :


  4. #3
    New Member
    ESP User

    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    2
    P.Vaporizer
    Aspire Triton
    Citato in
    3 Post(s)
    Taggato in
    1 Thread(s)
    Thanks
    0
    Thanks ricevuti: 4 in 3 Posts

    Thumbs up

    Che dire.
    Spiegazione strepitosa, semplice e scientifica.

    Mi permetto di pubblicizzarla, linkandola > onore e ringraziamenti a chi ha fatto (benissimo) il lavoro.

  5. Il seguente User ringrazia :


  6. #4
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di art1964
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    4,865
    P.Vaporizer
    Evic vtc, istick 40, Russian 91%, Calix, Ubertoot v2, Tilemahos, Origen Dripper , ecc.
    Citato in
    1155 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    2,198
    Thanks ricevuti: 2,740 in 1,694 Posts

    Predefinito

    @Yerakon ho cercato queste info.....dappertutto😈 non potevi scriverle prima?
    Grazie davvero.

    Inviato dal mio GT-I9301I utilizzando Tapatalk

  7. Il seguente User ringrazia :


  8. #5
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di ErVikingo
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,642
    P.Vaporizer
    Poca roba ma buona
    Citato in
    948 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    1,048
    Thanks ricevuti: 1,569 in 941 Posts

    Predefinito

    @Yerakon se vai a leggere il topik le nostre res. con ct, mi dai una mano, perché non so proprio spiegarmelo.
    Inutile dirti bravo, non ho parole per questa tua rece.

  9. Il seguente User ringrazia :


  10. #6
    Administrator
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di lordbyron77
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    34,392
    P.Vaporizer
    Betti III
    Citato in
    3222 Post(s)
    Taggato in
    20 Thread(s)
    Thanks
    8,827
    Thanks ricevuti: 16,853 in 6,528 Posts

    Predefinito

    Ovviamente il post va in evidenza

  11. Il seguente User ringrazia :


  12. #7
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di ErVikingo
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,642
    P.Vaporizer
    Poca roba ma buona
    Citato in
    948 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    1,048
    Thanks ricevuti: 1,569 in 941 Posts

    Predefinito

    E si Byron se lo merita proprio.

  13. #8
    Very Old Poster
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di iddiek
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Località
    F205
    Messaggi
    1,170
    P.Vaporizer
    Le zephyr su DNA75
    Citato in
    285 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    661
    Thanks ricevuti: 614 in 363 Posts

    Predefinito

    Che classe ragazzi, che classe. Ce ne fossero di insegnanti così nelle scuole!! Parole semplici e dritte al sodo, rendere di semplice comprensione un argomento cosi tecnico è veramente lodevole, complimenti!

    Inviato dal mio MI 3W utilizzando Tapatalk

  14. Il seguente User ringrazia :


  15. #9
    Junior Member
    ESP User

    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    33
    Citato in
    31 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    65
    Thanks ricevuti: 73 in 21 Posts

    Predefinito

    Complimenti..!

  16. Il seguente User ringrazia :


  17. #10
    Super Moderator
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di Zio
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,975
    P.Vaporizer
    troppa roba
    Citato in
    1088 Post(s)
    Taggato in
    8 Thread(s)
    Thanks
    1,837
    Thanks ricevuti: 2,638 in 1,343 Posts

    Predefinito

    Molto chiaro, approvo anche che venga stickato il topic.

    Come introduzione all'argomento segnalo e caldamente raccomando un piccolo paper di dicodes, caso mai non l'aveste ancora letto:

    Application Note for temperature controlled vaping


    Davvero molto bellino.

  18. Il seguente User ringrazia :


Pagina 1 di 8 12345678 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. ego-t.. Si ma come funziona? :/
    Di Benny30594 nel forum Prime Esperienze e Consigli
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 19-03-2013, 22:08
  2. PCC: cos'è e come funziona?
    Di JuPe nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 05-01-2013, 13:08
  3. Ego-W come funziona?
    Di pea88nut nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 18-02-2012, 23:08
  4. Ma funziona o no?
    Di Rusty nel forum Prime Esperienze e Consigli
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-08-2011, 19:02
  5. AFS come funziona?
    Di pico81 nel forum Fai da te
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-02-2010, 20:22

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •