Lista Tag Utenti

Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: L’uso delle sigarette elettroniche promuove la cessazione dal fumo

  1. #1
    Administrator
    ESP User
    Very Old Poster L'avatar di pat71
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Locarno
    Messaggi
    12,423
    P.Vaporizer
    GP Paps - Provari Mini - Vinci - REO - Betti III - Galileo - GGTS
    Inserzioni Blog
    7
    Citato in
    1472 Post(s)
    Taggato in
    16 Thread(s)
    Thanks
    2,576
    Thanks ricevuti: 8,465 in 2,625 Posts

    Predefinito L’uso delle sigarette elettroniche promuove la cessazione dal fumo

    Il nuovo studio pubblicato da Etter e Bullen, accende il dibattito negli USA tra l’ACSH (Consiglio americano sulla scienza e la salute) e il CDC (Centro per il controllo delle malattie e la prevenzione).


    Questo il commento pubblicato sul sito dell’ACSH:

    Uno studio pubblicato sulla rivista Addictive Behaviors convalida ulteriormente la letteratura che si sta accumulando sui principali vantaggi nell’utilizzo della sigaretta elettronica ("vaping") per aiutare i fumatori a smettere la loro abitudine mortale.

    Due esperti di dipendenza e di tabacco, i dottori Jean-Francois Etter e Chris Bullen, rispettivamente dell'Istituto di medicina sociale e preventiva dell’Università di Ginevra e dell’Istituto nazionale per la salute dell’Università di Auckland, hanno reclutato 477 volontari provenienti da siti web dedicati alla sigaretta elettronica e/o a smettere di fumare, e hanno seguito le loro abitudini di fumo e vaping per un periodo di un mese (477 soggetti) e di un anno (367 soggetti).

    I risultati hanno dimostrato l'efficacia del vaping per ridurre il consumo di sigarette. Ad inizio dello studio, il 76% stava usando l’ecig quotidianamente; il 72% erano ex-fumatori (cioè, avevano smesso di fumare - nessun soggetto dello studio era un non-fumatore). Dopo un mese, quasi tutti coloro che svapavano quotidianamente lo stavano ancora facendo; dopo un anno, erano l’89%. Ma le cifre chiave sono queste: tra gli ex-fumatori che erano vapers regolari, solo il 6% ha avuto una recidiva con le sigarette, ad un mese e ad un anno. E altrettanto importante, tra quelli che erano "utilizzatori duali" - quelli cioè che fumavano e svapano allo stesso tempo - un incredibile 46% ha smesso di fumare entro il periodo di un anno.

    Uno degli autori ha commento prudentemente: "I nostri risultati potrebbero non essere generalizzabili a tutti vapers", ha detto Jean-Francois Etter, utilizzando il gergo degli utilizzatori di vaporizzatori personali. "Abbiamo avuto una maggioranza di ex-fumatori al basale, mentre nella popolazione generale, la maggior parte dei vapers sono fumatori correnti", ha detto a Reuters Health.

    Un esperto non associato con lo studio, il Prof. Peter Hajek - direttore dell’Unità di ricerca sulla dipendenza dal tabacco presso Barts e The London School of Medicine and Dentistry di Londra - era un po’ più entusiasta, queste le sue dichiarazioni alla Reuters Health: "Lo studio è... innovativo in quanto non si è limitato a chiedere un’informazione una tantum, come un certo numero di studi precedenti ha fatto, ma ha seguito gli utilizzatori di sigarette elettroniche per vedere cosa succede loro con l’uso delle ecig e con il fumo un anno dopo".

    Di solito chiudiamo i nostri articoli con un persuasivo punto di vista personale. Ma noi qui all’ACSH crediamo che il Dr. Hajek debba avere l'ultima parola su questo studio, e il tema della riduzione del danno in generale: "Ci sono due prodotti concorrenti per il business dei fumatori. Uno uccide la metà degli utenti, l'altro è di almeno un ordine di grandezza più sicuro. Non ha molto senso cercare di paralizzare quella più sicura così quella mortale mantiene il monopolio del mercato."

    In contrasto con le informazioni basate sulle prove dei benefici e della sicurezza dell’e-sigaretta, abbiamo questa recente, preoccupante e fuorviante, discussione manipolativa in un’intervista "esclusiva" di USA Today con l’ipocrita più illustre del CDC, il dottor Tom Frieden. Per risparmiare spazio, faremo notare soltanto due di queste menzogne più importanti:

    Tenere sotto controllo i nuovi prodotti non regolamentati da parte dell'industria del tabacco, che produce la maggior parte delle e-sigarette, è simile a giocare "whack-a-mole", ha detto Frieden. "I produttori di e-sigarette hanno sbandierato il loro valore di salute, sostenendo che avrebbero potuto aiutare i fumatori a smettere di usare il tabacco, così come fanno i prodotti di sostituzione della nicotina."

    I fatti salienti: 1- la maggior parte delle sigarette elettroniche non provengono dall’"industria del tabacco" ma da centinaia (o migliaia) di piccole imprese. 2- ai venditori di sigarette elettroniche è proibito per legge "strombazzare il valore salutare” delle ecig che le renderebbe come prodotti medicali, cui non sono, e Frieden lo sa abbastanza bene. E tra l'altro, i suoi cari "prodotti sostitutivi della nicotina" non aiutano, purtroppo, neanche più di tanto i fumatori a smettere. E il suo casuale mantra "stanno cercando di agganciare i nostri figli" si basa su nulla di più che la sua percezione distorta, pure questo illegale.

    Fonte: New study shows that vaping promotes quitting for smokers and ex-smokers | American Council on Science and Health (ACSH)


Discussioni Simili

  1. L' OMS chiede il ban delle sigarette elettroniche.
    Di Patalollo nel forum News Dal Mondo
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 12-11-2012, 23:44

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •