Lista Tag Utenti

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: La dura legge del Calibre

  1. #1
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di zero964
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    Southern Italy
    Messaggi
    896
    P.Vaporizer
    GG, Stingray, Orochi, Vaponaute, Panzer, Private V2, Svabox, eGrip
    Citato in
    478 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    684
    Thanks ricevuti: 685 in 328 Posts

    Predefinito La dura legge del Calibre

    Quella che segue non è una recensione: il Calibre è uscito sul mercato già da un pò di tempo ed in rete vi sono svariati contributi di vapers ben più capaci di me che potrete agevolmente reperire se siete alla ricerca di video esplicativi o delle caratteristiche di questo genesis.

    Però, dopo qualche mese di utilizzo durante i quali ho provato infinite soluzioni di rigenerazione, devo ammettere che il Calibre mi ha bastonato spesso e, per forza di cose, insegnato molto e voglio provare a condividere le conclusioni cui sono giunto.

    Diciamo subito che si tratta di un atom spettacolare per aroma e resa quando si azzecca la corretta rigenerazione e oltremodo frustrante e deludente negli altri casi. Nei primi tempi sono andato a caso, provando alla rinfusa ogni tipo di rigenerazione ed ottenendo risultati che oscillavano tra l'eccellente ed il mediocre, senza apparente spiegazione. Poi, progressivamente, ho individuato alcune soluzioni che hanno garantito uniformità di risultato.


    1. Torretta del positivo ed hot-spots.
    Uno dei principali problemi del Calibre, non avvertito solo da me ma anche da tanti altri, come è facile riscontrare in rete, deriva dalla peculiare conformazione della torretta del center post che, oltre a non consentire la corretta realizzazione di microcoils, è anche in grado di provocare hot-spots irresolubili, probabilmente per il diverso modo di chiudere in alto le spire. Personalmente ci sono ammattito per ore.

    Questa è la configurazione con coil tradizionale:




    E questo è il mio tentativo di realizzare una microcoil:



    Come è agevole evincersi dalle immagini, la distanza tra deck e chiusura del positivo è tale da non consentire la realizzazione di microcoils senza lunghi filamenti non spiralizzati ma, per converso, realizzando una coil tradizionale, la comparsa di hot-spots nel tratto che collega la coil al positivo è frequentissima e frustrante. Inoltre, con una coil tradizionale, il foro dell'aria si viene a trovare tra la prima spira in basso e la seconda e non riesce, pertanto, ad investire l'intera resistenza, con risultati aromatici assai scarsi ed immediatamente avvertibili.

    Alla fine ho sostituito la torretta con una coppia di dadi in ottone ed ho risolto ogni problema:



    Abbassando di diversi millimetri la chiusura del positivo ho finalmente potuto realizzare correttamente una microcoil, posizionandola esattamente al centro del foro dell'aria e da quel momento in poi il Calibre ha sprigionato sempre e costantemente tutto il suo notevole potenziale in termini di aromaticità e di fumosità, garantendo in entrambi i comparti risultati ben al di sopra di tutti gli altri genesis in mio possesso, con l'unica eccezione, forse, dell'Inax ... ma non ne sono del tutto sicuro ...

    Tra l'altro, i vantaggi in termini di aroma e fumosità derivanti dal fatto di realizzare la coil alla giusta altezza per essere il più possibile investita dal flusso d'aria proveniente dal foro del Calibre, li ho poi ricercati utilizzando il medesimo accorgimento con tutti gli altri genesis in mio possesso ed ho ottenuto sempre un netto miglioramento delle prestazioni. Sarà banale e molti di voi lo avevano già capito, ma l'importanza dell'altezza della coil in relazione al foro dell'aria a me l'ha insegnato proprio il Calibre ...


    2. Alimentazione e diametro della mesh.
    Anche qui, in rete, si sprecano decine e decine di rimedi per consentire al Calibre una corretta e costante alimentazione, anche in caso di doppiette, triplette e tiri filippini. Le ragioni per le quali il Calibre non si alimenta bene a me sfuggono ma questo è un dato di fatto.
    Dopo aver provato rotolino solido, cavetto da 2,5 mm, cavetto da 2 mm, mesh in mesh e chissà quante altre varianti sono giunto alla conclusione che, in realtà, può andar bene tutto, purchè il diametro della mesh non superi i 2 mm, anche se il foro è da 2,7 mm.
    In questa maniera, il Calibre si alimenta benissimo anche in verticale ed anche con tutti gli altri fori sul deck chiusi dagli appositi grani.

    3. Setup.
    Per il setup ciascuno avrà le proprie idee. Giusto per dire la mia, dopo innumerevoli varianti, posso dire di essere soddisfatto con una microcoil realizzata con 6 spite di K A1 da 0,25 mm su punta da 2 mm, per una resistenza di circa 1,3 ohm. Per il rotolino ho optato per la mesh in mesh: primo rotolino (quello esterno) realizzato con un foglietto da 2,5 cm (H) x 1,5 cm (L) di #200 superfine; secondo rotolino (quello interno) realizzato su uno spillo da 1 mm con un foglietto da 2,5 cm (H) x 1 cm (L) di #270. Questo setup è perfetto per creme e fruttati di scuola californiana (Suicide Bunny, MacSauce e Shoreline Vapes) ma anche per i liquidi homemade con base 40/60. Probabilmente, con liquidi a maggiore percentuale di PG, il sistema si sovralimenta.
    Non ho ancora provato un setup in dual coil: prima o poi mi ci metto e vi terrò al corrente ...

    In conclusione, ora che nei mercatini è assai facile reperire il Calibre ad un prezzo molto inferiore alla metà di quanto pagato qualche mese fa negli shop, mi sento di consigliarne caldamente l'acquisto a tutti coloro che hanno voglia di provare un genesis eccezionale e diverso dal solito, soprattutto se usato con fruttati e creme a basso contenuto di nicotina. Letteralmente irragiungibile con il Sucker Punch o con il Peach & Cream, lo dico sul serio ...

    Bene, spero di essere stato utile a qualcuno e rimango disponibile per ogni eventuale suggerimento, precisazione o chiarimento ...
    A presto ...
    Ultima modifica di zero964; 22-08-2014 alle 01:15

  2. I seguenti User ringraziano:


  3. #2
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di Darioz
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    471
    Citato in
    101 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    319
    Thanks ricevuti: 100 in 70 Posts

    Predefinito

    Grazie per il tuo post! Anch'io sono un amante del Calibre 22.4, una domanda: usi l'anello più alto? Cioè quello che ci fa trovare il foro del cap più in alto?
    Io invece mi ci trovo benissimo con l'attacco in ottone del positivo, ma a differenza di te i tagli per inserire il filo non sono in asse col foro per la mesh, ma ruotati due mm dopo, quindi leggermente scontrati in senso orario..in questo modo l'ultima spira si troverà il più possibile aderente alla mesh e appena stacca trova subito l'intaglio del positivo!

  4. Il seguente User ringrazia :


  5. #3
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di zero964
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    Southern Italy
    Messaggi
    896
    P.Vaporizer
    GG, Stingray, Orochi, Vaponaute, Panzer, Private V2, Svabox, eGrip
    Citato in
    478 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    684
    Thanks ricevuti: 685 in 328 Posts

    Predefinito

    Ciao @Darioz ...
    No, non uso l'anello più alto perchè, rovesciando il cap, si aumenta ulteriormente il volume della camera di vaporizzazione e dopo mille prove ho realizzato che, per i miei gusti, era meglio con il foro più in basso.

    La torretta in ottone del positivo ruota agevolmente insieme al center post ed ho provato più volte a trovare il giusto allineamento con la mesh ma, alla fine, per realizzare una microcoil, è più semplice sostituirla con i dadini in ottone, IMHO.

    Con quale setup ti sei trovato meglio?

    - - - Updated - - -

    Beh, giusto per chiudere il cerchio, ho provato il Calibre in dual coil:




    Fantastico:




    Ho utilizzato un setup classico: 8 spire di K A1 da 0,25 su punta da 2 mm per ciascuna coil, con una resistenza complessiva di 0,9 ohm circa.
    Due rotolini di mesh in mesh da #270 delle misure già indicate.
    Il risultato è davvero godurioso: hit polmonare impressionante con liquidi a 6 di nico, aroma sempre ai massimi, vapore filippino e temperature relativamente fresche.
    Però, i consumi di liquido e batteria sono proporzionati alla resa ed inducono a sconsigliare un tale setup per l'uso quotidiano.
    Comunque da provare, IMHO.

  6. #4
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di Darioz
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    471
    Citato in
    101 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    319
    Thanks ricevuti: 100 in 70 Posts

    Predefinito

    @zero964 Ti credo che hai problemi ad allineare il foro del cap, uso l'anello più basso per cui per forza di cose ti trovi con il foro quasi sul deck... Io mi trovo benissimo con l'anello più alto e quindi tenendo rovesciato il cap (foro più in alto).. Non toglierei mai il pin positivo del Calibre. Troppo comodo, mi da super soddisfazione quando monto una coil

    Dual coil??? Mai provato
    Come riesci a tenere le due coil ben areate con un solo foro nel cap??

  7. #5
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di zero964
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    Southern Italy
    Messaggi
    896
    P.Vaporizer
    GG, Stingray, Orochi, Vaponaute, Panzer, Private V2, Svabox, eGrip
    Citato in
    478 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    684
    Thanks ricevuti: 685 in 328 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Darioz Visualizza Messaggio
    Come riesci a tenere le due coil ben areate con un solo foro nel cap??
    Ho anche il cap con i due fori ...
    Ma sono già tornato alla single coil ...

  8. #6
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di Darioz
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    471
    Citato in
    101 Post(s)
    Taggato in
    0 Thread(s)
    Thanks
    319
    Thanks ricevuti: 100 in 70 Posts

    Predefinito

    Aaah ok, non sapevo avessi il cap dual coil!!

  9. #7
    Senior Member
    ESP User
    L'avatar di zero964
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    Southern Italy
    Messaggi
    896
    P.Vaporizer
    GG, Stingray, Orochi, Vaponaute, Panzer, Private V2, Svabox, eGrip
    Citato in
    478 Post(s)
    Taggato in
    2 Thread(s)
    Thanks
    684
    Thanks ricevuti: 685 in 328 Posts

    Predefinito

    Old school is good school

    Dopo aver visto uno degli ultimi video del ******* [http://youtu.be/AkT_78m7GvU?list=UUf...YI5E0cltt9A3mg] e dopo aver ripassato la lezione con KillJoy [http://youtu.be/ceMZ47j8taI] ho deciso di provare il Calibre con un setup "old school"...

    Ho rimontato la torretta originale, cambiato l'anello superiore, 4 spire di K A1 da 0,20 mm su punta da 2,2 mm e due rotolini di mesh in mesh con la #270 ...




    Che dire: la resistenza mi è venuta un pochino alta, siamo sull'1,6 ohm, ma il risultato è davvero notevole ...grande aroma, buona fumosità (un pelino inferiore al setup con microcoil) e temperature perfette per i fruttati ... per il momento mi sa che abbandono le microcoils con la mesh ...

    Back to basics, yeah ...


Discussioni Simili

  1. Cerco CALIBRE 22.4 by VAPTECH Full KIT
    Di zero964 nel forum [Cerco]Mercatino
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29-05-2014, 12:16
  2. Con la nuova legge ...
    Di fmarcello81 nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 10-11-2013, 11:00
  3. legge di stabilita...
    Di yota82 nel forum La legge e Sigarette elettroniche
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-12-2012, 23:41
  4. 4-01-12 Decreto legge??
    Di polly nel forum News Dal Mondo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-12-2012, 02:13
  5. La Legge di Ohm
    Di Iannaj nel forum Discussioni Generali
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 12-10-2012, 08:31

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •